spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoBlinken afferma che alcune modifiche di Hamas alla proposta di cessate il...

    Blinken afferma che alcune modifiche di Hamas alla proposta di cessate il fuoco a Gaza “non sono realizzabili”

    -

    Il primo ministro del Qatar Sheikh Mohammed afferma che i negoziati per il cessate il fuoco sono in corso con spazio per il “dare e avere” per raggiungere un accordo.

    Antony Blinken stringe la mano allo sceicco Mohammed Bin Abdulrahman al-Thani
    Il segretario di Stato americano Antony Blinken e il primo ministro e ministro degli Esteri del Qatar, Sheikh Mohammed bin Abdulrahman bin Jassim Al Thani, in una conferenza stampa congiunta a Doha, Qatar, 12 giugno 2024 [Ibraheem Al Omari/Pool via Reuters]

    Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che alcuni degli emendamenti proposti da Hamas alla proposta degli Stati Uniti per una tregua a Gaza non sono “realizzabili”, ma gli sforzi per raggiungere un accordo continuano.

    Parlando mercoledì da Doha insieme al primo ministro del Qatar, Sheikh Mohammed bin Abdulrahman bin Jassim Al Thani, Blinken ha affermato che la guerra di Israele contro Gaza continuerà “come risultato” della risposta di Hamas.

    “Hamas ha proposto numerose modifiche alla proposta sul tavolo. Abbiamo discusso di questi cambiamenti ieri sera con i colleghi egiziani e oggi con il primo ministro”, ha detto Blinken. “Alcuni cambiamenti sono realizzabili. Alcuni no.”

    Washington aveva presentato il piano alla fine del mese scorso, affermando che avrebbe portato a un cessate il fuoco “durevole” a Gaza.

    Martedì Hamas ha presentato la sua risposta insieme alla Jihad islamica palestinese, descrivendola come “responsabile” e “positiva”.

    “La risposta mette al primo posto gli interessi del nostro popolo palestinese, la necessità di fermare completamente l’aggressione in corso su Gaza e il ritiro [of Israeli forces] dall’intera Striscia di Gaza”, ha affermato il gruppo in una nota.

    Quando il 31 maggio il presidente degli Stati Uniti Joe Biden annunciò la proposta in più fasi, affermò che avrebbe incluso il ritiro delle forze israeliane da Gaza e la cessazione permanente delle ostilità.

    La discrepanza tra la posizione di Hamas e la proposta americana non è chiara. Martedì Blinken ha accusato apertamente il gruppo palestinese per il mancato raggiungimento di un accordo.

    “C’era sul tavolo un accordo che era praticamente identico a una proposta avanzata da Hamas il 6 maggio – un accordo sostenuto da tutto il mondo, un accordo che Israele ha accettato. E Hamas avrebbe potuto rispondere con una sola parola: sì”, ha detto Blinken.

    “Invece, Hamas ha aspettato quasi due settimane e poi ha proposto ulteriori cambiamenti, molti dei quali vanno oltre le posizioni che aveva precedentemente preso e accettato”.

    Hamas risponde a Blinken

    Il funzionario di Hamas Taher Al-Nunu ha accusato Blinken di parzialità, affermando che il massimo diplomatico statunitense si è comportato come se fosse il ministro degli Esteri israeliano dall’inizio della guerra.

    “Gli manca neutralità. Gli manca imparzialità. Opera con doppi standard. Sta cercando di ritrarre il [Palestinian] resistenza come se fosse la parte che ostacola l’accordo”, ha detto Al-Nunu ad Al Jazeera Mubasher più tardi mercoledì.

    Ha detto che Hamas ha accettato la proposta presentata dal Qatar e dall’Egitto il 6 maggio così com’è, ed è stato Israele ad aggiungervi gli emendamenti. La risposta di Hamas martedì è stata una controrevisione ad alcuni dei cambiamenti israeliani, ha detto Al-Nunu.

    Secondo Al-Nunu, le note di Hamas miravano a garantire che Israele non rinnegasse l’accordo e riprendesse la guerra dopo la prima fase, che avrebbe visto il rilascio di alcuni dei suoi prigionieri a Gaza.

    Alla domanda se Hamas sarebbe flessibile riguardo alle richieste etichettate come “non realizzabili” da Blinken, Al-Nunu ha affermato che è “normale” che le parti negoziali accettino o respingano gli emendamenti a una proposta.

    Nella sua conferenza stampa con Blinken, lo sceicco Mohammed del Qatar ha affermato che i colloqui per colmare il divario tra le parti continueranno.

    “Questi non sono sforzi o dinamiche nuove per i negoziati. C’è sempre spazio e “dare e avere”. Dopotutto, queste sono trattative per raggiungere un accordo. Non esiste una risposta assoluta: sì o no”, ha detto.

    Una pace “durevole”.

    Il primo ministro del Qatar ha chiesto una “soluzione sostenibile” al conflitto israelo-palestinese che vedrebbe la creazione di uno Stato palestinese basato sui confini del 1967 con Gerusalemme Est come capitale.

    Blinken ha anche sottolineato la necessità di una pace “durevole” e di costruire un Medio Oriente “più integrato, più stabile e più prospero”.

    “Nel corso di quella che ora è la mia ottava visita nella regione dal 7 ottobre, tutti quelli con cui ho avuto a che fare hanno chiarito che questa è la strada che vogliono perseguire”, ha detto il massimo diplomatico americano.

    “Ora, non posso parlare a nome di Hamas o rispondere a nome di Hamas. E alla fine, potrebbe non essere la strada che Hamas vuole perseguire, ma Hamas non può e non potrà decidere il futuro di questa regione e della sua gente”.

    L’amministrazione Biden e i paesi arabi chiedono una soluzione al conflitto basata su due Stati, ma il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rifiutato categoricamente la creazione di uno Stato palestinese.

    “Non scenderò a compromessi sul pieno controllo di sicurezza israeliano sull’intera area nella parte occidentale della Giordania – e questo è contrario a uno Stato palestinese”, ha detto Netanyahu in un post sui social media a gennaio.

    Washington, che in precedenza aveva posto il veto a tre risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che avrebbero richiesto un cessate il fuoco a Gaza, fornisce ogni anno 3,8 miliardi di dollari in aiuti militari a Israele.

    All’inizio di quest’anno, Biden ha concesso 14 miliardi di dollari in ulteriore assistenza a Israele nel tentativo di perseguire quella che definisce “vittoria totale” contro Hamas.

    Nel frattempo, l’amministrazione Biden ha esercitato pressioni sul governo Netanyahu affinché presentasse un piano per la Gaza del dopoguerra.

    Mercoledì Blinken ha affermato che gli Stati Uniti presenteranno presto la propria visione per Gaza dopo il conflitto.

    “Nelle prossime settimane presenteremo proposte per gli elementi chiave del piano del giorno dopo, comprese idee concrete su come gestire la governance, la sicurezza, [and] ricostruzione”, ha detto. “Questo piano è fondamentale per trasformare il cessate il fuoco in una fine duratura del conflitto”.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts