Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Che cos'è la terapia avversiva e funziona?

Che cos'è la terapia avversiva e funziona?

0
504

La terapia avversiva, a volte chiamata terapia avversiva o condizionamento avversivo, viene utilizzata per aiutare una persona a rinunciare a un comportamento o un'abitudine facendola associare a qualcosa di spiacevole.

La terapia di avversione è nota soprattutto per il trattamento di soggetti con comportamenti di dipendenza, come quelli riscontrati nel disturbo da uso di alcol. La maggior parte della ricerca si è concentrata sui suoi benefici relativi all'uso di sostanze.

Questo tipo di terapia è controversa e la ricerca è mista. La terapia di avversione non è spesso un trattamento di prima linea e sono preferite altre terapie.

Anche per quanto tempo dura la terapia è stata criticata, poiché al di fuori della terapia può verificarsi una ricaduta.

Come funziona la terapia avversiva?

La terapia di avversione si basa sulla teoria del condizionamento classico. Il condizionamento classico avviene quando apprendi inconsciamente o automaticamente un comportamento a causa di stimoli specifici. In altre parole, impari a rispondere a qualcosa in base a ripetute interazioni con esso.

La terapia di avversione usa il condizionamento ma si concentra sulla creazione di una risposta negativa a uno stimolo indesiderabile, come bere alcolici o usare droghe.

Molte volte, nelle persone con disturbi da uso di sostanze, il corpo è condizionato a trarre piacere dalla sostanza – per esempio, ha un buon sapore e ti fa sentire bene. Nella terapia avversiva, l'idea è di cambiarlo.

Il modo esatto in cui viene eseguita la terapia di avversione dipende dal comportamento indesiderato o dall'abitudine che viene trattata. Una terapia avversa comunemente usata è l'avversione chimica per il disturbo da uso di alcol. L'obiettivo è ridurre la brama di una persona per l'alcol con nausea indotta chimicamente.

Nell'avversione chimica, un medico somministra un farmaco che provoca nausea o vomito se la persona trattata beve alcolici. Quindi danno loro l'alcool in modo che la persona si ammali. Questo si ripete fino a quando la persona inizia a associare bere alcolici a sentirsi male e quindi non brama più l'alcool.

Altri metodi che sono stati utilizzati per la terapia di avversione includono:

  • scossa elettrica
  • un altro tipo di shock fisico, come uno scatto di un elastico
  • un odore o un gusto sgradevole
  • immagini negative (a volte attraverso la visualizzazione)
  • vergogna

Puoi fare la terapia di avversione a casa?

La terapia di avversione tradizionale viene eseguita sotto la supervisione di uno psicologo o altro terapista. Tuttavia, puoi utilizzare il condizionamento avversivo a casa per cattive abitudini, come mordere le unghie.

Per fare questo, puoi mettere uno strato trasparente di smalto sulle unghie, che avrà un sapore cattivo quando vai a morderle.

Per chi è questa terapia?

Si ritiene che la terapia di avversione sia utile per le persone che vogliono abbandonare un comportamento o un'abitudine, in genere uno che interferisce negativamente con la loro vita.

Mentre sono state fatte molte ricerche sulla terapia avversiva e sul disturbo da uso di alcol, altri usi per questo tipo di terapia hanno incluso:

  • altri disturbi da uso di sostanze
  • fumo
  • problemi alimentari
  • abitudini orali, come la puntura delle unghie
  • comportamenti autolesionistici e aggressivi
  • alcuni comportamenti sessuali inappropriati, come il disturbo voyeuristico

La ricerca su queste applicazioni è mista. Alcuni, come i comportamenti di stile di vita, sono stati generalmente indicati come inefficaci. Altre promesse sono state trovate per la dipendenza quando si usa l'avversione chimica.

Quanto è efficace?

Alcune ricerche hanno dimostrato che la terapia avversiva è efficace nel trattamento del disturbo da consumo di alcol.

Ricerche recenti hanno scoperto che i partecipanti che bramavano l'alcol prima della terapia hanno riferito di evitare l'alcol a 30 e 90 giorni dopo il trattamento.

Tuttavia, la ricerca è ancora mista sull'efficacia della terapia avversiva. Mentre molti studi hanno mostrato risultati promettenti a breve termine, l'efficacia a lungo termine è discutibile.

Mentre lo studio precedentemente citato ha scoperto che il 69 percento dei partecipanti ha riportato la sobrietà 1 anno dopo il trattamento, uno studio a più lungo termine aiuterebbe a vedere se è durato oltre quel primo anno.

In alcune delle ricerche più complete sulla terapia dell'avversione negli anni '50, i ricercatori hanno notato un calo dell'astinenza nel tempo. Dopo 1 anno, il 60 percento è rimasto senza alcool, ma era solo il 51 percento dopo 2 anni, il 38 percento dopo 5 anni e il 23 percento dopo 10 anni o più.

Si ritiene che la mancanza di benefici a lungo termine si verifichi perché la maggior parte della terapia di avversione avviene in ufficio. Quando sei lontano dall'ufficio, l'avversione è più difficile da mantenere.

Mentre la terapia di avversione può essere efficace a breve termine per l'alcol, ci sono stati risultati contrastanti per altri usi.

La maggior parte delle ricerche ha riscontrato che la terapia avversiva non è utile per smettere di fumare, specialmente quando la terapia prevede il fumo rapido. Ad esempio, a una persona verrebbe chiesto di fumare un intero pacchetto di sigarette in brevissimo tempo fino a quando non si sentono male.

Anche la terapia di avversione è stata presa in considerazione per il trattamento dell'obesità, ma lo era estremamente difficile generalizzare a tutti gli alimenti e mantenere al di fuori della terapia.

Polemiche e critiche

La terapia di avversione ha avuto un contraccolpo in passato per diversi motivi.

Alcuni esperti ritengono che l'uso dello stimolo negativo nella terapia avversiva sia uguale all'uso della punizione come forma di terapia, che non è etica.

Prima che l'American Psychiatric Association (APA) lo considerasse una violazione etica, alcuni ricercatori hanno usato la terapia avversiva per "curare" l'omosessualità.

Prima del 1973, l'omosessualità è stata considerata una malattia mentale nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM). Alcuni professionisti medici credevano che fosse possibile "curarlo". Una persona omosessuale potrebbe essere imprigionata o potenzialmente costretta a un programma di terapia di avversione per rivelare il proprio orientamento.

Alcune persone hanno cercato volontariamente questo o altri tipi di terapia psichiatrica per l'omosessualità. Ciò era spesso dovuto alla vergogna e alla colpa, nonché allo stigma sociale e alla discriminazione. Tuttavia, l'evidenza ha dimostrato che questo "trattamento" era sia inefficace che dannoso.

Dopo che l'APA ha rimosso l'omosessualità come disturbo a causa di prove scientifiche, la maggior parte delle ricerche sulla terapia avversiva per l'omosessualità si è fermata. Tuttavia, questo uso dannoso e non etico della terapia avversiva lo ha lasciato con una cattiva reputazione.

Altre opzioni di trattamento

La terapia di avversione può essere utile per interrompere specifici tipi di comportamenti o abitudini indesiderati. Tuttavia, gli esperti ritengono che anche se usato, non dovrebbe essere usato da solo.

La terapia di avversione è un tipo di trattamento controcondizionato. Un secondo si chiama terapia dell'esposizione, che funziona esponendo una persona a qualcosa che temono. A volte questi due tipi di terapie possono essere combinati per un risultato migliore.

I terapisti possono anche raccomandare altri tipi di terapia comportamentale, insieme a programmi di riabilitazione ambulatoriale o ambulatoriale per i disturbi da uso di sostanze. Per molte persone che soffrono di dipendenza, le reti di supporto possono anche aiutare a mantenerle in pista con il recupero.

I farmaci possono essere prescritti in alcuni casi, incluso per smettere di fumare, condizioni di salute mentale e obesità.

La linea di fondo

La terapia di avversione mira ad aiutare le persone a fermare comportamenti o abitudini indesiderati. La ricerca è mista sui suoi usi e molti medici potrebbero non raccomandarla a causa di critiche e controversie.

Tu e il tuo operatore sanitario potete discutere il piano terapeutico giusto per voi, che includa o meno la terapia avversiva. Spesso, una combinazione di trattamenti tra cui terapia di parola e farmaci può aiutarti a far fronte alle tue preoccupazioni.

Se hai un disturbo da consumo di sostanze o ritieni che potresti avere dipendenza, contatta un operatore sanitario. Se non si è sicuri da dove iniziare, è possibile chiamare la Helpline nazionale di SAMHSA al numero 800-662-4357.