Chi sono gli uomini che guidano il nuovo governo dei talebani?

0
53

Diverse figure di spicco del nuovo governo talebano in Afghanistan hanno stretti legami con il fondatore dei talebani, il mullah Omar.

Il mullah Abdul Ghani Baradar è stato nominato vice primo ministro ad interim [Ibraheem al Omari/Reuters]
Il mullah Abdul Ghani Baradar è stato nominato vice primo ministro ad interim [Ibraheem al Omari/Reuters]

(Al Jazeera)

I talebani hanno annunciato posti chiave per il loro nuovo governo in Afghanistan, settimane dopo che il gruppo ha preso il controllo del paese.

Il mullah Mohammad Hasan Akhund, che è nella lista delle sanzioni delle Nazioni Unite, è stato nominato capo del nuovo governo, mentre il co-fondatore talebano Abdul Ghani Baradar è stato nominato suo vice in una conferenza stampa a Kabul martedì.

Il funzionamento interno e la leadership dei talebani sono stati a lungo avvolti dal segreto, anche quando in precedenza governavano l’Afghanistan dal 1996 al 2001.

Diversi posti di governo devono ancora essere annunciati. Ecco una carrellata di diversi alti funzionari chiave annunciati martedì:

Mohammad Hasan Akhund, primo ministro ad interim

Il mullah Mohammed Hasan Akhund è un veterano talebano, stretto collaboratore e consigliere politico del mullah Omar, fondatore del movimento e primo leader supremo.

Membro del Consiglio Supremo del gruppo, è stato viceministro degli Esteri nel loro precedente regime ed è stato inserito nell’elenco delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite legate agli “atti e attività” dei talebani.

Da Kandahar, in precedenza era stato governatore talebano della provincia chiave. È stato anche ministro degli esteri e vice primo ministro durante il primo periodo al potere dei talebani in Afghanistan negli anni ’90.

Le Nazioni Unite hanno affermato che aveva la reputazione di essere stato “uno dei comandanti talebani più efficaci”.

Abdul Ghani Baradar, vice primo ministro ad interim

Abdul Ghani Baradar, nominato vice di Hasan, è cresciuto a Kandahar.

Come la maggior parte degli afgani, la vita di Baradar è stata cambiata per sempre dall’invasione sovietica del paese alla fine degli anni ’70, trasformandolo in un combattente.

Si credeva che avesse combattuto fianco a fianco con il mullah Omar.

I due avrebbero continuato a fondare il movimento talebano nei primi anni ’90 durante il caos e la corruzione della guerra civile che seguì il ritiro sovietico.

Dopo che il governo talebano è stato rovesciato nel 2001 dalle forze guidate dagli Stati Uniti, si ritiene che Baradar sia stato tra un piccolo gruppo di membri talebani che hanno avvicinato il leader ad interim Hamid Karzai con un potenziale accordo che avrebbe visto il gruppo riconoscere la nuova amministrazione.

Arrestato in Pakistan nel 2010, Baradar è stato tenuto in custodia fino a quando la pressione degli Stati Uniti non lo ha visto liberato nel 2018 e trasferito in Qatar.

Lì è stato nominato capo dell’ufficio politico dei talebani e ha supervisionato la firma dell’accordo di ritiro delle truppe con gli Stati Uniti.

Sirajuddin Haqqani, ministro degli interni ad interim

Figlio di un famoso comandante della guerra contro i sovietici, Sirajuddin Haqqani è diventato vice capo dei talebani e capo della potente rete Haqqani.

Sarà ministro dell’Interno nel nuovo regime. La rete Haqqani è un “gruppo terroristico” designato dagli Stati Uniti da tempo considerato uno dei gruppi armati più pericolosi in Afghanistan.

È famigerato per il suo uso di attentatori suicidi e si ritiene che abbia orchestrato alcuni degli attacchi di più alto profilo a Kabul nel corso degli anni.

La rete è anche accusata di aver assassinato alti funzionari afgani e di aver tenuto in ostaggio cittadini occidentali rapiti, incluso il soldato americano Bowe Bergdahl, rilasciato nel 2014.

Conosciuti per la loro indipendenza, acume combattivo e astuti rapporti d’affari, gli Haqqani hanno sede principalmente nell’Afghanistan orientale e hanno una notevole influenza sul consiglio direttivo dei talebani.

Mullah Yaqoob, ministro della Difesa ad interim

Il figlio del co-fondatore talebano Mullah Omar, Mullah Yaqoob è a capo della potente commissione militare del gruppo, che ha supervisionato la vasta rete di comandanti sul campo incaricati di eseguire la ribellione.

Martedì è stato nominato ministro della Difesa. Il padre di Yaqoob godeva di uno status di culto come leader dei talebani, e quel potente lignaggio lo rende una figura unificante nel movimento.

Mawlawi Amir Khan Mutaqi, ministro degli Esteri ad interim

Originario della provincia di Paktia, Mutaqi si definisce un residente di Helmand.

Mutaqi è stato ministro della cultura e dell’informazione durante il precedente governo talebano, nonché ministro dell’istruzione. Mutaqi è stato successivamente inviato in Qatar ed è stato nominato membro della commissione di pace e del team di negoziazione che ha tenuto colloqui con gli Stati Uniti.

Né comandante militare né leader religioso, secondo fonti talebane, Mutaqi è il presidente della Commissione di invito e guida, che durante l’insurrezione aveva guidato gli sforzi per far disertare funzionari governativi e altre figure chiave.

In dichiarazioni e discorsi mentre infuriavano i combattimenti per il controllo del paese, ha proiettato una voce moderata, invitando le forze rintanate nei capoluoghi di provincia a parlare con il gruppo per evitare combattimenti nelle aree urbane.

Nelle settimane successive alla caduta di Kabul, Mutaqi ha svolto un ruolo simile con l’unica provincia resistente del Panjshir, chiedendo una soluzione pacifica alle ostilità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here