Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Che cos'è l '"Auto-gaslighting" e come disimpararlo?

Che cos'è l '"Auto-gaslighting" e come disimpararlo?

0
237

No, non sei "troppo sensibile".

"Probabilmente sto solo facendo un grosso problema …"

Ormai, il gaslighting come concetto è in realtà abbastanza conosciuto, ma le sue origini possono aiutarci a definirlo più chiaramente.

È nato da un vecchio film in cui un marito abbassava leggermente le luci del gas ogni notte per disorientare sua moglie. Avrebbe negato che sua moglie si accorgesse dei cambiamenti di luce e ombra dicendo che era tutto nella sua testa.

Avrebbe fatto anche altre cose per farle credere che stesse "perdendo", come nascondere oggetti e insistere sul fatto che li avesse persi.

Questo è gaslighting: una forma di abuso emotivo e manipolazione attuata su qualcuno per fargli mettere in discussione i propri pensieri, sentimenti, realtà e persino sanità mentale.

Mentre lavoro con molti clienti per supportare la loro comprensione ed esternalizzazione di questa tattica psicologica, ultimamente mi sono reso conto che gli straordinari, il gaslighting possono diventare profondamente interiorizzati.

Passa alla modalità di ciò che chiamo auto-gaslighting – che si manifesta spesso nel costante, quotidiano, interrogarsi di sé e una rottura della fiducia.

Che aspetto ha l'auto-gaslighting?

L'auto-gaslighting sembra spesso la soppressione del pensiero e delle emozioni.

Ad esempio, supponiamo che qualcuno dica qualcosa di insensibile o offensivo. Potresti notare che i tuoi sentimenti sono stati feriti, ma poi – quasi istantaneamente e impulsivamente – pensi: "Probabilmente sto solo facendo un affare troppo grande ed essendo troppo sensibile".

Il problema? Sei passato dal punto A al punto C senza fermarti a capire la B nel mezzo: le tue emozioni molto valide che hai il diritto di sentire ed esprimere!

Quindi, come possiamo lavorare per sfidare questa forma di illuminazione a gas? È ingannevolmente semplice: affermiamo le nostre esperienze e le nostre emozioni.

gaslighting Self-gaslighting Affermazioni esternalizzanti
"Sei troppo drammatico, emotivo, sensibile o pazzo!" Sono troppo drammatico, emotivo, sensibile e pazzo. I miei sentimenti ed emozioni sono validi.
"Non intendevo in quel modo; stai esagerando." So che mi amano e non intendevano questo. Capisco il tono e le parole originali che hanno espresso e so come mi ha fatto sentire.
"È tutto nella tua testa." Forse è tutto solo nella mia testa !? Le mie esperienze sono reali e valide, anche quando altri stanno cercando di manipolarle o non crederle.
"Se tu fossi più / meno _____, allora questo sarebbe diverso." Sono troppo / non abbastanza. C'è qualcosa che non va in me. Non sarò mai troppo. Sarò sempre abbastanza!
"Hai iniziato tu! È tutta colpa tua! ” Comunque è tutta colpa mia. Niente è "tutta colpa mia". Qualcuno che dà la colpa a me non lo rende vero.
"Se mi amassi, lo faresti / non lo avresti fatto." Li adoro quindi dovrei farlo. Perché l'ho fatto a loro? Nulla è sbagliato in me e nel modo in cui esprimo amore, ma c'è qualcosa di sbagliato in questa dinamica relazione tossica.

Questo suona familiare? Se lo fa, voglio invitarti a fermarti un momento qui.

Fai qualche respiro profondo. Senti il ​​terreno sotto di te.

Ripeti dopo di me: "Le mie emozioni sono valide e ho il diritto di esprimerle".

Si noti che all'inizio può sembrare falso. Consenti a te stesso di essere curioso di questa sensazione e ripeti questa affermazione fino a quando non inizia a sentirsi più vera (questo potrebbe essere un processo che avviene nel tempo piuttosto che proprio in questo momento – va bene lo stesso!).

Successivamente, ti inviterei a tirar fuori un diario o un foglio di carta bianco e iniziare a scrivere ogni singola cosa che ti viene in mente in questo momento – senza giudizio o necessità di attribuire significato ad esso.

istruzioni per esplorare l'auto-gaslighting

Puoi anche esplorare questi sentimenti rispondendo ai seguenti suggerimenti (che si tratti di parole, disegno / arte o persino movimento):

  • In che modo l'auto-gaslighting ha contribuito alla mia sopravvivenza in passato? In che modo mi ha aiutato a far fronte?
  • In che modo l'auto-gaslighting non mi serve più in questo momento (o in futuro)? Come posso essere ferito?
  • Qual è una cosa che posso fare ora per praticare l'auto-compassione?
  • Come mi sento nel mio corpo mentre esploro questo?

Mentre il gaslighting di noi stessi potrebbe aver aiutato in passato ad adattarci a situazioni o relazioni tossiche, possiamo onorare questa abilità di sopravvivenza mentre stiamo ancora imparando a liberarla dal nostro presente.

Non importa quanto sei isolato o disorientato, ricorda che non sei solo – e non sei pazzo!

Il gaslighting è una tattica molto reale di abuso psicologico che può diventare così profondamente interiorizzata. E mentre potresti iniziare a crederci come la tua verità, NON È LA TUA VERITÀ!

Conosci la tua verità – e io la vedo e la onoro. Anche onorarlo da soli è una pratica, e coraggiosa.

Sei un AF brillante e resistente, e sono così orgoglioso di te per aver dedicato del tempo a esplorare questo articolo e verificare con te stesso. Anche quando sembra spaventoso.


Rachel Otis è una terapista somatica, strana femminista intersezionale, attivista del corpo, sopravvissuta alla malattia di Crohn e scrittrice che si è laureata al California Institute of Integral Studies di San Francisco con il suo master in psicologia del counselling. Rachel crede nel fornire a qualcuno l'opportunità di continuare a spostare i paradigmi sociali, mentre celebra il corpo in tutta la sua gloria. Le sessioni sono disponibili su scala mobile e via tele-terapia. Contattatela via e-mail.