Soldati israeliani sparano e uccidono due uomini palestinesi disarmati a Gaza: video

0
12

Il gruppo di difesa condanna “l’odioso crimine di guerra” e afferma che Israele sembra “uccidere i palestinesi per capriccio”.

Soldati israeliani hanno ucciso a distanza ravvicinata due palestinesi disarmati a Gaza, i loro corpi sepolti nella sabbia e nella spazzatura da un bulldozer dell’esercito, hanno mostrato filmati esclusivi ottenuti da Al Jazeera.

Gli uomini hanno agitato ripetutamente quello che sembrava essere un tessuto bianco, in segno di resa e per dimostrare che non rappresentavano una minaccia.

Erano vicino alla rotatoria di Nabulsi, a sud-ovest di Gaza City, e stavano cercando di tornare alle loro case nel nord della Striscia attraverso al-Rashid Street, l’unica strada possibile, ha detto un corrispondente di Al Jazeera. È qui che hanno incontrato i soldati israeliani.

La messa in onda del video avviene pochi giorni dopo che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che chiede un cessate il fuoco immediato a Gaza e in mezzo alle crescenti richieste a Israele di fermare il suo attacco di quasi sei mesi contro l’enclave assediata che ha ucciso decine di migliaia di palestinesi e spinto avvertimenti di una carestia imminente.

Il filmato mostra un uomo che si avvicina alle truppe, tenendo in mano un panno bianco, mentre l’altro si gira, ma nel frattempo solleva un pezzo di tessuto bianco.

L’uomo che si è voltato viene visto inseguito da un veicolo blindato. I soldati aprono il fuoco su di lui e il filmato lo mostra mentre crolla sulla sabbia.

Un bulldozer è stato utilizzato per seppellire due corpi, compreso quello del primo uomo che si era avvicinato ai soldati, mostra il video.

Giovedì l’esercito israeliano ha dichiarato ad Al Jazeera che “è necessario un esame approfondito e professionale per valutare i dettagli dell’incidente”. Ha affermato che il video “è stato modificato e non mostra il contesto dell’incidente”, aggiungendolo aveva trasferito la sua relazione “agli organismi professionali competenti per la revisione”.

Hamas ha condannato gli omicidi, affermando che si tratta di “un’ulteriore prova della portata del fascismo e della criminalità che governa il comportamento sionista, nel contesto della brutale guerra di sterminio contro il nostro popolo nella Striscia di Gaza”.

Ha inoltre invitato la Corte penale internazionale ad adottare le “misure necessarie” per ritenere Israele responsabile dei “crimini che commette contro bambini e civili indifesi”.

Il gruppo armato palestinese afferma che qualsiasi accordo di cessate il fuoco deve includere il diritto dei palestinesi di tornare alle proprie case in sicurezza senza essere attaccati dalle truppe israeliane.

“Atroce crimine di guerra”

Il Council on American-Islamic Relations (CAIR), un gruppo di difesa e diritti civili con sede negli Stati Uniti, ha chiesto un’indagine delle Nazioni Unite sull’“atroce crimine di guerra” e ha affermato che Israele sembra “uccidere i palestinesi per capriccio” e poi tratta i corpi delle sue vittime “come spazzatura”.

“Questo genocidio deve essere fermato, non giustificato o sostenuto con le armi [and] retorica”, ha affermato il CAIR.

Nebal Farsakh, portavoce della Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS), ha dichiarato: “Queste sono scene brutali e terrificanti perché stiamo assistendo a esecuzioni extragiudiziali”, aggiungendo che era ovvio che Israele stesse tentando di nascondere le prove.

“Israele se la sta cavando grazie al silenzio della comunità internazionale”, ha detto Farsakh ad Al Jazeera. “Quante migliaia di palestinesi dovrebbero essere uccisi prima che il mondo prenda misure serie per ritenere Israele responsabile e ottenere un cessate il fuoco immediato e duraturo?”

Il professor Richard Falk, ex relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Palestina, ha affermato che le sparatorie sono “una chiara conferma delle continue atrocità israeliane”.

Hanno anche sottolineato il “carattere inequivocabile delle atrocità israeliane che vengono commesse quotidianamente”, ha detto Falk ad Al Jazeera.

“Gli occhi e le orecchie del mondo sono stati assaliti in tempo reale da questa forma di comportamento genocida”, ha detto Falk, descrivendo la mancanza di condanna da parte delle nazioni occidentali come un “momento vergognoso”.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, almeno 32.552 palestinesi sono stati uccisi e 74.980 feriti negli attacchi israeliani a Gaza dal 7 ottobre.