Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Angiogramma vs angioplastica: qual è la differenza?

Angiogramma vs angioplastica: qual è la differenza?

0
28

Sia l’angiogramma che l’angioplastica sono strumenti utili per la diagnosi e il trattamento di blocchi e altri problemi cardiaci. Entrambe le procedure vengono eseguite in regime ambulatoriale e sono minimamente invasive.

Se avverti dolore o senso di oppressione al petto, il medico può ordinare esami o trattamenti in un laboratorio di cateterizzazione.

Due procedure che potresti incontrare sono l’angiogramma e l’angioplastica. Sebbene queste procedure sembrino quasi identiche nel nome, non sono la stessa cosa.

Ecco ulteriori informazioni su queste procedure, quando sono necessarie e cosa potresti aspettarti durante ciascuna procedura e durante il recupero.

Angiogramma e angioplastica sono la stessa cosa?

Un angiogramma è una scansione di immagini che mostra il flusso sanguigno nei vasi sanguigni utilizzando raggi X, scansioni TC o scansioni MRI. Un’angiografia coronarica consente agli operatori sanitari di vedere le arterie coronarie.

L’angioplastica, d’altro canto, è una procedura in cui gli operatori sanitari inseriscono palloncini o stent in un’arteria del cuore per trattare ostruzioni e restringimenti.

Le due procedure vengono eseguite in modo simile.

Un angiogramma viene eseguito utilizzando un tubo sottile chiamato catetere. Un operatore sanitario inserirà il catetere attraverso il braccio o l’inguine e in un’arteria che porta al cuore. Quindi inietteranno il colorante di contrasto attraverso il catetere per aiutare a catturare le immagini dei vasi sanguigni nel cuore utilizzando la tecnologia a raggi X.

Un’angioplastica prevede anche l’inserimento di un catetere attraverso un’arteria che porta al cuore. Ma invece di raccogliere immagini, un operatore sanitario utilizza il catetere per posizionare un palloncino o uno stent nel sito dell’ostruzione. Una volta installato il dispositivo, l’ostruzione viene appiattita contro la parete dell’arteria in modo da non bloccare il flusso di sangue al cuore.

Un angiogramma può portare a un’angioplastica. In questi casi, gli operatori sanitari utilizzano l’angiogramma come strumento diagnostico per valutare i blocchi nelle arterie prima di trattarli con l’angioplastica.

Hai bisogno di un angiogramma prima dell’angioplastica?

SÌ. Il medico ordinerà un angiogramma per visualizzare le arterie del cuore. Lo useranno per raccogliere immagini che mostrano loro dove si trovano eventuali blocchi nelle arterie.

Se trovano blocchi, l’angioplastica è un’opzione di trattamento.

Infatti, il tuo angiogramma può progredire in un’angioplastica nella stessa visita.

L’angioplastica richiede sempre uno stent cardiaco?

Non sempre. Un’angioplastica può essere completata utilizzando un palloncino o uno stent. Il palloncino è piccolo e sottile. Una volta posizionato, viene gonfiato delicatamente per risolvere il blocco.

Gli stent sono diventati Di più comune nella moderna angioplastica. Uno stent è un tubo corto realizzato in rete metallica. Viene inserito nell’arteria e funge da impalcatura per mantenere l’arteria aperta e consentire un flusso sanguigno ottimale.

Se il blocco è acutoil medico può raccomandare una procedura chiamata intervento chirurgico di innesto di bypass dell’arteria coronaria.

Un angiogramma può eliminare i blocchi nel tuo cuore?

Un angiogramma è una procedura di imaging utilizzata dai medici per trovare e diagnosticare i blocchi. Non è un metodo per trattare questi blocchi.

Se l’angiogramma mostra ostruzioni, il medico può eseguire un’angioplastica per trattare le ostruzioni con un palloncino o uno stent. Queste due procedure possono essere eseguite durante la stessa visita.

Se un blocco non limita il flusso sanguigno al cuore, il medico può suggerire altri trattamenti invece dell’angioplastica, tra cui:

  • provare strategie di stile di vita come cambiamenti nella dieta e nelle abitudini di esercizio
  • assumere farmaci per abbassare i livelli di colesterolo
  • prendendo farmaci per ridurre la pressione sanguigna
  • smettere di fumare, se fumi

Quanto sono gravi queste procedure?

Sia l’angiogramma che l’angioplastica vengono eseguiti in un laboratorio di cateterismo cardiaco. Sono procedure ambulatoriali, il che significa che sono minimamente invasive e non comportano tempi di recupero significativi.

Processi

Ci vuole un angiogramma 30–50 minuti. Il tuo team di assistenza ti somministrerà un farmaco per via endovenosa (IV) per sedarti leggermente, insieme ad altri liquidi e farmaci. Inoltre intorpidiranno l’area (inguine o braccio) in cui verrà inserito il catetere nell’arteria.

Durante la procedura, un operatore sanitario inietterà liquido di contrasto per facilitare la raccolta delle immagini. Il medico potrebbe chiederti di tossire o trattenere il respiro durante la procedura. Dopo che il medico ha analizzato le immagini, potrebbe consigliare o meno di sottoporsi a un’angioplastica o ad un altro trattamento.

Se è necessaria un’angioplastica, gli operatori sanitari utilizzeranno il catetere per inserire un palloncino o uno stent nell’arteria interessata. Il completamento di un’angioplastica può richiedere da 30 minuti a 2 ore.

Durante queste procedure, potresti avvertire un disagio temporaneo come:

  • pressione quando viene inserito il catetere
  • la necessità di urinare
  • calore dai fluidi
  • nausea
  • dolore al petto

Dopo cura

Se il catetere è stato inserito attraverso l’inguine, il medico utilizzerà un dispositivo di sutura per inserire un punto. Questa procedura di solito richiede un periodo di riposo, durante il quale il personale sanitario controllerà la presenza di sanguinamento o fastidio al torace. Le procedure eseguite attraverso il braccio no tipicamente comportare questo passaggio aggiuntivo.

Il medico potrebbe chiederti di rimanere in ospedale per un monitoraggio aggiuntivo.

Il medico potrebbe prescrivere l’aspirina per bambini o altri farmaci che fluidificano il sangue per prevenire la formazione di coaguli di sangue.

Potrebbero anche dirti di andarci piano ed evitare esercizi vigorosi, compreso il sollevamento di carichi pesanti, per un giorno o due.

Aspettativa di vita dopo

Un angiogramma o un’angioplastica non influiranno necessariamente sulla tua aspettativa di vita. Ma le procedure comportano alcuni rischi, tra cui sanguinamento, ictus e infarto.

Gli stent sono permanenti una volta posizionati. L’area interessata potrebbe A volte restringersi nuovamente (questo è chiamato restenosi) e richiedere uno stent sostitutivo.

I problemi di fondo che hanno portato ai blocchi o ai restringimenti possono influenzare la tua aspettativa di vita. Parla con il tuo medico di eventuali altri trattamenti, come farmaci e cambiamenti nello stile di vita, che potrebbero essere necessari per prevenire complicazioni come un infarto.

I medici utilizzano un angiogramma per diagnosticare problemi che possono essere trattati con farmaci, strategie di stile di vita, angioplastica o intervento chirurgico.

Puoi discutere con il tuo medico se potresti aver bisogno di una di queste procedure e cosa comporterà. Il trattamento tempestivo dei blocchi nel cuore può aiutare a prevenire complicazioni potenzialmente letali.