Tre corpi trovati dopo giorni di disordini nelle Isole Salomone

0
50

La polizia australiana sta ora aiutando la pattuglia di Honiara, la capitale, che sabato mattina era relativamente calma.

La gente cammina attraverso il distretto di Chinatown di Honiara, nelle Isole Salomone, il 26 novembre 2021, dopo un terzo giorno di violenze che ha visto la casa del primo ministro attaccata e zone della città ridotte a rovine fumanti. [Charley Piring/AFP]

I corpi di tre persone sono stati scoperti in un edificio bruciato a Honiara, la capitale delle Isole Salomone, ha detto sabato la polizia, i primi decessi segnalati dopo giorni di disordini nella città inquieta.

I corpi carbonizzati sono stati scoperti in un negozio nel distretto di Chinatown, che è stato un obiettivo per saccheggiatori e manifestanti. Una guardia di sicurezza ha detto all’agenzia di stampa AFP di aver trovato i corpi in due stanze venerdì tardi.

La polizia ha affermato che le squadre forensi hanno avviato un’indagine e sono ancora sul posto, ma che la causa della morte non è chiara.

Più di 100 persone sono state arrestate per disordini, ha detto la polizia sabato, mentre i residenti hanno iniziato a valutare i danni lasciati da giorni di disordini.

Un coprifuoco durante la notte è stato imposto alla capitale irrequieta dopo tre giorni di violenze che hanno visto la casa del primo ministro sotto attacco e aree della città ridotte a rovine fumanti. Il blocco dalle 19:00 (08:00 GMT) alle 6:00 (19:00 GMT) rimarrà in vigore fino a quando non sarà revocato dal Governatore Generale.

Ufficiali di polizia australiani e polizia locale controllano una folla a Honiara venerdì dopo giorni di sommosse [Jay Liofasi/AFP]

Gli agenti di polizia australiani, che sono arrivati ​​nel paese giovedì in ritardo su richiesta del governo, si sono uniti alle loro controparti delle Isole Salomone per le strade per aiutare a ripristinare l’ordine e proteggere le infrastrutture critiche.

Circa 50 ufficiali del Royal Papua New Guinea Constabulary hanno anche volato a Honiara.

“L’Australia e la Papua Nuova Guinea sono preoccupate per la svolta violenta che le proteste hanno preso a Honiara e sottolineano congiuntamente l’importanza di risolvere le tensioni in modo pacifico”, hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta il ministro degli Esteri della Papua Nuova Guinea, Soroi Eoe, e il ministro degli Esteri australiano Marise Payne. .

“Il nostro obiettivo è aiutare a ripristinare la calma e consentire il funzionamento dei normali processi costituzionali”, hanno affermato.

L’esplosione della violenza è in parte il risultato delle frustrazioni con il governo del primo ministro Manasseh Sogavare e della disoccupazione cronica, una situazione aggravata dalla pandemia.

Gli esperti affermano che la crisi è stata alimentata anche da animosità di vecchia data tra i residenti di Malaita, l’isola più popolosa, e il governo centrale con sede nell’isola di Guadalcanal.

La nazione dell’arcipelago di circa 700.000 persone ha sopportato per decenni tensioni etniche e politiche.

I residenti di Malaita si lamentano da tempo che la loro isola è trascurata dal governo centrale e le divisioni si sono intensificate da quando Sogavare ha improvvisamente trasferito il riconoscimento diplomatico alla Cina da Taiwan nel 2019.

Venerdì Songavare ha accusato le potenze straniere di aver alimentato i disordini, ma non le ha nominate.

Il premier di Malaitan, Daniel Suidani, è diventato noto per la sua opposizione vocale alla politica cinese delle Isole Salomone e ha mantenuto relazioni diplomatiche informali con Taiwan durante la pandemia di COVID-19.

Suidani ha trascorso cinque mesi a Taiwan all’inizio di quest’anno, apparentemente per ricevere cure mediche per una condizione cerebrale sconosciuta.

Sogavare è stato primo ministro in quattro diverse occasioni dal 2001 e il leader dell’opposizione Matthew Wale ha invitato il politico veterano a dimettersi. Sabato, il Solomon Islands Herald ha riferito che Wale ha presentato una mozione di sfiducia a Sogavare. Sebbene non abbia i numeri per avere successo, Wale ha affermato che la “mancanza di umiltà” del primo ministro ha contribuito alla crisi e che è necessaria una soluzione politica per porre fine alle violenze.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here