Con una nazione in crisi, è tempo di cancellare lo stigma della crisi da oppiacei

0
53

Centotrenta persone al giorno sono una cifra sbalorditiva – e probabilmente non si ridurrà presto. In realtà, gli esperti sostengono che la crisi degli oppiacei potrebbe peggiorare prima che migliori. E sebbene il numero di decessi correlati agli oppioidi sia diminuito in alcuni stati, sta ancora aumentando a livello nazionale. (Il numero di overdose da oppiacei è aumentato del 30 percento a livello nazionale tra luglio 2016 e settembre 2017.)

In poche parole, stiamo vivendo una crisi di salute pubblica di proporzioni enormi che colpisce tutti noi.

È importante sapere, tuttavia, che le donne hanno il proprio insieme unico di fattori di rischio quando si tratta di uso di oppiacei. Le donne hanno maggiori probabilità di provare dolore cronico, sia correlato a disturbi come l'artrite, la fibromialgia e l'emicrania o condizioni come fibromi uterini, endometriosi e vulvodinia che si verificano esclusivamente nelle donne.

La ricerca ha scoperto che è più probabile che alle donne vengano prescritti oppioidi per curare il loro dolore, sia a dosi più elevate che per periodi di tempo più lunghi. Inoltre, potrebbero esserci in gioco tendenze biologiche che fanno sì che le donne diventino più facilmente dipendenti dagli oppioidi rispetto agli uomini. Sono ancora necessarie ulteriori ricerche per capire il perché.

Gli oppioidi includono antidolorifici e eroina. Inoltre, l'oppioide sintetico noto come fentanil, che è da 80 a 100 volte più forte della morfina, ha aggiunto al problema. Originariamente sviluppato per gestire il dolore delle persone con cancro, il fentanil viene spesso aggiunto all'eroina per aumentarne la potenza. A volte è mascherato da eroina altamente potente, che aumenta il potenziale di maggiori abusi e decessi per overdose.

Più di un terzo dell'intera popolazione adulta degli Stati Uniti ha utilizzato farmaci antidolorifici su prescrizione nel 2015 e, sebbene la maggior parte di coloro che assumono farmaci antidolorifici su prescrizione medica non li abusi, alcuni lo fanno.

Nel 2016, 11 milioni di persone hanno ammesso di aver abusato degli oppioidi da prescrizione durante l'anno precedente, citando ragioni come la necessità di alleviare il dolore fisico, aiutare con il sonno, sentirsi bene o alzarsi, aiutare con sentimenti o emozioni o aumentare o diminuire gli effetti di altri farmaci.

Sebbene molte persone riferiscano di aver bisogno di assumere oppioidi per alleviare il dolore fisico, è considerato un uso improprio se prendono più del dosaggio prescritto o prendono il farmaco senza una prescrizione propria.

Tutto ciò continua ad avere un enorme effetto sulle donne, sulle loro famiglie e comunità. Gli esperti affermano, ad esempio, che circa il 4-6 percento di coloro che abusano di oppioidi continueranno a usare l'eroina, mentre altre conseguenze devastanti che colpiscono le donne includono in particolare la sindrome da astinenza neonatale (NAS), un gruppo di condizioni risultanti dall'esposizione ai farmaci di un bambino preso dalla madre incinta.

Come infermiera registrata che attualmente esercita la medicina materna e fetale, conosco in prima persona l'importanza delle persone che ricevono un trattamento per condizioni come il disturbo da uso di oppioidi (OUD) e gli scarsi risultati sia per le madri che per i neonati quando tale trattamento non avviene. So anche che questa epidemia non discrimina: colpisce madri e bambini di ogni estrazione socioeconomica.

In effetti, chiunque prenda oppioidi è a rischio di abuso, mentre solo 2 persone su 10 che cercano un trattamento OUD avranno accesso ad esso quando lo desiderano. Ecco perché è importante rimuovere lo stigma e la vergogna associati all'OUD e incoraggiare un maggior numero di donne a ricevere le cure di cui hanno bisogno per vivere una vita più sana.

A tal fine, dobbiamo:

Riconosci che OUD è una malattia medica. L'OUD non discrimina, né è un segno di debolezza morale o personale. Invece, come altre malattie, il disturbo da uso di oppioidi può essere trattato con farmaci.

Ridurre gli ostacoli al trattamento e condividere i risultati. I legislatori possono comunicare che le cure mediche per OUD sono disponibili, sicure ed efficaci e forniscono risultati comprovati, contribuendo nel contempo a migliorare l'accesso alle cure per i pazienti promuovendo la copertura assicurativa e applicando le tutele dei consumatori.

Espandere finanziamenti per trattamenti assistiti dal medico per OUD. I gruppi del settore pubblico e privato coinvolti nell'assistenza sanitaria, nella sanità pubblica, nei primi soccorritori e nel sistema giudiziario devono collaborare per promuovere l'uso di trattamenti medici assistiti per OUD.

Considera le parole che usiamo quando parliamo di OUD. Un saggio sulla rivista JAMA sostiene, ad esempio, che i clinici dovrebbero guardare per "linguaggio caricato", raccomandando invece di parlare con i nostri pazienti con OUD come faremmo quando trattiamo qualcuno con diabete o ipertensione.

Ancora più importante, se tu o una persona cara vivete con OUD, dobbiamo evitare la colpa di noi stessi. L'uso di oppiacei può alterare il cervello, producendo potenti voglie e compulsioni che possono rendere più facile diventare dipendenti ed estremamente difficili da smettere. Ciò non significa tuttavia che tali modifiche non possano essere trattate o annullate. Solo che la strada del ritorno sarà una dura salita.


Beth Battaglino, RN è CEO di HealthyWomen. Ha lavorato nel settore sanitario per oltre 25 anni aiutando a definire e guidare programmi di educazione pubblica su una vasta gamma di problemi di salute delle donne. È anche un'infermiera praticante nella salute materna dei bambini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here