Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa dovresti sapere sull'HIV nei bambini

Cosa dovresti sapere sull'HIV nei bambini

0
87

Il trattamento per l'HIV ha fatto molta strada negli ultimi anni. Oggi molti bambini che vivono con l'HIV prosperano fino all'età adulta.

L'HIV è un virus che attacca il sistema immunitario. Ciò rende i bambini con HIV più vulnerabili alle infezioni e alle malattie. Il trattamento giusto può aiutare a prevenire le malattie e impedire all'HIV di progredire verso l'AIDS.

Continua a leggere mentre discutiamo delle cause dell'HIV nei bambini e delle sfide uniche del trattamento di bambini e adolescenti che vivono con l'HIV.

Cosa causa l'HIV nei bambini?

Trasmissione verticale

Un bambino può nascere con l'HIV o contrarlo subito dopo la nascita. L'HIV contratto in utero si chiama trasmissione perinatale o trasmissione verticale.

La trasmissione dell'HIV ai bambini può avvenire:

  • durante la gestazione (passando da madre a bambino attraverso la placenta)
  • durante il parto (attraverso il trasferimento di sangue o altri liquidi)
  • durante l'allattamento

Naturalmente, non tutti coloro che hanno l'HIV lo passeranno al loro bambino, specialmente quando seguono la terapia antiretrovirale.

In tutto il mondo, il tasso di trasmissione dell'HIV durante la gravidanza scende al di sotto del 5% con l'intervento, secondo la Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Senza intervento, il tasso di trasmissione dell'HIV durante la gravidanza è di circa il 15-45 percento.

Negli Stati Uniti, la trasmissione verticale è il modo più comune in cui i bambini di età inferiore ai 13 anni contraggono l'HIV.

Trasmissione orizzontale

La trasmissione secondaria, o trasmissione orizzontale, è quando l'HIV viene trasferito per contatto con seme infetto, liquido vaginale o sangue.

La trasmissione sessuale è il modo più comune in cui gli adolescenti contraggono l'HIV. La trasmissione può avvenire durante il sesso vaginale, orale o anale non protetto.

Gli adolescenti non possono sempre usare un metodo barriera di controllo delle nascite o usarlo correttamente. Potrebbero non sapere di avere l'HIV e trasmetterlo ad altri.

Non utilizzare un metodo di barriera come un preservativo o utilizzarlo in modo errato può aumentare il rischio di contrarre un'infezione a trasmissione sessuale (STI), che aumenta anche il rischio di contrarre o trasmettere l'HIV.

Anche i bambini e gli adolescenti che condividono aghi, siringhe e oggetti simili sono a rischio di contrarre l'HIV.

L'HIV può essere trasmesso anche attraverso il sangue infetto in ambito sanitario. È più probabile che ciò accada in alcune regioni del mondo più di altre. Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, lo è estremamente raro negli Stati Uniti.

L'HIV non si diffonde attraverso:

  • morsi di insetto
  • saliva
  • sudore
  • lacrime
  • abbracci

Non puoi ottenerlo dalla condivisione:

  • asciugamani o biancheria da letto
  • bicchieri o utensili per mangiare
  • sedili per WC o piscine

Sintomi dell'HIV nei bambini e negli adolescenti

All'inizio un bambino potrebbe non avere sintomi evidenti. Man mano che il sistema immunitario si indebolisce, potresti iniziare a notare:

  • mancanza di energia
  • crescita e sviluppo ritardati
  • febbre persistente, sudorazione
  • diarrea frequente
  • linfonodi ingrossati
  • infezioni ripetute o prolungate che non rispondono bene al trattamento
  • perdita di peso
  • incapacità di prosperare

I sintomi variano da bambino a bambino e con l'età. Bambini e ragazzi possono avere:

  • eruzione cutanea
  • mughetto orale
  • frequenti infezioni da lieviti vaginali
  • fegato o milza ingrossati
  • infezioni polmonari
  • problemi ai reni
  • problemi di memoria e concentrazione
  • tumori benigni o maligni

I bambini con HIV non trattato sono più vulnerabili allo sviluppo di condizioni come:

  • varicella
  • herpes zoster
  • erpete
  • epatite
  • Malattia infiammatoria pelvica
  • polmonite
  • meningite

Come viene diagnosticata

L'HIV viene diagnosticato tramite analisi del sangue, ma può richiedere più di un test.

La diagnosi può essere confermata se il sangue contiene anticorpi anti-HIV. Ma all'inizio del decorso dell'infezione, i livelli di anticorpi potrebbero non essere abbastanza alti per essere rilevati.

Se il test è negativo ma si sospetta l'HIV, il test può essere ripetuto in 3 mesi e di nuovo a 6 mesi.

Quando un adolescente risulta positivo all'HIV, tutti i partner sessuali e le persone con cui possono aver condiviso aghi o siringhe devono essere informati in modo da poter essere testati e iniziare il trattamento, se necessario.

Nel 2018, il CDC segnalati nuovi casi di HIV negli Stati Uniti per età come:

Età Numero di casi
0-13 99
13-14 25
15-19 1.711

Come viene trattato?

L'HIV potrebbe non avere una cura attuale, ma può essere efficacemente trattato e gestito. Oggi molti bambini e adulti con l'HIV vivono una vita lunga e sana.

Il trattamento principale per i bambini è lo stesso degli adulti: terapia antiretrovirale. La terapia antiretrovirale e i farmaci aiutano a prevenire la progressione e la trasmissione dell'HIV.

Il trattamento per i bambini richiede alcune considerazioni speciali. L'età, la crescita e lo stadio di sviluppo contano e devono essere rivalutati mentre il bambino avanza attraverso la pubertà e fino all'età adulta.

Altri fattori da prendere in considerazione includono:

  • gravità dell'infezione da HIV
  • il rischio di progressione
  • malattie correlate all'HIV precedenti e attuali
  • tossicità a breve e lungo termine
  • effetti collaterali
  • interazioni farmacologiche

Una revisione sistematica del 2014 ha rilevato che l'avvio della terapia antiretrovirale subito dopo la nascita aumenta la durata della vita di un bambino, diminuisce la malattia grave e diminuisce le possibilità che l'HIV progredisca verso l'AIDS.

La terapia antiretrovirale prevede una combinazione di almeno tre diversi farmaci antiretrovirali.

Quando scelgono quali farmaci usare, gli operatori sanitari considerano la possibilità di resistenza ai farmaci, che influenzerà le future opzioni di trattamento. Di tanto in tanto potrebbe essere necessario adattare i farmaci.

Un ingrediente chiave per il successo della terapia antiretrovirale è l'adesione al regime di trattamento. Secondo l'OMS, ci vuole più di 95 percento per la soppressione prolungata del virus.

Aderenza significa assumere i farmaci esattamente come prescritto. Questo può essere difficile per i bambini, soprattutto se hanno difficoltà a deglutire le pillole o vogliono evitare spiacevoli effetti collaterali. Per ovviare a questo, alcuni farmaci sono disponibili in liquidi o sciroppi per facilitare l'assunzione da parte dei bambini.

Anche i genitori e gli operatori sanitari devono lavorare a stretto contatto con gli operatori sanitari. In alcuni casi, la consulenza familiare può essere utile per tutti i soggetti coinvolti.

Gli adolescenti che vivono con l'HIV possono anche aver bisogno di:

  • consulenza sulla salute mentale e gruppi di supporto
  • consulenza sulla salute riproduttiva, compresa la contraccezione, sane abitudini sessuali e gravidanza
  • test per le IST
  • screening sull'uso di sostanze
  • sostegno per una transizione agevole nella sanità degli adulti

Sono in corso ricerche sull'HIV pediatrico. Le linee guida per il trattamento possono essere aggiornate frequentemente.

Assicurati di tenere informato il fornitore di assistenza sanitaria di tuo figlio sui sintomi nuovi o in evoluzione, nonché sugli effetti collaterali dei farmaci. Non esitare mai a porre domande sulla salute e sul trattamento di tuo figlio.

Vaccinazioni e HIV

Sebbene siano in corso studi clinici, al momento non esistono vaccini approvati per prevenire o curare l'HIV.

Ma poiché l'HIV può rendere più difficile per il corpo combattere le infezioni, i bambini e gli adolescenti con l'HIV devono essere vaccinati contro altre malattie.

I vaccini vivi possono innescare una risposta immunitaria, quindi, se disponibili, le persone con HIV dovrebbero ricevere vaccini inattivati.

Il tuo medico può consigliarti sui tempi e altri dettagli sui vaccini. Questi possono includere:

  • varicella (varicella, fuoco di Sant'Antonio)

  • epatite B
  • papillomavirus umano (HPV)
  • influenza
  • morbillo, parotite e rosolia (MMR)

  • meningite meningococcica
  • polmonite
  • polio
  • tetano, difterite e pertosse (Tdap)

  • epatite A

Quando si viaggia fuori dal paese, possono essere consigliabili anche altri vaccini, come quelli che proteggono dal colera o dalla febbre gialla. Parla con il medico di tuo figlio molto prima dei viaggi internazionali.

Porta via

Crescere con l'HIV può presentare molte sfide per bambini e genitori, ma aderire alla terapia antiretrovirale – e avere un forte sistema di supporto – può aiutare i bambini e gli adolescenti a vivere una vita sana e soddisfacente.

Ci sono molti servizi di supporto disponibili per i bambini, le loro famiglie e gli operatori sanitari. Per ulteriori informazioni, chiedi agli operatori sanitari di tuo figlio di indirizzarti a gruppi nella tua zona, oppure puoi chiamare la hotline HIV / AIDS del tuo stato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here