Centinaia di persone arrestate in India durante i giorni di proteste contro la legge sulla cittadinanza

0
74

NUOVA DELHI / MUMBAI – Più di 1.500 manifestanti sono stati arrestati in tutta l'India negli ultimi 10 giorni, hanno detto i funzionari, mentre la polizia cerca di reprimere manifestazioni a volte violente contro una legge sulla cittadinanza che i critici sostengono minano la costituzione secolare del paese.

Inoltre, circa 4.000 persone sono state arrestate e poi rilasciate, hanno detto i funzionari.

Gli arrestati e i detenuti avevano fatto ricorso alla violenza durante le proteste.

Almeno 19 persone sono state uccise in scontri tra polizia e manifestanti da quando il parlamento ha approvato la legge l'11 dicembre. I critici della legge affermano che discrimina i musulmani e minaccia l'etica laica dell'India perché rende la religione un criterio di cittadinanza.

La legge mira a garantire la cittadinanza alle minoranze delle fedi indù, buddista, cristiana, sikh, giainista e parsi dell'Afghanistan, del Pakistan e del Bangladesh a maggioranza musulmana, ritenuta lì vittima di persecuzioni. Il richiedente avrebbe dovuto entrare in India entro il 31 dicembre 2014.

Centinaia di manifestanti e polizia sono rimasti feriti nelle proteste, lo spettacolo più forte di dissenso contro il governo nazionalista indù del Primo Ministro Narendra Modi da quando è stato eletto per la prima volta nel 2014.

Modi ha incontrato sabato il suo consiglio dei ministri per discutere delle misure di sicurezza legate alle proteste, hanno riferito fonti governative.

Le dimostrazioni sono proseguite sabato nonostante il coprifuoco e le misure severe volte a chiudere le proteste.

I manifestanti partecipano a una protesta contro una nuova legge sulla cittadinanza, al di fuori dell'Università Jamia Millia Islamia di Nuova Delhi, in India, il 21 dicembre 2019. REUTERS / Anushree Fadnavis

Lo stato più popoloso dell'India, Uttar Pradesh, ha visto la peggiore violenza con nove persone uccise e molte altre in condizioni critiche in ospedale. Lo stato, che ha visto a lungo gli scontri tra la maggioranza degli indù e la minoranza musulmana, è governato dal partito nazionalista di Modi.

Attivisti per i diritti nello stato hanno detto che la polizia ha fatto irruzione nelle loro case e uffici per impedire loro di pianificare nuove manifestazioni. Le autorità hanno anche chiuso le scuole in tutto lo stato a seguito di nuove proteste scoppiate sabato.

Altre manifestazioni sono state programmate in diverse parti del paese, compreso lo stato nord-orientale dell'Assam. Il risentimento nei confronti degli immigrati clandestini dal Bangladesh è da anni in fermento nell'Assam, uno degli stati più poveri dell'India, dove alcuni residenti accusano estranei, indù o musulmani, di aver rubato lavoro e terra.

"Le donne in Assam hanno dimostrato che possiamo guidare un movimento di fronte", ha detto a Reuters Garima Garg, stilista di moda. Era tra le migliaia che hanno preso parte a una protesta di sole donne attraverso l'Assam sabato.

I critici della legge affermano che ha colpito un paese che è stato a lungo orgoglioso della sua costituzione secolare. L'India ha una popolazione di 1,3 miliardi, con una maggioranza di indù, una grande minoranza di musulmani e molte altre fedi minori.

"Questo atto legislativo colpisce il cuore della Costituzione, cercando di rendere l'India un altro paese del tutto", ha scritto il famoso storico Ramachandra Guha in The Telegraph.

È stato rilasciato dalla custodia della polizia giovedì dopo essere stato arrestato per aver protestato contro la legge nella città meridionale di Bangalore.

L'opposizione politica contro la legge ha incluso leader statali di partiti regionali che affermano che ne impediranno l'attuazione nei loro stati. Il governo ha affermato che non vi è alcuna possibilità che la legge venga abrogata.

Sabato, organizzazioni e accademici indù di destra hanno espresso il loro sostegno alla legge. Oltre 1.000 professori e studiosi si sono congratulati con il parlamento e il governo per quello che hanno detto che era una legge progressista che difende le minoranze dimenticate.

"Notiamo anche con profonda angoscia che un'atmosfera di paura e paranoia si sta creando nel paese attraverso l'offuscamento deliberato e la paura, portando alla violenza in diverse parti del paese", hanno detto in una nota.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here