“Svolta realista”: il sostegno polacco all’Ucraina cambia mentre la guerra entra nel terzo anno

0
51

La Polonia ha sostenuto con tutto il suo impegno l’Ucraina dopo l’invasione russa di due anni fa. Ora le relazioni sono più vulnerabili.

Varsavia, Polonia – Nel primo anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina lo scorso febbraio, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha fatto una visita a sorpresa a Kiev.

In piedi accanto a Volodymyr Zelenskyy con una giacca color kaki che si abbinava allo stile di guerra del presidente ucraino, ha portato con sé la prima consegna di carri armati Leopard, un gesto di solidarietà degno di un buon vicino.

Ma mentre la guerra entra nel terzo anno, le relazioni tra Ucraina e Polonia rimangono tese poiché gli interessi economici divergenti degli alleati sono venuti alla ribalta.

Nessuno si aspetta grandiose espressioni di sostegno.

Invece, l’anniversario del 24 febbraio avrà luogo in mezzo a prolungate proteste al confine tra Polonia e Ucraina da parte degli agricoltori polacchi che affermano che il mercato è stato inondato di prodotti agricoli a basso costo provenienti dall’Ucraina.

“Settimana dopo settimana, la Polonia sta uccidendo il futuro europeo dell’Ucraina”, ha scritto a gennaio la Pravda europea, uno dei mezzi di informazione più importanti dell’Ucraina.

“Progetto Amicizia”

Dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio 2022, la Polonia ha accolto più di un milione di rifugiati ucraini che hanno attraversato il confine senza documenti e hanno avuto immediatamente accesso ai benefici sociali. Varsavia fornì anche a Kiev l’equipaggiamento militare dell’era sovietica che aveva lasciato nelle sue riserve e divenne il più convinto sostenitore dell’Ucraina tra le nazioni occidentali.

“L’invasione russa alla fine di febbraio 2022 ha avvicinato molto le due nazioni e i due governi. All’epoca non furono poste domande. Ci siamo precipitati ad aiutare gli ucraini”, ha detto Bartosz Cichocki, ambasciatore della Polonia in Ucraina, che è rimasto a Kiev dopo l’invasione russa come unico ambasciatore della NATO e dell’UE. “Mentre combattevano, noi ci prendevamo cura delle loro famiglie e fornivamo loro munizioni. È stata una lotta per la sopravvivenza e un periodo di grande solidarietà e unità.

“Sfortunatamente, la maggior parte delle capitali occidentali erano convinte che questa guerra sarebbe finita in pochi giorni e che non aveva senso inviare carri armati, munizioni o altre armi, perché i russi avrebbero presto annunciato la vittoria. La Polonia si è distinta in questo contesto”.

Nei mesi successivi, i funzionari polacchi fecero gesti più simbolici.

Morawiecki faceva parte della prima delegazione straniera a visitare Kiev dopo l’invasione, mentre il presidente polacco Andrzej Duda avrebbe avuto un filo diretto con Zelenskyy nei primi mesi di guerra.

La Polonia è stata anche il leader dell’iniziativa europea. Inizialmente avversata dalla Germania, essa fornì all’Ucraina i carri armati Leopard.

Sembrava che il tandem Polonia-Ucraina, unito da un forte sentimento anti-russo, fosse destinato a durare.

La fine della luna di miele

Secondo Polonia in guerra, un nuovo libro del giornalista polacco Zbigniew Parafianowicz basato su interviste a funzionari e decisori, le relazioni tra i due paesi hanno cominciato a deteriorarsi quando un missile vagante ucraino è caduto sulla città orientale della Polonia di Przewodow, uccidendo due persone.

Nonostante tutte le prove contrarie, Zelenskyj ha insistito sul fatto che il missile era russo, il che ha gettato i primi semi di sfiducia tra gli alleati, suggerisce l’autore.

Anche la disputa che scuote gli agricoltori polacchi sull’importazione di grano ucraino ha indebolito i legami.

Nel maggio 2023, la Polonia, insieme ad altri stati dell’Europa centrale, ha vietato le importazioni citando la tutela degli interessi degli agricoltori locali, una mossa lanciata dall’Ucraina come una pugnalata alle spalle.

In risposta, all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a settembre, Zelenskyj ha accusato la Polonia di aiutare la causa di Mosca.

“È stato un insulto non solo per [the governing Law and Justice – PiS – leader Jaroslaw] Kaczyński e PiS, ma alla classe politica polacca e alla leadership politica polacca che ha sostenuto l’Ucraina incondizionatamente”, ha detto Parafianowicz ad Al Jazeera.

Nuova apertura?

Con l’avvicinarsi delle elezioni parlamentari polacche di metà ottobre 2023, la lotta per gli elettori scettici nei confronti dell’Ucraina tra i partiti di destra era in pieno svolgimento. La leadership polacca si è assicurata di non presentarsi come debole o di servire l’Ucraina a scapito degli interessi interni.

A Kiev molti hanno visto la svolta antiucraina come parte della campagna elettorale. Allo stesso tempo, c’erano grandi speranze che, se la Piattaforma Civica dell’opposizione avesse vinto, le relazioni polacco-ucraine avrebbero potuto godere di un nuovo inizio.

“Commentatori e decisori in Ucraina pensavano che questa fosse solo una questione di campagna elettorale. E quando le elezioni passeranno, sia PiS che [the far-right party] Se la Konfederacja perde, la situazione cambierà”, ha detto Sergiy Gerasymchuk, vicedirettore del centro analitico ucraino Prism.

Ma la vittoria dell’opposizione non ha portato cambiamenti sostanziali. Mentre il nuovo primo ministro Donald Tusk ha visitato l’Ucraina a gennaio ed ha espresso ulteriore solidarietà alla guerra contro la Russia, ha chiarito che gli interessi economici della Polonia rimarranno la sua priorità.

“È diventato chiaro che, nonostante la composizione del governo polacco, è necessario avviare dei negoziati. È necessario cercare dei compromessi”, ha detto Gerasymchuk.

Il ritorno della Realpolitik

“Non c’è alcun collasso delle relazioni polacco-ucraine”, ha detto Parafianowicz ad Al Jazeera. “Quello che vediamo è una svolta realista… Gli ucraini hanno iniziato a rendersi conto che la Polonia difenderà in modo deciso i propri interessi economici”.

Entrambe le economie vantano forti settori dell’agricoltura e dei trasporti, il che significa che le differenze in quelle aree potrebbero sembrare inevitabili.

È probabile che l’Ucraina lavorerà per estendere la sua cooperazione con l’Europa, mentre la Polonia continuerà a proteggere il proprio mercato dalle possibili influenze negative della concorrenza ucraina.

Secondo i sondaggi del Centro polacco Mieroszewski e dell’Ucraina Info Sapiens, nell’ottobre 2023, il 67% degli ucraini aveva un’opinione positiva dei polacchi. Tre mesi dopo la percentuale è scesa al 44,5%. Gli autori del sondaggio hanno citato le proteste al confine come fattore principale.

Ma Gerasymchuk è rimasto ottimista.

Per lui la Polonia, insieme alla Lituania, è ancora l’alleato più fedele dell’Ucraina.

“L’Unione Europea non riguarda solo ambiti in cui siamo tutti sulla stessa lunghezza d’onda, ma anche un’economia in cui possiamo avere interessi diversi”, ha affermato. “Nonostante i diversi interessi, tuttavia, spero che la minaccia comune che esiste nel nord-est tenga insieme tutta l’Europa centrale”.