Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Spondilite anchilosante MRI: ruolo nella diagnosi, cosa aspettarsi e altro

Spondilite anchilosante MRI: ruolo nella diagnosi, cosa aspettarsi e altro

0
37

La spondilite anchilosante (AS) è una malattia autoimmune che provoca infiammazione delle articolazioni della colonna vertebrale e dei punti in cui tendini e legamenti si attaccano all’osso.

I sintomi più comuni includono mal di schiena, rigidità e affaticamento. Nei casi più gravi, l’infiammazione può causare la fusione delle vertebre, nota come spina dorsale di bambù.

Possono volerci anni prima che i cambiamenti nelle ossa dovuti alla spondilite anchilosante si manifestino ai raggi X. Ma in alcuni casi, le scansioni di risonanza magnetica (MRI) possono rilevare prima i segni di infiammazione.

Esamineremo quando viene utilizzata una risonanza magnetica per rilevare o monitorare la spondilite anchilosante e com’è la procedura.

MRI vs. raggi X per diagnosticare AS

A differenza dei raggi X, la risonanza magnetica è in grado di catturare alterazioni infiammatorie nelle ossa e nei tessuti molli. Ciò rende la risonanza magnetica il miglior test di imaging che i medici devono riconoscere nelle prime alterazioni della colonna vertebrale e dell’articolazione sacroiliaca (articolazione sacroiliaca) nella spondilite anchilosante.

La radiografia è stata utilizzata dagli operatori sanitari per diagnosticare la spondilite anchilosante perché mostra chiaramente la struttura scheletrica e può catturare il trauma scheletrico e l’allineamento, secondo ricerca 2012.

Tuttavia, quando AS si presenta ai raggi X, spesso non viene trattato per anni. Possono essere necessari fino a un decennio prima che la malattia si presenti su una radiografia, secondo ricerca 2015.

Scopri di più su come i raggi X vengono utilizzati per diagnosticare e monitorare AS.

Non ci sono criteri stabiliti per la valutazione MRI per la spondilite anchilosante e la specificità e la sensibilità sono ancora limitate. La risonanza magnetica non dovrebbe essere utilizzata come unico strumento di valutazione per AS poiché non cattura l’intera gamma di risultati clinici, secondo Ricerca 2018.

Inoltre, la spondilite anchilosante può essere presente ma non mostrarsi su una risonanza magnetica.

Prevenire il ritardo nella diagnosi

Il ritardo nella diagnosi è un problema in corso nella spondilite anchilosante.

UN studio 2015 su oltre 160 partecipanti con AS ha riscontrato che il tempo medio tra l’insorgenza dei sintomi e la diagnosi era di circa 8 anni, con alcuni pazienti che attendevano più di 10 anni. Altri studi spesso citano un ritardo diagnostico di Da 7 a 10 anni.

Durante questo ritardo, le persone con spondilite anchilosante spesso devono gestire il dolore cronico senza risposte o un trattamento efficace. La sensibilità della risonanza magnetica ai tessuti molli lo rende uno strumento diagnostico chiave nelle prime fasi della spondilite anchilosante.

Prima puoi controllare la spondilite anchilosante dentro o fuori, prima puoi iniziare il trattamento.

Come funziona una risonanza magnetica?

La risonanza magnetica (MRI) è una tecnologia di imaging non invasiva. Produce immagini tridimensionali utilizzando campi magnetici e onde radio molto forti.

Sono state utilizzate risonanza magnetica dagli anni ’80 e sono considerati sicuri purché tecnici e pazienti seguano le indicazioni. A differenza dei raggi X, non ci sono radiazioni coinvolte in una risonanza magnetica.

La risonanza magnetica è particolarmente utile per vedere i tessuti molli oltre alle ossa. Strutture come cervello, midollo spinale, nervi, muscoli e tendini sono tutte visibili con una risonanza magnetica.

La macchina per la risonanza magnetica può essere aperta o chiusa, sebbene non tutte le strutture abbiano una risonanza magnetica aperta. Se il medico ha ordinato una risonanza magnetica, può indirizzarti in un’altra parte della sua clinica o in un centro di radiologia speciale per eseguire l’imaging.

La posizione in cui ti trovi durante una risonanza magnetica dipende dall’area del tuo corpo da esaminare. A volte tutto il tuo corpo sarà completamente all’interno della macchina per la risonanza magnetica. Di solito devi rimanere molto immobile mentre la risonanza magnetica funziona.

Protocollo di sicurezza MRI

Sebbene le risonanza magnetica siano considerate molto sicure, non sono l’opzione migliore per tutti. Alcune persone non dovrebbero sottoporsi a una risonanza magnetica o dovrebbero farlo con cautela.

I magneti della risonanza magnetica possono avere un impatto su determinati dispositivi medici e impianti, secondo il Istituto nazionale di imaging biomedico e bioingegneria. Questi includono:

  • pacemaker
  • impianti cocleari
  • pompe per insulina
  • stimolatori cerebrali profondi (DBS)

Se uno di questi si applica a te, il medico in genere non consiglierà una risonanza magnetica.

La risonanza magnetica non è raccomandata anche per:

  • persone nel primo trimestre di gravidanza
  • persone con claustrofobia (paura degli spazi chiusi)
  • persone con alcuni tipi di dolore cronico (possono influenzare la tua capacità di rimanere in una posizione)

In rari casi, è noto che la risonanza magnetica influisce sull’inchiostro nei tatuaggi, secondo una ricerca del 2019. Ciò può causare una sensazione di calore, formicolio o addirittura bruciore nel tatuaggio durante una risonanza magnetica.

Sebbene i ricercatori abbiano riscontrato questa reazione molto rara, è importante informare il medico e il tecnico di eventuali nuovi tatuaggi. Fai sapere loro se stai riscontrando sintomi legati a un tatuaggio mentre sei nella macchina per risonanza magnetica, poiché potresti dover interrompere il processo di imaging.

Cosa aspettarsi quando si esegue una risonanza magnetica

Ottenere una risonanza magnetica ha il potenziale per essere stressante. Potrebbe essere utile ricordare che la risonanza magnetica è un tipo molto comune di imaging che milioni di persone ottengono ogni anno. Sebbene le risonanze magnetiche possano essere scomode, possono anche fornire informazioni vitali sulla tua salute.

Ecco una panoramica di cosa aspettarsi durante una risonanza magnetica. Conoscere le fasi del processo di imaging può aiutare a ridurre l’ansia e lo stress.

Non esitate a chiedere al vostro medico o tecnico se avete dubbi sulla risonanza magnetica. Possono soppesare tutti i fattori di rischio che hai rispetto ai possibili benefici di una risonanza magnetica. Se decidi che una risonanza magnetica non è la tua migliore opzione, il tuo medico può aiutarti a trovare un passaggio successivo che funzioni per te.

Preparazione

A seconda del tipo di risonanza magnetica, il medico potrebbe dirti di non mangiare o bere in anticipo per un certo periodo di tempo.

Ti verrà chiesto di toglierti tutti i gioielli e girare tutti gli oggetti metallici, come occhiali o chiavi della macchina, poiché questi oggetti possono essere influenzati dai magneti. Ti cambierai quindi in un abito da indossare durante la procedura. Viene fornito un armadietto per riporre i tuoi vestiti e le tue cose.

Agenti di contrasto

Alcune risonanze magnetiche vengono eseguite con il mezzo di contrasto. Gli agenti di contrasto funzionano in modo simile ai coloranti, rendendo le strutture e i cambiamenti dei tessuti più nitidi e più visibile alla macchina per risonanza magnetica. I mezzi di contrasto possono essere iniettati localmente, dopo un agente paralizzante o infusi per via sistemica prima della procedura.

L’uso del contrasto non è consigliato a tutti. Le persone con malattie renali o insufficienza renale nota probabilmente non dovrebbero ricevere il contrasto.

Le risonanza magnetica per valutare la spondilite anchilosante sono ordinate sia con che senza mezzo di contrasto.

Processi

Un tecnico di radiologia ti aiuterà a sistemarti nella macchina per la risonanza magnetica e a monitorare te e la macchina da una stanza vicina.

Di solito avrai un auricolare e un pulsante che puoi utilizzare per comunicare con il tecnico in caso di domande o dubbi. Il tecnico può aggiornarti durante tutto il processo di imaging, informandoti di quanto tempo è rimasto o se devi muoverti leggermente.

Il tecnico ti aiuterà a posizionarti su un tavolo scorrevole e a rotolarti in un tubo chiuso, sebbene alcuni centri abbiano una risonanza magnetica aperta. Ti verrà chiesto di mentire molto immobile in modo che le immagini non risultino sfocate.

Quando ti sottoponi a una risonanza magnetica come parte della valutazione per la spondilite anchilosante, in genere verrai posizionato disteso sulla schiena.

Tempo

La quantità di tempo che trascorri nella macchina per la risonanza magnetica varia notevolmente a seconda dell’area del tuo corpo da riprendere e del tipo di risonanza magnetica. Si va da circa 15 a 90 minuti.

Per la spondilite anchilosante, una risonanza magnetica dura in genere 30 minuti, secondo ricerca 2007. Questo è il tempo effettivamente trascorso nella macchina e non include il check-in e la preparazione.

Sensazioni

I magneti utilizzati per creare immagini MRI sono piuttosto rumorosi. Ti verranno dati dei tappi per le orecchie o, in alcuni casi, delle cuffie con musica. Alcune persone trovano il rumore di una risonanza magnetica molto angosciante e la parte più difficile della procedura.

Ecco un video che mostra i molti suoni diversi emessi da una macchina per risonanza magnetica.

A causa dei rumori forti, della natura chiusa della maggior parte delle risonanza magnetica e del fatto che devi rimanere immobile, alcune persone si sentono claustrofobiche e ansiose. Cerca di concentrarti sulla respirazione e ricorda che il processo di risonanza magnetica è temporaneo.

Risultati

Il tuo team sanitario ti chiamerà con i risultati o ti programmerà una visita di follow-up per esaminarli.

I medici che esaminano i risultati della scansione a raggi X, risonanza magnetica o TC sono chiamati radiologi. Sono addestrati a cercare piccole differenze che la persona media non noterebbe. Un radiologo scriverà un rapporto della tua risonanza magnetica per il tuo medico da rivedere insieme alle immagini.

Se il medico identifica segni di spondilite anchilosante sulla risonanza magnetica, può fare una diagnosi ufficiale e iniziare a lavorare con te per sviluppare un piano di trattamento.

È importante ricordare che una risonanza magnetica non può escludere completamente la spondilite anchilosante. È possibile avere AS e una risonanza magnetica apparentemente regolare, soprattutto all’inizio della malattia.

Altri strumenti diagnostici per la spondilite anchilosante

La risonanza magnetica è uno dei numerosi strumenti utilizzati per valutare qualcuno per la spondilite anchilosante.

Oltre a condurre un esame fisico e ascoltare i sintomi, i medici possono utilizzare:

  • Prove di laboratorio. Non esiste un singolo esame del sangue in grado di identificare specificamente l’AS, ma i medici di solito cercano un biomarcatore utile chiamato HLA-B27che è presente in giro 90 per cento di persone con AS. Tuttavia, questo marcatore è comune anche nella popolazione generale e la maggior parte delle persone con esso non svilupperà mai la malattia.
  • Altre immagini. Ciò include sia i raggi X che le scansioni TC.

Veduta

La risonanza magnetica può essere molto utile per esaminare i tessuti molli, le articolazioni, i tendini e i legamenti. Nella valutazione della spondilite anchilosante, la risonanza magnetica può essere più sensibile dei raggi X e mostrare segni di infiammazione prima nella progressione della malattia.

Ottenere una risonanza magnetica è stressante per alcune persone, poiché comporta rumori forti e di solito lo stare in uno spazio chiuso. Alcune risonanze magnetiche vengono eseguite con il mezzo di contrasto, che richiede l’iniezione.

Assicurati di comunicare apertamente con il tuo medico e tecnico prima e durante questo processo di imaging. Considera di portare con te un amico o un familiare per il supporto.

In definitiva, non esiste un unico test diagnostico per la spondilite anchilosante, ma una scansione MRI può aiutare a fornire maggiori informazioni. È possibile avere risultati AS e MRI regolari.

La risonanza magnetica non è consigliata a persone con determinati dispositivi medici o impianti che potrebbero interagire con i potenti magneti della macchina. Parla con il tuo medico dei fattori di rischio e di altri strumenti diagnostici che potrebbero adattarsi meglio.