“Trovare capri espiatori”: la Sudafrica critica i divieti di viaggio “ingiustificati”

0
22

Il ministro della salute sudafricano afferma che la mossa da parte dei paesi che impongono restrizioni a causa di una variante del coronavirus appena identificata è draconiana.

Passeggeri in coda per il check-in per un volo all’aeroporto internazionale OR Tambo di Johannesburg [Sumaya Hisham/Reuters]

“Ingiustificato”, “draconiano” e “controproducente”: queste sono solo alcune delle parole usate dal ministro della Salute sudafricano nel criticare i Paesi del mondo che hanno deciso di limitare i viaggi dal Paese e dai suoi vicini nel tentativo di contenere la diffusione di una nuova variante del coronavirus.

Il ceppo – designato venerdì “variante di preoccupazione” dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che lo ha anche chiamato Omicron dopo una lettera dell’alfabeto greco – è stato accusato di un’ondata di nuove infezioni in Sudafrica.

Omicron è stato rilevato anche in Belgio, Botswana, Hong Kong e Israele.

“Riteniamo che alcune delle reazioni siano state ingiustificate”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro della Sanità Joe Phaahla, accusando i leader di “trovare capri espiatori per affrontare quello che è un problema mondiale”.

“Approccio sbagliato”

Austria, Canada, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi e Stati Uniti sono stati tra coloro che venerdì si sono uniti al Regno Unito nel limitare i voli dall’Africa meridionale.

La Commissione Europea, il braccio esecutivo dell’Unione Europea di 27 nazioni, ha anche proposto una sospensione completa dei voli da e per la regione fino a quando non ci fosse una “chiara comprensione del pericolo” che secondo lei era rappresentato dalla nuova variante.

Tuttavia, venerdì l’OMS ha esortato a non limitare i viaggi in questa fase. L’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha avvertito che potrebbero volerci diverse settimane per scoprire se le mutazioni appena scoperte hanno reso il virus più virulento o trasmissibile.

Phaala ha affermato che i divieti sono “un approccio sbagliato: è mal indirizzato e va contro le norme e i consigli dell’OMS”.

Le restrizioni hanno suscitato scosse nell’industria turistica del Sud Africa, che ha cercato visitatori dall’emisfero settentrionale più ricco per ottenere entrate disperatamente necessarie.

All’aeroporto internazionale di Johannesburg, venerdì c’è stata frustrazione quando dozzine di persone hanno cercato di tornare nel Regno Unito.

“Non è giusto, è ingiustificato, è brusco e non va bene per il turismo in Sudafrica”, ha detto un passeggero del divieto.

Phaala, nel frattempo, ha confrontato le infezioni quotidiane in Sudafrica e in alcuni paesi europei, affermando che era ironico che “alcuni dei paesi … che ora reagiscono in questo modo draconiano” avessero tassi di infezione di oltre 50.000 al giorno.

Ciò contrasta con il Sudafrica che venerdì ha segnalato quasi 3.000 casi giornalieri, rispetto ai circa 300 casi giornalieri di due settimane fa.

“Questo tipo di reazione è istintiva e di panico”, ha detto, avvertendo che tali risposte potrebbero indurre i paesi a rifuggire dal riportare nuove scoperte.

“È una reazione molto controproducente perché ciò che dice è che se hai la capacità di eseguire il sequenziamento genomico e hai un alto livello di efficienza … quelle capacità devono essere guidate sottoterra”, ha detto Phaahla. Le persone “sentiranno che è un rischio divulgare” i loro risultati, ha affermato.

“Vaccino dell’apartheid”

Tulio de Oliveira, un importante virologo che ha annunciato la scoperta della variante, ha criticato la “decisione radicale” di sospendere i voli fuori dalla regione.

“A volte si viene puniti per essere trasparenti e fare le cose molto velocemente”, ha detto alla stessa conferenza stampa.

Ha affermato di non credere che i divieti di viaggio fossero efficaci, citando gli Stati Uniti, il primo paese ad aver imposto un divieto di viaggio alla Cina all’inizio della pandemia, ma alla fine si è concluso con il maggior numero di infezioni.

“Quindi scientificamente è [does] non ha molto senso. Molte volte le persone prendono decisioni basate sulle emozioni e non sulla razionalità”, ha detto.

Gli scienziati hanno anche affermato che l’obiettivo dovrebbe essere quello di vaccinare più persone in luoghi che hanno faticato ad accedere a dosi sufficienti.

“Ecco perché abbiamo parlato del rischio dell’apartheid vaccinale. Questo virus può evolvere in assenza di adeguati livelli di vaccinazione. È sconvolgente che ciò accada per ottenere il punto”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters Richard Lessells, un esperto di malattie infettive con sede in Sud Africa coinvolto nella rilevazione di varianti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here