Afghani fuggiti dal Panjshir: “Tutto può cambiare di ora in ora”

0
20

Mentre le forze della resistenza continuano a combattere i talebani sull’ultimo fronte di guerra afghano, i residenti che sono fuggiti dalla provincia dicono che non c’è ancora un chiaro vincitore.

Le forze anti-talebane afghane stanno sul retro di un camioncino mentre si radunano nel distretto di Abshar, provincia di Panjshir [File: Ahmad Sahel Arman/AFP]
Le forze anti-talebane afghane stanno sul retro di un camioncino mentre si radunano nel distretto di Abshar, provincia di Panjshir [File: Ahmad Sahel Arman/AFP]

Kabul, Afghanistan – Da quando i talebani hanno rivendicato il “controllo completo” sulla valle del Panjshir nel nord-est dell’Afghanistan all’inizio di questo mese, il gruppo è stato accusato di “atrocità diffuse”, costringendo molti afghani a fuggire dalla provincia – l’ultima enclave rimasta di resistenza contro il dominio del gruppo.

“Non sapevamo nemmeno cosa stesse succedendo nel villaggio vicino”, ha detto un impiegato del governo che è riuscito a fuggire dalla provincia sei giorni fa. Come altre fonti con cui ha parlato Al Jazeera, non ha voluto rivelare la sua identità per paura di ritorsioni.

Da quasi un mese ormai, le imponenti montagne e le valli tentacolari del Panjshir sono state un buco nero di informazioni in Afghanistan, con il Fronte di resistenza nazionale (NRF) e i talebani che combattono per il controllo dell’ultima resistenza del paese che resiste alla vasta conquista da parte dei talebani.

Sebbene centinaia di migliaia di afghani nel paese e all’estero abbiano riposto le loro speranze nella lussureggiante provincia, gli oltre 100.000 residenti del Panjshir hanno avuto poche possibilità di raccontare la storia di ciò che è accaduto nelle loro case e nei loro villaggi nelle ultime settimane.

“Tutto può cambiare di ora in ora”

Alla fine di agosto, mentre le battaglie si scaldavano, i talebani hanno interrotto i servizi internet e di telefonia mobile nella provincia, isolando di fatto i residenti non solo dal resto del Paese e dal mondo, ma anche da se stessi.

Dopo settimane di intensi combattimenti, il 6 settembre i talebani rivendicarono il controllo sulla valle del Panjshir. Ma la NRF, guidata da Ahmad Massoud, figlio del comandante ucciso Ahmad Shah Massoud, si è impegnata a continuare a combattere.

Sebbene i residenti del Panjshir sostengano la resistenza e nutrano una particolare riverenza per il padre e il figlio, i combattimenti hanno messo a dura prova una provincia che dipende fortemente dal transito di merci e visitatori da Kabul.

Quando i combattimenti erano al culmine, i residenti hanno detto ad Al Jazeera che i talebani hanno accatastato container alle porte d’ingresso della provincia nel tentativo di regolare chi è entrato o uscito.

“Tutto può cambiare di ora in ora”, ha detto l’impiegato del governo delle feroci battaglie tra i talebani e la forza di resistenza.

Con la provincia tagliata sia fisicamente – da montagne e valli – che tecnologicamente, la gente del Panjshir non è ancora stata in grado di valutare la vera forza di entrambe le parti, ha affermato l’impiegato del governo.

La NRF afferma di avere “migliaia” di combattenti provenienti da tutto il paese che combattono al loro fianco. Dichiara persino di aver catturato 1.500 membri talebani.

I residenti del Panjshir che hanno parlato con Al Jazeera hanno affermato che il numero di combattenti talebani inviati da tutto il paese non è chiaro. Con il blackout delle informazioni, i numeri propagandati da entrambe le parti si sono rivelati difficili da verificare.

“Nessuno nel Panjshir ha la certezza di quello che sta succedendo”, ha detto l’impiegato del governo.

I talebani sono stati accusati dall’ex vicepresidente Amrullah Saleh di usare i civili per sminare. I gruppi per i diritti umani hanno anche accusato il gruppo di aver commesso esecuzioni sommarie nella provincia.

I talebani hanno negato le accuse.

‘Nessuna prova’

“Molti paesi si stavano propagando sulle atrocità nel Panjshir, ma non ci sono prove”, ha detto giovedì a Osama Bin Javaid di Al Jazeera Anas Haqqani della rete Haqqani, un alleato dei talebani.

Haqqani ha detto che il suo amico, che è un diplomatico nel Panjshir, gli ha detto che “va tutto bene”. Tuttavia, ha detto che il suo amico diplomatico “ha ricevuto” [a] messaggio dal [US] Dipartimento di Stato per indagare sui massacri”.

“Ha detto loro che non c’è niente qui”, ha detto Haqqani ad Al Jazeera.

“Ci sono paesi che non vogliono vedere stabilità e pace in Afghanistan. Il loro odio per l’Afghanistan li sta inducendo a diffondere bugie e voci”.

All’inizio di questa settimana, Zabihullah Mujahid, vice ministro dell’informazione e della cultura, ha anche affermato che ai giornalisti e agli operatori per i diritti sarà concesso l’accesso per condurre indagini nella provincia.

Tuttavia, i giornalisti che hanno parlato con Al Jazeera hanno affermato di aver incontrato grandi difficoltà per entrare nel Panjshir.

Patricia Gossman, direttore associato per l’Asia di Human Rights Watch, ha affermato che i talebani devono mantenere la loro promessa e consentire una missione di accertamento dei fatti indipendente per esaminare le accuse contro il gruppo.

“Senza un’indagine credibile, le rivendicazioni e le lamentele controverse aumenteranno e le vittime di abusi da parte di tutte le parti rimarranno senza risposte o giustizia”, ​​ha detto Gossman ad Al Jazeera.

I residenti del Panjshir hanno anche affermato di non poter verificare le accuse di uccisioni di massa, ma hanno concordato con Gossman che dovrebbe essere aperta un’inchiesta sulle accuse. L’impiegato del governo ha detto di aver sentito parlare per la prima volta di omicidi su larga scala quando è arrivato a Kabul.

“L’ho visto online come tutti gli altri”, ha detto.

I sostenitori della NRF hanno ripetutamente affermato di un “genocidio” nella provincia. Tuttavia, l’impiegato del governo ha affermato di poter solo attestare ciò che ha visto nella sua zona.

“Non sappiamo dove c’è guerra, dove c’è pace. Non abbiamo idea di cosa stia passando la nostra gente”, ha detto ad Al Jazeera. “Per ogni cosa vera su Internet, ci sono altre 100 notizie false”.

L’impiegato del governo, tuttavia, ha affermato che la volatilità della situazione nel Panjshir potrebbe aver provocato uccisioni di massa.

“Nel Panjshir, qualsiasi area potrebbe trasformarsi in una zona di guerra in un attimo”.

Crisi economica

L’impiegato del governo ha detto che le persone nel Panjshir stanno lottando per trovare anche i beni di prima necessità. Le storie si sono esaurite negli ultimi giorni.

Ha detto che anche procurarsi qualcosa di semplice come lo zucchero si è trasformato in una caccia in negozi in gran parte vuoti.

“C’era solo un negozio che aveva ancora zucchero, e anche quello era 600 afgani [$7] per sette chili». Per il contesto, questo è più del doppio del prezzo in città come Kabul.

Attualmente, l’Afghanistan sta affrontando una crisi di liquidità e inflazione dopo che gli organismi internazionali hanno interrotto l’accesso del governo ai fondi da quando i talebani hanno preso il sopravvento.

Il blocco potrebbe aggravare la crisi umanitaria nel Panjshir.

Un medico che ha parlato con Al Jazeera ha detto che gli ospedali della capitale provinciale, Bazarak, sono stati costretti a chiudere o funzionano con scorte limitate.

Il medico ha affermato che un ospedale di emergenza gestito da italiani è l’unica struttura sanitaria completamente funzionante della provincia.

“Potevamo curare le persone solo con ciò che avevamo a nostra disposizione, solo con i farmaci più elementari e alcune forniture per bendaggi e suture”.

I residenti del Panjshir hanno detto ad Al Jazeera che l’elettricità è stata tagliata in gran parte della provincia nelle ultime settimane.

Il dottore ha detto che la mancanza di elettricità si aggiunge alla difficoltà di curare i pazienti. Ha detto che uno dei membri della sua famiglia è stato ferito in un fuoco incrociato e ha lottato per trovare rifornimenti per curare la sua ferita.

“Immagina quante persone ferite non vengono curate, o peggio, quante muoiono per qualcosa che normalmente potrebbe essere curato facilmente”, ha detto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here