Washington, DC: tre musei fuori dai sentieri battuti

0
93

Washington, DC: tre musei fuori dai sentieri battuti

Nel corso degli anni, ho avuto molte opportunità di visitare Washington, DC. Durante le mie ultime visite nella capitale della nazione, ho deciso di cercare esperienze diverse al di fuori dei famosi musei dentro e intorno al National Mall. A luglio, ho avuto l'opportunità di rimanere nella sezione del West End, quindi ho pensato di visitare alcuni musei della zona. Per due giorni, mi sono preso il tempo di riappropriarmi con due musei che ho visitato quasi 30 anni fa e un nuovo museo che è stato aperto circa due anni fa.

La collezione Philips

La mia prima destinazione è stata la Phillips Collection, dove speravo di vedere varie opere d'arte dalla loro collezione permanente. Questo era un museo che ho visitato circa 30 anni fa e ho avuto bei ricordi della collezione e della struttura.

"Pranzo della festa in barca" di Pierre-Auguste Renoir in mostra nella collezione permanente della Phillips Collection

Ricordo distintamente di aver goduto del famoso dipinto “Pranzo della festa in barca” di Renoir e di opere di El Greco, Goya, Van Gogh, Rothko, Mondrian, Chagall e Picasso. La particolarità che mi è piaciuta molto della Phillips Collection l'ultima volta che sono stato lì è che mi è piaciuto vedere l'arte esposta in un ambiente domestico intimo piuttosto che in una grande galleria d'arte.

Molto era cambiato in 30 anni. Il museo si era ampliato e ora comprendeva un'area per mostre speciali e la collezione permanente. La struttura ospitava anche un ampio negozio di musei e un caffè. Ho avuto solo il tempo di visitare la collezione permanente, quindi ho trascorso un'ora concentrandomi su questa parte del museo.

Dipinto n. 9 e composizione n. III di Mondrian nella Music Room

Sfortunatamente, molte opere d'arte che ho visto l'ultima volta che ero lì non erano in mostra. Ho chiesto a un docente di alcune delle opere mancanti e mi è stato detto che i dipinti della collezione permanente sono stati ruotati durante tutto l'anno e che altri erano in prestito per mostre speciali in altri musei in tutto il mondo. Certo, sono rimasto un po 'deluso. C'era un buon numero di dipinti che avevo sperato di vedere che non erano in mostra.

Se avessi fatto i compiti, non mi sarei imbattuto in questa situazione. Dopo alcune indagini, ho scoperto che avrei potuto controllare il sito web del museo online per vedere le opere d'arte nella collezione permanente che sarebbero state esposte. Se non sei stato alla Phillips Collection, lo consiglierei sicuramente. Il mio unico suggerimento sarebbe quello di controllare il loro sito Web per vedere se i dipinti che saranno esposti ti interessano.

L'ingresso al National Geographic Museum

Il National Geographic Museum

La mia prossima fermata, il National Geographic Museum, era a breve distanza dalla Philips Collection. Il mio piano era di vedere la loro mostra speciale sulle regine dell'Egitto e la loro mostra permanente: National Geographic: Exploration Inizia qui. Ancora una volta, circa 30 anni fa ho visitato il National Geographic Museum. Il museo è noto per le mostre in continua evoluzione che ruotano attorno al lavoro di ricercatori, fotografi e scienziati del National Geographic, nonché di mostre incentrate su storia naturale, eventi storici, cultura e società in generale. I temi della mostra sono molto simili agli articoli presenti sulla rivista National Geographic.

Un busto della regina Nefertari dalla mostra delle regine dell'Egitto presso il National Geographic Museum

Ho trascorso circa 90 minuti a godermi l'attuale mostra speciale nel Queens of Egypt e ho vissuto esperienze memorabili. Il primo è stato un tour virtuale tridimensionale del tumulto di Nefertari nella Valle delle Regine. Al tempo che ho visitato, ero l'unica persona nella grande sala video. L'esperienza è stata così emozionante che ho fatto tre volte la passeggiata sulla tomba. La successiva attività unica è stata quella di annusare diversi profumi che sarebbero stati usati nei tempi antichi.

Uso delle carte geroglifiche per creare il mio nome alla mostra delle regine dell'Egitto al National Geographic Museum

La mia terza esperienza notevole è stata una dimostrazione che mi ha permesso di creare il mio nome in geroglifici. Prima della mia visita, non sapevo che i simboli geroglifici egiziani fossero basati su suoni fonetici. C'erano molte informazioni in questa mostra e ho sentito di aver imparato molto non solo su sei delle regine più famose dell'Egitto, ma anche una grande quantità di informazioni sulle dee egiziane, il villaggio degli artigiani Dei El-Medina, le mummie e sarcofagi egiziani. Mi sono anche piaciuti i video del personale del National Geographic che stava lavorando sul campo per scoprire manufatti e informazioni in Egitto. Questa è stata una mostra molto interessante per me e l'ho considerato tempo ben speso.

Dopo la mostra delle Regine d'Egitto, mi sono diretto al National Geographic: Exploration Starts Here Permanent Exhibition. Ho visto anche questa mostra oltre 30 anni fa. C'erano sicuramente alcuni artefatti interessanti di molte famose spedizioni del National Geographic che vale la pena vedere, anche se mi sembra di ricordare che c'erano più artefatti in mostra durante la mia precedente visita. Ero molto entusiasta di vedere un album di fotografie della spedizione Machu Picchu di Hiram Bingham, la macchina fotografica usata da Robert Peary al Polo Nord e i video girati dalla cima del Monte Everest. Nel complesso, ho trascorso solo circa 20 minuti a visualizzare gli articoli in questa mostra.

Il National Geographic Museum può essere un ottimo posto da visitare se offrono un'interessante mostra speciale. La mostra permanente merita una visita, soprattutto se sei un fan del National Geographic, ma penso che sia meglio abbinarla a un'escursione che includa anche una mostra speciale. Inoltre, il National Geographic Museum ospita anche un ampio negozio di articoli da regalo con una moltitudine di oggetti che contengono il loro famoso logo. Se sei un fan, ad un certo punto devi fare il trekking al museo.

c

Il Museo della Bibbia

Ho deciso di iniziare la mia terza visita al museo il giorno successivo perché comportava alcuni viaggi in metropolitana. La mia destinazione era un museo relativamente nuovo e un luogo che non avevo mai visitato prima, il Museo della Bibbia. Mi sono interessato a visitare il museo dopo averlo letto in un articolo di una rivista di viaggi. Non sapevo quanto tempo avrei trascorso lì, quindi ho deciso di iniziare la mia giornata lì e se avessi tempo in più, mi sarei avventurato in uno dei miei musei Smithsonian preferiti. Complessivamente, ho trascorso 3 ore e mezza a vedere le mostre e ho valutato di aver visto solo circa la metà di ciò che era in mostra. Dopo una bonanza ininterrotta della visualizzazione di mostre, semplicemente non sono riuscito ad assorbire più contenuti. Sono stato piacevolmente sorpreso da quanto mi sia piaciuto questo museo e farò sicuramente una visita di ritorno.

L'area di ingresso al 1 ° piano all'interno del Museo della Bibbia

Il primo posto che ho visitato è stata la presentazione della realtà virtuale al primo piano, il piano d'ingresso. C'erano 3 o 4 piccole sezioni simili ad un'aula in cui ogni partecipante indossava un visore Oculus Virtual Reality. Successivamente, ogni gruppo ha visto un film di 9 minuti che ci ha portato in 34 famosi siti biblici. Non avevo mai provato nulla di simile prima d'ora e ho trovato l'esperienza molto eccitante. In effetti, mi sarebbe piaciuto vedere ancora più siti.

Mentre guardavo la mappa del museo, notai che c'erano 6 piani più un piano seminterrato. Ogni piano aveva alcune attrazioni. Ho deciso che dopo l'esperienza di realtà virtuale, il mio obiettivo principale sarebbe stato il secondo, il terzo e il quarto piano. Seguendo il consiglio dello staff, ho deciso di andare al terzo piano per vedere le presentazioni sulle storie della Bibbia. La prima mostra che vidi fu Storie della Bibbia ebraica. È stata un'esperienza di camminata di 30 minuti che includeva film ed effetti speciali incentrati sulle storie più importanti dell'Antico Testamento. I tour partivano ogni 6 minuti circa. Non pensavo di aver imparato molto qui. Potrebbe fare appello a qualcuno che non è stato in chiesa o sinagoga da un po 'di tempo, ma chiunque abbia qualche conoscenza della Bibbia ebraica troverebbe queste storie molto familiari.

Museo della Bibbia

Ho trovato impressionanti gli effetti speciali. Ho anche attraversato il mondo di Gesù di Nazaret e ho scoperto che il villaggio ricreato è un buon modo per insegnare parabole e informazioni di base su come sarebbe stata la vita di Gesù. Mi è piaciuto anche il film nel teatro della Galilea su Giovanni Battista. Il film di 12 minuti a 270 gradi nel New Testament Theatre su come i seguaci di Gesù sono cresciuti in una fiorente comunità non mi sembra offrire molte informazioni utili. Era il mio meno preferito delle attrazioni al 3 ° piano. Inutile dire che nel complesso ho trascorso molto tempo su questo piano.

Successivamente, mi sono diretto al 4 ° piano per vedere le mostre di Storia della Bibbia. Ho iniziato guardando il film su Drive Thru History. Questo è stato un buon modo per iniziare perché ulteriori filmati del film sono stati mostrati in tutto il pavimento della mostra. Ho sicuramente scoperto che le mostre al 4 ° e al 2 ° piano sono più interessanti per me. Al 4 ° piano c'erano ampie mostre di archeologia e lo sviluppo storico della Bibbia. La mostra sull'impatto della Bibbia al 2 ° piano è stata semplicemente affascinante, in particolare la sezione sulla Bibbia in America. Ho trascorso un'ora su ogni piano e ho visto meno della metà dei manufatti, dei video e delle mostre.

La passeggiata panoramica al sesto piano con vetrata del Museo della Bibbia

Mi sono diretto al sesto piano per vedere le vedute di Washington, D.C. Per lo più ho visto i tetti vicini, ma sono stato in grado di vedere le cime di alcuni edifici famosi in lontananza. Sono andato anche al ristorante Manna, ma era molto affollato anche se era ormai passata l'ora di pranzo. Ho raggiunto il picco nel World Stage Theatre per vedere la Public Reading of Scripture Experience. Era un'attrazione leggera e sana che includeva letture registrate dalla Bibbia. Non c'era nessuno a teatro quando ho guardato dentro. Ho anche visto rapidamente la presentazione di The People of the Land: History and Archaeology of Ancient Israel, nonché la mostra della Biblioteca Vaticana al piano d'ingresso, ma a questo punto, io stava esaurendo l'energia. Dopo ciò, ho acquistato uno spuntino veloce al Milk & Honey Cafe e ho visitato il vasto negozio di articoli da regalo.

Ho sentito che la mia esperienza al Museo della Bibbia è stata tempo ben speso. Ho trovato che era un posto che sarebbe interessante per qualcuno per cui la Bibbia era importante per motivi di fede, nonché per qualcuno che era semplicemente interessato a saperne di più sulla storia estesa e sull'impatto della Bibbia. Il museo era ben organizzato e conteneva molte informazioni interessanti. Il personale è stato molto gentile e ben informato nel rispondere alle domande sul museo e sulla collezione.

Ho migliorato la mia visita raccogliendo un'audioguida gratuita vicino all'ingresso che conteneva informazioni e registrazioni audio che accompagnavano molte mostre. Non era insolito avere una mostra che presentava un video, più artefatti e fino a sei registrazioni audio. Al 4 ° piano, c'erano almeno 20 di questi luoghi da soli. C'era anche una mostra speciale nel seminterrato e in alcuni giorni è possibile acquistare i biglietti per assistere a un'esibizione del musical di Broadway Amazing Grace. Questo non era un museo che si poteva passare in un attimo in un'ora o due. Pianifica di trascorrere del tempo qui o di tornare per più visite.

Washington, DC offre un numero incredibile di musei istituzionali di grandi dimensioni, nonché un buon numero di collezioni private, mostre speciali, musei con interessi focalizzati, proprietà ed edifici storici. Trovo più piacevole concentrarmi su un'area della città o su una gamma selezionata di luoghi da visitare. A volte, mi concentro su una parte meno visitata della città ed evito di proposito i grandi siti famosi, in modo da non essere distratto da loro. Altre volte, come compromesso, mi concentro solo su un grande museo e un piccolo posto fuori mano come la Folger Shakespeare Library. Mi sembra di vivere esperienze più memorabili in questo modo. Puoi sviluppare i tuoi piani in base ai tuoi interessi, ma corri il rischio di provare qualcosa di diverso. Sarai ampiamente ricompensato e avrai la tua unica esperienza a Washington, DC, da condividere con gli altri.

I migliori musei Washington D.C. | Museo nazionale geografico | Cose da fare a Washington D.C. # washington-dc #museum # cose da fare #storia # con-bambini #travel #trip #vacazioneI migliori musei Washington D.C. | La collezione Philips | Cose da fare a Washington D.C # washington-dc #museum # cose da fare #art # arte-museo # con-bambini #travel #trip #vacationI migliori musei Washington D.C. | Museo della Bibbia | Cose da fare a Washington D.C # washington-dc #museum # cose da fare # con-bambini #travel #trip #vacation #bible #religion