Spiegatore: Perché i nuovi piani di cittadinanza dell'India stanno suscitando proteste

0
67

MUMBAI – Migliaia di indiani hanno protestato contro una nuova legge sulla cittadinanza e possibili piani per un registro nazionale dei cittadini (NRC), sostenendo che le misure sono un attacco contro una costituzione secolare e contro i musulmani di minoranza.

I manifestanti preparano i cartelli prima di partecipare a una marcia di protesta contro una nuova legge sulla cittadinanza, a Kochi, in India, il 23 dicembre 2019. REUTERS / Sivaram V

Il Citizenship Emendamento Act (CAA) ha lo scopo di accelerare la cittadinanza per indù perseguitati, parsi, sikh, buddisti, giainisti e cristiani che sono arrivati ​​in India prima del 31 dicembre 2014, dalla maggioranza musulmana in Afghanistan, Bangladesh e Pakistan.

L'approvazione del disegno di legge dell'11 dicembre ha scatenato manifestazioni diffuse nello stato orientale dell'Assam, poiché i manifestanti temevano che avrebbe trasformato migliaia di migranti illegali dal vicino Bangladesh a maggioranza musulmana in residenti legali.

Altrove in India, i manifestanti affermano che la legge sulla cittadinanza sarà seguita dal registro nazionale, che temono sia stato progettato dal governo nazionalista indù per espellere i musulmani che non dispongono di sufficiente documentazione di cittadinanza.

Il governo ha confutato queste accuse e ha promesso di proteggere equamente tutti i cittadini.

PERCHÉ L'ATTO DI CITTADINANZA È CONTROVERSIALE?

Secondo la legge, l'India garantirà la cittadinanza alle sei comunità che secondo il governo Modi hanno storicamente affrontato persecuzioni nei tre vicini dominati dai musulmani. Il governo afferma che i musulmani non possono essere trattati come minoranze perseguitate in quei paesi.

I critici affermano che la legge discrimina i musulmani e mina la costituzione secolare dell'India. Si chiedono perché la legge non includa i musulmani in fuga dallo Sri Lanka e dal Myanmar, che sono per lo più buddisti.

QUAL È IL REGISTRO NAZIONALE DEI CITTADINI?

Le autorità dello stato nord-orientale dell'Assam hanno iniziato a utilizzare la NRC per identificare gli immigrati clandestini nel 2015, su ordine della Corte suprema. Doveva essere utilizzato solo per la regione etnicamente diversificata, ma da allora, ci sono state chiamate da funzionari del partito al potere e dai suoi sostenitori per la sua attuazione a livello nazionale.

Un elenco finale di cittadini in Assam, pubblicato il 31 agosto, ha escluso quasi 1,9 milioni di residenti, molti dei quali musulmani ma inclusi alcuni indù.

CHE COSA VORREBBE UN SIMILE PAN-INDIA NRC?

Il manifesto del 2019 di Bharatia Janata Party (BJP) al potere di Modi ha dichiarato che "in futuro implementeremo il NRC in modo graduale in altre parti del paese", ma non ha fornito dettagli.

Se verrà attuato un NRC a livello nazionale, attivisti e politici dell'opposizione si aspettano che i residenti incapaci di provare la cittadinanza vengano portati nei centri di detenzione, come sta accadendo in Assam.

La maggior parte degli 1,3 miliardi di indiani sono indù, circa il 14% sono musulmani e il resto sono cristiani, buddisti e altri.

In Assam, alle persone escluse sono stati concessi 120 giorni per dimostrare la loro cittadinanza presso organi quasi giudiziari noti come tribunali per stranieri. Quelli considerati immigranti illegali possono appellarsi ai tribunali superiori.

LE LEGGI DI MODI

Le minoranze religiose e i liberali stanno diventando sempre più a disagio con l'agenda indù di Modi, che sembra aver guadagnato enfasi dalla sua rielezione a maggio.

La legge sulla cittadinanza arriva dopo una decisione della Corte Suprema di novembre che ha consegnato ai gruppi indù il controllo di un sito contestato in cui una moschea del XVI secolo è stata rasa al suolo dagli zeloti indù nel 1992, aprendo la strada alla costruzione di un tempio lì, come promesso da tempo dal BJP .

Ciò ha fatto seguito ad una decisione del governo ad agosto di eliminare lo stato speciale della maggioranza musulmana del Jammu e del Kashmir e di dividerlo in due regioni amministrate federalmente in quello che il governo ha affermato che era un tentativo di integrare la regione di riposo con il resto dell'India.

COSA SUCCEDE DOPO?

Il CAA è stato contestato alla Corte Suprema da un partito politico, avvocati e gruppi per i diritti dei musulmani in quanto viola la costituzione secolare.

La Corte suprema ha dichiarato che avrebbe ascoltato le petizioni che contestano la legge il 22 gennaio.

Domenica, Modi ha affermato che il suo governo non ha piani immediati per un NRC nazionale, ma i suoi commenti contraddicono le dichiarazioni del suo luogotenente più vicino, il Ministro degli Interni Amit Shah. I funzionari del governo non hanno chiarito la posizione.

(Questa storia corregge il paragrafo 23 per mostrare che è stata fissata una data per le udienze della Corte Suprema).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here