Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa fai quando una linea di crisi del suicidio non riesce?

Cosa fai quando una linea di crisi del suicidio non riesce?

0
56
Illustrazioni di Brittany England

In un periodo di crisi, il 32enne Kaley – che lotta con l'ansia e la depressione – ha cercato su Google il numero verde del suicidio e ha chiamato il primo a spuntare.

“Avevo a che fare con una crisi emotiva legata al lavoro. Il mio lavoro è arrivato al punto in cui non ero in grado di far fronte in modo sano e non avevo il supporto di salute mentale di cui avevo bisogno in quel momento ", ricorda.

“Qualcosa in me è appena scattato. Ho chiamato una hotline di crisi perché, anche se non avevo intenzione di seguire, non ero in grado di "disattivare" l'idea suicida. Avevo bisogno di parlare con qualcuno. "

La risposta che ricevette dalla persona all'altro capo del telefono, tuttavia, fu scioccante. "(Hanno) suggerito che la cura per il mio problema sarebbe quella di farmi fare le unghie o i capelli."

È stata una risposta negligente a una crisi di salute mentale, per non dire altro. "(L'operatore ha parlato) come se in passato non avessi provato nessuna versione di" cura di sé "della terapia al dettaglio, o come se fosse tutto ciò di cui avevo bisogno per sentirmi meglio."

Fortunatamente, Kaley ha fatto i passi successivi necessari per sentirsi al sicuro – ha riattaccato l'operatore della hotline e si è diretta all'ospedale dove si è registrata.

Comprensibilmente, l'esperienza l'ha lasciata con un cattivo sapore in bocca. Dice: "Chiunque fosse dall'altra parte della linea non era addestrato a trattare con persone in crisi acuta".

Le hotline per il suicidio sono pubblicizzate come una grazia salvifica per le persone in crisi. Ma cosa succede quando le persone che dovrebbero essere lì per te ti deludono o addirittura peggiorano le cose?

La chiamata da incubo di Kaley non è affatto un'esperienza unica. Le esperienze negative con il suicidio e le hotline di crisi sembrano essere un fenomeno fin troppo comune.

Molte delle persone che ho intervistato per questo articolo hanno riferito di essere state messe in attesa quando hanno chiamato una hotline – alcune per mezz'ora o più – mentre altre sono state reindirizzate a caselle di posta vocale complete o hanno ricevuto consigli inutili come quello che Kaley ha ricevuto.

Queste hotline sono spesso pubblicizzate come "la risposta" per qualcuno in crisi, ma un numero crescente di persone che lottano con la loro salute mentale si chiedono se ci si può fidare o meno.

E in un paese in cui si verifica un suicidio ogni 12 minuti ed è la decima causa di morte, la posta in gioco non potrebbe essere più alta.

Sollevare il telefono e chiamare una hotline può essere un passaggio importante in caso di crisi, ma dobbiamo rivolgerci all'elefante nella stanza: anche una hotline ha i suoi limiti.

Realisticamente, queste hotline non possono offrire qualunque cosa.Sebbene ogni hotline sia diversa, dobbiamo accettare che hanno limiti unici: alcuni a corto di personale, altri a corto di personale e quasi tutti sono sovraccarichi.

E mentre stanno emergendo più opzioni per rispondere a questa esigenza, comprese le opzioni basate su testo, ciò non si traduce sempre in servizi migliori.

Sam, 27 anni, non ha avuto molta fortuna con l'opzione testuale. “Ho usato Crisis Text Line quando stavo lottando molto intensamente con l'anoressia nervosa. Se scrivi "NEDA" alla riga di testo di crisi, che è l'acronimo dell'Associazione nazionale dei disturbi alimentari, si presume che tu abbia qualcuno competente in materia di alimentazione disordinata ", dice.

"Invece, quando ho condiviso ciò con cui stavo lottando, essenzialmente mi è stato ricambiato il pensiero come" Quello che sto ascoltando è che stai lottando con un disturbo alimentare ". Poi mi hanno detto di usare un gruppo di supporto online per entrare in contatto con altre persone con disturbi alimentari, mi ha inviato un link e firmato. "

Non sembra necessariamente un'esperienza "negativa", fino a quando non senti cosa è successo dopo. "Quando ho fatto clic sul collegamento, è stato interrotto", ricorda. "Mi spaventa che non si siano preoccupati di controllare il link prima di inviarlo."

A quel punto, con un link inutilizzabile a una risorsa di supporto a cui non era in grado di accedere, Sam è stato lasciato esattamente dove ha iniziato.

Molti sostenitori come Sam sono ora riluttanti a usare le linee di crisi, per non parlare di raccomandarli senza un certo ammonimento.

Chiamanti come Sam hanno espresso preoccupazione per l'approccio utilizzato da molti operatori. Il "pappagallo" che ha descritto è fin troppo comune – noto anche come ascolto riflessivo – ma non è necessariamente colpa dell'operatore.

Questa tecnica è spesso insegnata da hotline e servizi di chat come Crisis Text Line. Sebbene il metodo abbia lo scopo di aiutare i chiamanti e gli utenti a sentirsi ascoltati e compresi, sembra principalmente causare frustrazione.

"Ho contattato entrambe le hotline per i suicidi e i disturbi alimentari e non ho mai avuto un'esperienza in cui non mi sentivo come se li stessi educando o fingendo che le loro risorse fossero utili", dice Lauren, 24 anni, un altro chiamante che ha sperimentato "il pappagallo".

"Capisco perfettamente che sono volontari e c'è un limite a ciò che possono fare, ma di solito finiscono semplicemente per usare l'ascolto riflessivo in un modo davvero ottuso e inutile", aggiungono.

Con risposte come queste, non sorprende che i chiamanti stiano iniziando a perdere la fiducia nelle risorse che sono descritte come critiche per la loro sopravvivenza.

"(L'ascolto riflessivo) può essere empatico se usato bene", spiega Lauren. "Ma di solito è come se dicessi:" Sono davvero sopraffatto "… e loro rispondono con" Quindi ti sento dire che sei davvero sopraffatto "."

Lauren ammette di essersi autolesionata o auto-curata dopo queste chiamate improduttive. “Deve esserci un modo per allenarsi diversamente. (Una hotline è) ovviamente non sarà mai la stessa della terapia. Ma al momento non è affatto utile ", affermano.

Mentre le hotline possono essere incalzanti, come qualsiasi altra risorsa di salute mentale, è importante sapere che hai altri modi per proteggerti.

Samantha Levine, LCSW, dei Behavioural Health Associates dell'UCLA ha alcuni suggerimenti per le persone in crisi, indipendentemente dal fatto che abbiano chiamato o meno una hotline.

Una cosa che nota è l'importanza di identificare se si hanno pensieri suicidi passivi o piani per porre veramente fine alla propria vita.

"Molte persone hanno questi pensieri passivi sulla fine della loro vita, ma non hanno un piano e sono in grado di identificare che è più un pensiero sul voler porre fine alle loro emozioni dolorose o spaventose piuttosto che uccidersi", dice.

"È importante aiutare le persone a capire che solo perché stai provando queste emozioni, non significa necessariamente che perderai il controllo o agirai sui tuoi pensieri".

Indipendentemente da ciò, Levine esorta le persone con una storia di pensieri suicidi ad adottare misure per garantire che si trovino in un ambiente sicuro. “Se ci sono armi in giro, cosa può fare la persona per proteggere quelle armi? C'è un altro posto in cui possono andare fino a quando non è passata la tentazione di farsi del male? Possono coinvolgere qualcun altro per aiutarli? "

"Un esempio potrebbe essere", ho chiesto a mio zio di mettere al sicuro la mia pistola a casa sua e di non dirmi dove fosse ", oppure" sono andato a casa del mio migliore amico per guardare un film perché avevo bisogno di auto- danno "", continua.

La chiave qui è assicurarsi che non sei solo con i tuoi pensieri e che non hai accesso agli strumenti che potresti usare per agire su di essi. E creare una linea di comunicazione attraverso l'individuazione dei propri cari quando possibile può anche far parte del tuo piano di sicurezza.

Tuttavia, sottolinea l'importanza di andare in ospedale se pensi di essere in pericolo.

"Se le persone hanno un piano per farsi del male o porre fine alle loro vite sul posto, o se i pensieri di farsi del male si intensificano, li esorto a chiamare il 911 e andare al pronto soccorso", dice Levine.

Suggerisce anche di esaminare i centri di assistenza psichiatrica urgenti locali, che possono essere un'ottima alternativa alla visita al pronto soccorso, se disponibile nella tua città.

Che tu sia in crisi o no, non c'è mai un brutto momento per creare un piano di sicurezza.

Vera Hannush, operatore della hotline nazionale LGBT, si occupa spesso di chiamate che coinvolgono il suicidio. Come formatrice appena nominata presso la hotline, sta lavorando per formare gli operatori per essere in grado di gestire adeguatamente i chiamanti suicidi e garantire loro la migliore assistenza.

Fa eco ai sentimenti di Levine di creare un ambiente sicuro e usare abilità di coping per distrarre dai pensieri negativi. Un altro suggerimento che menziona è quello di concentrarsi sul futuro.

Hannush spiega: "C'è qualcosa che li ha aiutati prima se si sono sentiti così prima? Possono pensare a qualcosa da fare nell'ora successiva / domani (ponendo così un orientamento al futuro)? C'è uno spazio sicuro in cui possono andare? ”

Stabilisci piani per il futuro, sia vicino che non così vicino, per focalizzare l'attenzione e creare un piano di gioco.

Hannush raccomanda inoltre di compilare un piano di sicurezza personale, offerto dalla hotline per delineare misure di sicurezza, persone con cui parlare e capacità di adattamento che funzionano per te.

Alcune abilità di coping potrebbero includere:

  • esercizi di respirazione come la respirazione stimolata

  • praticare la meditazione e la consapevolezza (ci sono app per questo!)
  • journaling (ad esempio, scrivere un elenco dei motivi per cui sei rimasto in vita o che cosa ti impedisce di farti del male)

  • esercizio fisico (anche solo fare una passeggiata o provare alcune posizioni yoga può aiutare)
  • guardare o ascoltare qualcosa che ti fa ridere
  • uscire di casa (magari andare in un bar o in un luogo pubblico dove è meno probabile che ti faccia del male)
  • parlare con un familiare o un buon amico
  • utilizzando risorse virtuali di auto-cura, come youfeellikeshit.com o Wysa

Tenere un elenco come questo a portata di mano può essere di grande aiuto per fare riferimento quando si è in crisi o si ha la sensazione che ci si sta dirigendo lì. Può essere molto più difficile pensare razionalmente e trovare idee valide mentre sei in uno stato acuto.

Mentre le abilità di coping non "cureranno" una crisi di salute mentale, possono aiutare a decalcificarla in modo da poter risolvere i problemi in un punto più stabile in futuro.

Detto questo, ci sono sorprendenti operatori di linee di crisi che aiutano davvero le persone quando ne hanno bisogno. Queste persone salvano vite.

Ma nel caso in cui una chiamata non vada come speravi, ricordati che ci sono molte opzioni per cambiare le cose.

L'hai capito.

Prevenzione del suicidio

  • Se ritieni che qualcuno sia a rischio immediato di autolesionismo o di ferire un'altra persona:
  • • Chiama il 911 o il tuo numero di emergenza locale.
  • • Resta con la persona fino all'arrivo dell'aiuto.
  • • Rimuovere pistole, coltelli, farmaci o altre cose che potrebbero causare danni.
  • • Ascolta, ma non giudicare, discutere, minacciare o urlare.
  • Se tu o qualcuno che conosci sta prendendo in considerazione il suicidio, chiedi aiuto da una hotline per la prevenzione di crisi o suicidi. Prova il National Suicide Prevention Lifeline a 800-273-8255.

Ashley Laderer è una scrittrice che mira a rompere lo stigma che circonda la malattia mentale e a far sentire meno soli quelli che vivono con ansia e depressione. Ha sede a New York, ma spesso la puoi trovare in viaggio altrove. Seguila su Instagram e cinguettio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here