Taiwan esorta la Cina a frenare il suo “avventurismo militare”

0
18

La Cina sostiene di aver governato democraticamente Taiwan come proprio territorio e ha aumentato la pressione militare e diplomatica per affermare le sue rivendicazioni di sovranità.

Pechino ha intensificato la pressione militare e diplomatica su Taiwan da quando Tsai Ing-wen è salito al potere nel 2016 [File: Ann Wang/Reuters]

Il presidente di Taiwan ha esortato la Cina a frenare il suo “avventurismo militare” poiché le tensioni tra le due parti raggiungono il livello più alto da anni.

Pechino ha intensificato la pressione militare e diplomatica su Taiwan da quando Tsai Ing-wen è salita al potere nel 2016, rifiutando la posizione secondo cui l’isola è territorio cinese.

La Cina sostiene di aver governato democraticamente Taiwan come proprio territorio e ha aumentato la pressione militare e diplomatica negli ultimi due anni per affermare le sue rivendicazioni di sovranità.

“Dobbiamo ricordare alle autorità di Pechino di non giudicare male la situazione e di prevenire l’espansione interna dell'”avventurismo militare””, ha detto Tsai sabato nel suo discorso di Capodanno.

Gli aerei da guerra cinesi hanno effettuato un numero storicamente elevato di incursioni nella zona di difesa aerea di Taiwan negli ultimi mesi.

Tsai ha aggiunto che le autorità di Pechino “dovrebbero fermare la diffusione dell’avventurismo militare all’interno dei loro ranghi”.

“L’uso di mezzi militari non è assolutamente un’opzione per risolvere le differenze tra le nostre due parti”.

Ha detto che per allentare la tensione nella regione, sia Taipei che Pechino devono “lavorare duramente per prendersi cura dei mezzi di sussistenza delle persone e calmare i cuori delle persone” al fine di trovare insieme soluzioni pacifiche ai problemi.

‘Profondo abisso’

Nel suo discorso per il nuovo anno, il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato che “la completa riunificazione della nostra madrepatria è un’aspirazione condivisa dalle persone” sia in Cina che a Taiwan.

Sabato, dopo il discorso di Tsai, Zhu Fenglian, portavoce dell’Ufficio per gli affari di Taiwan a Pechino, ha dichiarato: “Siamo disposti a lottare per la prospettiva della riunificazione pacifica.

“Ma se le forze separatiste dell'”indipendenza di Taiwan” continuano a provocare e costringere, o addirittura a superare qualsiasi linea rossa, dovremo prendere misure decisive”.

La ricerca dell’indipendenza getterà Taiwan solo in un “profondo baratro” e provocherà “profonda catastrofe”, ha aggiunto Zhu.

Nell’ottobre dello scorso anno, il ministero della Difesa di Taiwan ha avvertito che le tensioni militari con la Cina erano al massimo in quattro decenni dopo che un numero record di jet cinesi era entrato nella sua zona di difesa aerea.

Pechino ha anche intensificato gli sforzi negli ultimi anni per isolare Taiwan sulla scena internazionale.

Considera qualsiasi dichiarazione formale di Taiwan “indipendente” come una provocazione e ha ripetutamente minacciato conseguenze per i paesi che sostengono Taipei nella sua autodeterminazione.

Pechino ha incoraggiato gli alleati diplomatici in calo di Taiwan a cambiare fazione.

Più di recente, il Nicaragua ha riconosciuto Pechino su Taipei e venerdì la Cina ha aperto la sua ambasciata nella nazione centroamericana.

Nel suo discorso, Tsai ha anche affermato che Taiwan continuerà a monitorare la situazione a Hong Kong, aggiungendo che l’interferenza nelle recenti elezioni legislative e negli arresti di questa settimana del personale dirigente del media pro-democrazia Stand News “ha reso la gente ancora più preoccupata per diritti umani e libertà di parola a Hong Kong”.

“Manterremo salda la nostra sovranità, difenderemo i valori di libertà e democrazia, difenderemo la sovranità territoriale e la sicurezza nazionale e manterremo la pace e la stabilità nella regione indo-pacifica”, ha affermato Tsai.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here