Stati Uniti, talebani tengono i primi colloqui dal ritiro dell’Afghanistan

0
11

Situazione umanitaria e attuazione dell’accordo USA-talebani del 2020 in agenda nei colloqui tenuti a Doha.

L’incontro di sabato e domenica sarà il primo da quando le forze statunitensi si sono ritirate dall’Afghanistan ad agosto [File: Sorin Furcoi/Al Jazeera]

Alti funzionari talebani e rappresentanti degli Stati Uniti hanno discusso di “aprire una nuova pagina” nelle relazioni dei loro paesi all’inizio dei colloqui in Qatar, secondo il ministro degli Esteri afghano.

Gli incontri di persona iniziati sabato a Doha sono i primi da quando le forze statunitensi si sono ritirate dall’Afghanistan ad agosto – ponendo fine a una presenza militare di 20 anni – e l’ascesa al potere dei talebani.

Il mullah Amir Khan Muttaqi, ministro degli esteri in carica dell’Afghanistan, ha affermato che l’obiettivo della delegazione afgana sono gli aiuti umanitari, nonché l’attuazione dell’accordo firmato dai talebani con Washington lo scorso anno che ha spianato la strada al ritiro definitivo degli Stati Uniti.

Il ministro ha affermato che la delegazione afghana ha chiesto agli Stati Uniti di revocare il divieto sulle riserve della banca centrale afgana. Ha aggiunto che gli Stati Uniti offriranno al popolo afghano vaccini contro il COVID-19.

La delegazione talebana incontrerà successivamente i rappresentanti dell’Unione europea.

Un portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto venerdì sera che i colloqui non riguardavano il riconoscimento o la legittimazione dei talebani come leader dell’Afghanistan, ma sono una continuazione dei colloqui pragmatici su questioni di interesse nazionale per gli Stati Uniti.

Ha affermato che la priorità era la continua partenza sicura di afgani, cittadini statunitensi e altri cittadini stranieri dall’Afghanistan, aggiungendo che un altro obiettivo era esortare i talebani a rispettare i diritti di tutti gli afgani, comprese le donne e le ragazze, e formare un governo inclusivo con un’ampia sostegno.

Il Dipartimento di Stato non ha rivelato chi si sarebbe recato nella capitale del Qatar dalla parte degli Stati Uniti.

Da quando i talebani hanno preso il potere, lo Stato islamico nella provincia di Khorasan, ISKP (ISIS-K), ha intensificato gli attacchi contro il gruppo e le minoranze etniche e religiose.

Venerdì, un attentatore suicida dell’ISKP ha ucciso almeno 46 musulmani sciiti di minoranza e ne ha feriti decine nell’attacco più mortale dalla partenza degli Stati Uniti.

Natasha Ghoneim di Al Jazeera ha affermato che la delegazione talebana è a Doha con la speranza di affrontare le difficoltà del governo, i crescenti problemi di sicurezza e le difficoltà economiche.

“Sembra che uno dei principali argomenti di discussione oggi sia stata la distribuzione dell’assistenza umanitaria”, ha affermato.

Riferendo da Doha, ha affermato che le aspettative di una svolta nei colloqui dovrebbero essere “temperate” perché c’è ancora un bel “baratro” tra ciò che vogliono gli Stati Uniti e ciò che vuole il governo di transizione in Afghanistan.

Particolarmente assente, ha aggiunto Ghoneim, è Zalmay Khalilzad, che è stato per anni la persona di riferimento degli Stati Uniti nei colloqui con i talebani.

Minaccia terroristica

L’accordo USA-talebani del 2020, negoziato dall’amministrazione Trump, richiedeva ai talebani di rompere i legami con i gruppi “terroristi” e garantire che l’Afghanistan non accogliesse più “terroristi” che potrebbero attaccare gli Stati Uniti e i loro alleati.

In vista dei colloqui, i talebani hanno escluso la cooperazione con gli Stati Uniti per contenere i gruppi armati in Afghanistan e hanno messo in guardia Washington contro eventuali attacchi cosiddetti “oltre l’orizzonte” sul territorio afghano al di fuori dei confini del paese.

Il portavoce politico dei talebani, Suhail Shaheen, ha dichiarato all’Associated Press che non ci sarà alcuna cooperazione con Washington per perseguire la sempre più attiva affiliata dell’ISIS nel paese.

“Siamo in grado di affrontare Daesh in modo indipendente”, ha detto Shaheen, quando gli è stato chiesto se i talebani avrebbero collaborato con gli Stati Uniti per contenere l’ISKP.

L’amministrazione Biden ha sollevato domande e lamentele sulla lentezza delle evacuazioni facilitate dagli Stati Uniti dall’Afghanistan governato dai talebani dopo il ritiro degli Stati Uniti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here