Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Un vaccino per gli oppioidi: progresso attuale e possibilità future

Un vaccino per gli oppioidi: progresso attuale e possibilità future

0
29

Negli ultimi 20 anni, l’uso di oppioidi è aumentato notevolmente negli Stati Uniti, causando un aumento del disturbo da uso di oppioidi e del sovradosaggio di oppioidi. Questi includono oppioidi da prescrizione, come l’ossicodone, nonché fentanil o eroina fabbricati illegalmente.

Questa emergenza sanitaria viene spesso definita crisi degli oppioidi.

La pandemia di COVID-19 ha esacerbato questa crisi. Secondo il National Institute on Drug Abuse (NIDA), gli oppioidi sono stati coinvolti in 68.630 decessi per overdose nel 2020 rispetto ai 49.860 del 2019. Si tratta di un aumento del 38%.

Gli oppioidi sono potenti antidolorifici che possono farti sentire felice e rilassato. Sebbene siano disponibili trattamenti altamente efficaci per il disturbo da uso di oppioidi, come metadone, buprenorfina e naltrexone, alcune persone potrebbero cercare altre opzioni.

I vaccini oppioidi sono un nuovo trattamento attualmente in fase di sviluppo. Nella fase della sperimentazione clinica, aiutano il sistema immunitario a produrre anticorpi che prendono di mira e impediscono alle molecole di oppioidi di entrare nel cervello.

Questo articolo esplora come funzionano questi nuovi vaccini, in che fase si trova la ricerca e quale potrebbe essere l’impatto.

Come funzionano i vaccini?

Quando gli scienziati hanno sviluppato i primi vaccini a metà del 20° secolo, hanno rivoluzionato la pratica della salute pubblica prevenendo la diffusione di malattie contagiose, come la poliomielite, il vaiolo e la difterite.

I vaccini funzionano introducendo una piccola quantità di un agente patogeno nel corpo in modo che il sistema immunitario possa creare anticorpi. Una volta che il sistema immunitario ha sviluppato gli anticorpi, è pronto a combattere le future infezioni.

I vaccini non sono efficaci al 100%, ma la maggior parte può ridurre drasticamente le possibilità di sviluppare una malattia grave. Hanno anche aiutato a sbarazzarsi di malattie potenzialmente letali in tutto il mondo, prevenendone la diffusione.

Oggi i vaccini sono ancora ampiamente utilizzati, con il vaccino COVID-19 che è l’esempio più ovvio. Sono attualmente in fase di sviluppo centinaia di altri vaccini, molti dei quali mirano a condizioni di salute non trasmissibili, come cancro, diabete e disturbi da uso di sostanze.

Come funzionerebbe un vaccino contro gli oppiacei?

La possibilità di utilizzare un vaccino per prevenire la dipendenza non è nuova. Ma negli ultimi anni, la crisi degli oppioidi ha portato a un aumento dei finanziamenti per la ricerca su un vaccino per il trattamento del disturbo da uso di oppioidi.

Un vaccino oppioide funzionerebbe in modo simile ai vaccini tradizionali stimolando il sistema immunitario a produrre anticorpi che potrebbero legarsi alle molecole oppioidi prima che raggiungano i recettori nel midollo spinale o nel cervello.

Una delle differenze chiave è che le molecole di oppioidi sono molto piccole. Sebbene siano sostanze estranee, il sistema immunitario di solito non le segnala come minacce.

Per raggiungere questo obiettivo, i vaccini oppioidi includono tre componenti chiave:

  • Aptene. Questa è una molecola chimicamente simile all’oppioide in questione.
  • Vettore immunogeno. Questa è una proteina che si lega agli apteni.
  • Coadiuvanti. Queste sono sostanze che potenziano la risposta del sistema immunitario.

Insieme, gli apteni e i portatori immunogenici sono abbastanza grandi da consentire al sistema immunitario di identificarli come una minaccia. Questo innesca la produzione di anticorpi.

In che modo un vaccino è diverso dal naltrexone?

Il naltrexone è un farmaco approvato dalla FDA usato per il trattamento dei disturbi da uso di alcol e oppioidi. Quando viene usato per trattare quest’ultimo, viene somministrato sotto forma di un’iniezione a lunga durata d’azione chiamata Vivitrol.

È diverso da un vaccino, che usa il tuo sistema immunitario per sviluppare anticorpi che prendono di mira gli oppioidi nel sangue. Il naltrexone agisce legandosi ai recettori degli oppioidi, impedendo agli oppioidi di legarsi ad essi e bloccandone gli effetti.

Se prendi oppioidi dopo aver ricevuto un’iniezione, non sperimenterai uno sballo. Il naltrexone riduce anche il desiderio di droga.

Quanto siamo vicini a un vaccino oppioide?

Lo sviluppo di trattamenti medici sicuri ed efficaci può richiedere anni e alcuni trattamenti non ricevono mai l’approvazione della FDA. Mentre la crisi degli oppioidi ha reso sempre più urgente la necessità di nuovi trattamenti per il disturbo da uso di oppioidi, siamo ancora lontani anni da un vaccino.

La maggior parte dei vaccini oppioidi sono in fase di sperimentazione preclinica e devono ancora essere testati sull’uomo. Secondo a Recensione 2019diversi vaccini contro gli oppioidi comuni hanno mostrato risultati promettenti negli studi sugli animali.

Ad esempio, a Studio sugli animali del 2017 ha valutato la sicurezza e l’efficacia di un vaccino per il disturbo da uso di oppioidi che coinvolge l’ossicodone.

Gli autori hanno riferito che il vaccino proteggeva dal disturbo da uso di oppioidi e dal sovradosaggio. Potrebbe anche essere usato insieme a farmaci come morfina, naltrexone e naloxone nei ratti.

UN Studio sugli animali del 2018 valutato l’efficacia di vari adiuvanti in un vaccino antieroina nei topi. I ricercatori hanno scoperto che un adiuvante agonista del recettore 9 (TLR9+) ha fornito una protezione significativa da dosi letali di eroina nei topi.

Uno studio sugli animali più recente del 2021 ha analizzato l’efficacia di un vaccino per il carfentanil e il fentanil nei topi. Gli autori hanno riferito che i topi che hanno ricevuto il vaccino erano protetti contro la depressione respiratoria indotta da oppioidi, la principale causa di sovradosaggio.

Una limitazione significativa dei tre studi sopra descritti è che i loro risultati non possono essere applicati all’uomo.

A partire dal 2022, solo un vaccino oppioide è arrivato agli studi clinici sull’uomo. La sperimentazione clinica, in corso presso l’istituto psichiatrico dello Stato di New York, è progettata per valutare la sicurezza e l’efficacia di un vaccino ossicodone.

Qual è il potenziale impatto di un vaccino oppioide?

Un vaccino oppioide sarebbe una nuova strategia nel trattamento del disturbo da uso di oppioidi. Dopo la vaccinazione, in teoria, potresti assumere oppioidi senza provare uno sballo. Ottenere il vaccino potrebbe ridurre significativamente il rischio di disturbo da uso di oppioidi e sovradosaggio.

I vaccini hanno alcuni vantaggi rispetto ad altri trattamenti. Loro:

  • può essere utilizzato prima della disintossicazione
  • può essere utilizzato insieme ad altri oppioidi per il trattamento del dolore o dei disturbi da uso di sostanze
  • non correre il rischio di un uso improprio

Inoltre, un vaccino oppioide potrebbe essere efficace per Da 6 a 12 mesifornendo una protezione più lunga rispetto ai trattamenti attuali.

Il disturbo da uso di oppioidi è una malattia complessa che non ha una soluzione semplice e valida per tutti. Sebbene i vaccini oppioidi rappresentino un’opportunità unica, probabilmente non elimineranno la dipendenza.

I vaccini dipendono da una risposta del sistema immunitario, che può variare da persona a persona. Probabilmente saranno più efficaci se usati insieme ad altri trattamenti comprovati, come i farmaci e la terapia comportamentale.

Trattamento del disturbo da uso di oppioidi

Se vivi con un disturbo da uso di oppioidi, c’è un aiuto disponibile. Il primo passo è parlare con qualcuno di cui ti fidi, che si tratti di un familiare, un amico o un operatore sanitario, di ciò che stai vivendo.

Il medico può fornirti maggiori informazioni sui farmaci per il disturbo da uso di oppioidi. Possono anche indirizzarti a servizi sanitari e professionisti specializzati nel trattamento delle dipendenze.

Per saperne di più sulle risorse disponibili nella tua zona, chiama la linea di assistenza nazionale dell’Amministrazione per l’abuso di sostanze e i servizi di salute mentale (SAMHSA) al numero 800-662-4357. Tutte le chiamate alla linea di assistenza, aperta 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sono gratuite e riservate.

Inoltre, il localizzatore di servizi di trattamento della salute comportamentale di SAMHSA può aiutarti a trovare una terapia o una consulenza di gruppo per la dipendenza.

I vaccini oppioidi sono un potenziale trattamento per il disturbo da uso di oppioidi. Funzionano addestrando il sistema immunitario a riconoscere le molecole di oppioidi come una minaccia e impedire loro di legarsi ai recettori.

In teoria, i vaccini contro gli oppioidi preverrebbero gli effetti degli oppioidi, riducendo il rischio di dipendenza e di sovradosaggio. Potrebbero essere usati insieme ad altri farmaci e terapie per il disturbo da uso di oppioidi.

Sebbene ci siano diversi vaccini oppioidi attualmente in fase di sviluppo, la maggior parte non è stata ancora testata sull’uomo. I vaccini che superano la fase preclinica saranno sottoposti a studi clinici nei prossimi anni.

Per saperne di più sugli studi clinici in corso, visitare il database degli studi clinici della National Library of Medicine degli Stati Uniti o parlare con un operatore sanitario.