Colloqui NATO-Russia in stallo in mezzo al “rischio reale” di guerra in Ucraina

0
74

La NATO avverte la Russia che non scenderà a compromessi sui principi dell’alleanza, ma invita Mosca a più colloqui sui timori per la sicurezza dell’Ucraina.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che “c’è un rischio reale per un nuovo conflitto armato in Europa” [Johanna Geron/Reuters]

La NATO e gli Stati Uniti hanno respinto le principali richieste di sicurezza russe per allentare le tensioni sull’Ucraina, ma hanno lasciato aperta la possibilità di futuri colloqui con Mosca sul controllo degli armamenti, sul dispiegamento di missili e sui modi per prevenire incidenti militari tra Russia e Occidente.

Le decisioni sono arrivate mercoledì in una riunione del Consiglio NATO-Russia, la prima del suo genere in più di due anni. Il fatto che la delegazione russa non abbia abbandonato i colloqui e sia rimasta aperta alla prospettiva di incontri futuri nonostante l’Occidente abbia respinto le richieste centrali è stata vista come una nota positiva in una settimana di incontri ad alto livello volti a scongiurare una temuta invasione russa dell’Ucraina.

Il presidente russo Vladimir Putin vuole che la NATO ritiri le sue truppe e le sue attrezzature militari dai paesi vicini alla Russia, che include l’Ucraina ma anche alleati della NATO come Estonia, Lettonia e Lituania. Putin vuole anche che l’alleanza militare delle 30 nazioni accetti di non ammettere altri membri.

L’incontro è stato convocato poiché la Russia ha ammassato circa 100.000 soldati pronti per il combattimento, carri armati e equipaggiamento militare pesante vicino al confine orientale dell’Ucraina.

La Russia ha negato di avere nuovi piani per attaccare il suo vicino e, a sua volta, accusa l’Occidente di minacciare la sua sicurezza.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, che ha presieduto la riunione, ha affermato che le nazioni della NATO e gli inviati russi “hanno espresso la necessità di riprendere il dialogo e di esplorare un programma di incontri futuri”.

Stoltenberg ha affermato che la NATO è desiderosa di discutere i modi per prevenire pericolosi incidenti o incidenti militari e ridurre lo spazio e le minacce informatiche, nonché di parlare di controllo degli armamenti e disarmo, inclusa la definizione di limiti concordati per il dispiegamento di missili.

Ma Stoltenberg ha detto che qualsiasi discorso sull’Ucraina non sarebbe stato facile. La Russia ha annesso la penisola di Crimea dall’Ucraina nel 2014 e ha sostenuto i separatisti nell’Ucraina orientale. Negli anni successivi, i combattimenti hanno ucciso più di 14.000 persone e devastato il cuore industriale dell’Ucraina, noto come Donbas.

“Ci sono differenze significative tra gli alleati della NATO e la Russia su questo problema” dell’adesione dell’Ucraina alla NATO, ha detto Stoltenberg ai giornalisti dopo quello che ha definito “uno scambio molto serio e diretto” con il viceministro degli Esteri russo Alexander Grushko e il viceministro della Difesa Alexander Fomin.

“C’è un rischio reale per un nuovo conflitto armato in Europa”, ha aggiunto Stoltenberg.

Stoltenberg ha sottolineato che l’Ucraina ha il diritto di decidere i suoi futuri accordi di sicurezza e che la NATO continuerà a lasciare la sua porta aperta a nuovi membri, rifiutando una richiesta chiave di Putin che l’organizzazione militare fermi la sua espansione.

“Nessun altro ha niente da dire e, naturalmente, la Russia non ha un veto”, ha detto.

Grushko, da parte sua, ha descritto i discorsi di mercoledì come “seri, profondi e sostanziali”. Ha offerto una valutazione meno ottimistica, sottolineando che l’espansione della NATO rappresenta una minaccia per la sicurezza della Russia, ma non ha escluso future discussioni con l’alleanza.

“È assolutamente imperativo porre fine alla politica delle porte aperte e offrire alla Russia garanzie legalmente vincolanti che precludano un’ulteriore espansione della NATO verso est”, ha aggiunto Grushko.

“La libertà di scegliere i modi per garantire la propria sicurezza non deve essere attuata in modo da violare i legittimi interessi di sicurezza degli altri”.

Natacha Butler di Al Jazeera ha affermato che consentire alla Russia di impedire che l’Ucraina un giorno si unisca alla NATO è qualcosa che l’alleanza non può tollerare.

“Questo è il problema fondamentale di questo incontro”, ha detto.

“Ed è stato molto chiaro da Stoltenberg che, sebbene tu abbia due parti, Russia e NATO, che sembrano aver concordato di continuare almeno con il dialogo, alla fine nessuno dei due sembrava aver trovato un altro terreno comune, ma sono piuttosto bloccati le loro posizioni”, ha aggiunto Butler.

‘Non partenti’

Intervenendo dopo l’incontro al quartier generale della Nato a Bruxelles, il vicesegretario di Stato americano Wendy Sherman ha riaffermato che alcune delle richieste di sicurezza di Putin “non sono altro che elementi di partenza”.

“Non sbatteremo la porta alla politica delle porte aperte della NATO”, ha detto ai giornalisti dopo quasi quattro ore di colloqui. “Non siamo d’accordo sul fatto che la NATO non possa espandersi ulteriormente”.

Pur rilevando che “l’escalation non crea le condizioni ottimali per la diplomazia, per non dire altro”, Sherman ha anche espresso ottimismo, dato che Mosca non ha respinto l’idea di ulteriori colloqui.

Grushko in seguito disse che Mosca avrebbe usato mezzi militari per neutralizzare le minacce alla sicurezza se la diplomazia si fosse rivelata insufficiente.

L’agenzia di stampa Interfax ha citato il viceministro della Difesa russo Fomin dicendo che “l’ignoranza” della NATO delle proposte di sicurezza russe ha creato il rischio di “incidenti e conflitti”.

Il Consiglio NATO-Russia è stato istituito due decenni fa, ma le riunioni complete si sono interrotte quando la Russia ha annesso la penisola di Crimea sette anni fa. Da allora si è riunito solo sporadicamente, l’ultima volta a luglio 2019.

Tra le proposte russe respinte mercoledì c’erano una bozza di accordo con i paesi della NATO e l’offerta di un trattato tra Russia e Stati Uniti.

L’accordo avrebbe richiesto alla NATO di interrompere tutti i piani di adesione, non solo con l’Ucraina, e ridurre la sua presenza nei paesi vicini ai confini della Russia. In cambio, la Russia si sarebbe impegnata a limitare i suoi giochi di guerra e a porre fine alle ostilità di basso livello come gli incidenti con il ronzio degli aerei.

Sostenere un tale accordo significherebbe che la NATO abbandonerebbe un principio chiave del suo trattato istitutivo, secondo il quale l’alleanza può invitare in qualsiasi paese europeo disposto che possa contribuire alla sicurezza nell’area del Nord Atlantico e adempiere agli obblighi derivanti dall’adesione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here