Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Sogni di svegliarti? C’è un nome per questo

Sogni di svegliarti? C’è un nome per questo

0
4

donna che sta vivendo un falso risveglio con la testa sotto un cuscino

La tua sveglia suona. Ti siedi, ti strofini gli occhi, ti alzi dal letto e barcolli verso la cucina per preparare il caffè e dare da mangiare al gatto ululante.

Dieci minuti dopo, il gatto fa le fusa e ti stai godendo il tuo primo sorso di caffè quando… la sveglia suona di nuovo.

Sdraiato a letto, ti chiedi se sei davvero sveglio questa volta, magari anche darti un pizzicotto prima di fare una mossa per alzarti.

Un falso risveglio si riferisce alla strana esperienza di “svegliarsi” quando rimani effettivamente addormentato. Può coinvolgere immagini vivide e realistiche che ti fanno sentire ansioso e confuso.

Alcune persone sperimentano anche sogni nidificati o più di un falso risveglio nella stessa occasione.

È la stessa cosa della paralisi del sonno?

La paralisi del sonno, che di solito si verifica quando inizi ad addormentarti o ti svegli, non è proprio la stessa cosa di un falso risveglio.

La ricerca suggerisce, tuttavia, che molte persone che sperimentano uno spesso sperimentano l’altro.

Con la paralisi del sonno, perdi brevemente la capacità di parlare o muovere i muscoli. Potresti anche trovare un po’ difficile respirare.

Alcune persone hanno anche allucinazioni con un episodio di paralisi del sonno. Potrebbe sembrare che qualcun altro sia nella tua stanza con te o ti tenga sul letto.

La differenza chiave tra la paralisi del sonno e un falso risveglio è che la paralisi del sonno si verifica quando sei sveglio, non mentre stai sognando.

La paralisi del sonno si verifica in genere quando si passa dal sonno REM (movimento rapido degli occhi) alla veglia. Il tuo cervello si sveglia, ma i tuoi muscoli rimangono temporaneamente paralizzati, proprio come durante il sonno REM.

Significano che sta per succedere qualcosa di brutto?

No, ma potresti sentire la sensazione di qualcosa di brutto in arrivo a seconda del tipo di falso risveglio che sperimenti.

Secondo la ricercatrice Celia Green, PhD, nel suo libro “Lucid Dreaming: The Paradox of Consciousness During Sleep”, ci sono due tipi principali di falsi risvegli:

  • Tipo 1. Un falso risveglio di tipo 1 procede in modo abbastanza semplice. Dopo il “risveglio”, fai le stesse cose che faresti normalmente. Questo tipo spesso non ti spaventa come succede, anche se potresti sentirti disorientato o un po’ angosciato una volta che ti svegli.
  • Tipo 2. Con questo tipo, potresti svegliarti con un senso di presentimento o sentirti convinto che qualcosa di strano o brutto stia per accadere. Questo tipo di falso risveglio potrebbe assomigliare alla paralisi del sonno, specialmente se sogni di svegliarti e non puoi muoverti o scappare da qualche tipo di presenza maligna nella tua stanza. Quando tu fare svegliati, però, sarai in grado di muoverti normalmente.

Mentre i falsi risvegli di tipo 2 possono sembrare snervanti, non ci sono prove che suggeriscano che significhino effettivamente che sta per accadere qualcosa di brutto.

Che relazione c’è con i sogni lucidi?

Simile al sogno lucido e alla paralisi del sonno, i falsi risvegli sono considerati uno degli stati ibridi, o sovrapposti, tra il sonno e la veglia.

Molte persone che sperimentano falsi risvegli hanno anche sogni lucidi.

In un sogno lucido, ti rendi conto che stai sognando. Questa conoscenza ti consente di mantenere un certo controllo su ciò che ti circonda e persino di cambiare il corso del sogno.

Ci sono anche alcune prove che suggeriscono che i sogni lucidi di solito finiscono in falsi risvegli. Potresti anche “svegliarti” e iniziare a descrivere il tuo sogno a qualcun altro prima di svegliarti davvero.

Un falso risveglio può diventare un sogno lucido, soprattutto se inizi a notare alcuni dettagli che differiscono leggermente dalla realtà.

Ad esempio, i tuoi mobili potrebbero non essere nel solito posto, la tua lampada potrebbe non accendersi o potresti aprire un libro e scoprire che non riesci a leggere nessuna delle parole.

Sospettare di non essere effettivamente sveglio potrebbe portarti a provare a manipolare il sogno in qualche modo o a dirti di svegliarti.

Cosa lo fa accadere?

Ad oggi, non ci sono molte ricerche sui falsi risvegli e gli esperti devono ancora determinare esattamente cosa li causa. Come con la paralisi del sonno, possono riguardare il sonno REM interrotto.

Alcune spiegazioni suggerite per i falsi risvegli includono:

  • disturbi del sonno, come l’insonnia e l’apnea notturna

  • anticipazione, o sapendo che devi svegliarti presto per un motivo specifico
  • rumore e altri disturbi che interrompono il sonno senza svegliarti completamente

Lo stress e l’ansia nella tua vita quotidiana possono anche avere un impatto sul sonno e potenzialmente apparire nei tuoi sogni.

Se sei preoccupato per qualcosa che accadrà poco dopo il risveglio, potresti sognare di svegliarti e prepararti ad affrontare l’evento stressante. Questi eventi stressanti possono includere:

  • un esame difficile
  • appuntamento dal dentista
  • colloquio di lavoro

Teoria della protocoscienza

La ricerca del 2011 offre un’altra potenziale spiegazione per i falsi risvegli.

Secondo la teoria della protocoscienza onirica, il tuo cervello si prepara alla coscienza durante il sonno REM, usando la sua rappresentazione interna del tuo mondo quotidiano.

Questo modello serve come punto di partenza per i tuoi sogni, suggerisce la teoria. Ma la maggior parte dei sogni include molti altri elementi che li fanno sembrare molto meno realistici.

I falsi risvegli potrebbero verificarsi quando l’ipereccitazione, o l’aumento della vigilanza, durante il sonno REM ti impedisce di sperimentare sogni più tipici, come quelli che coinvolgono volare, cadere e altri eventi surreali.

Invece, i sogni possono fare affidamento su ricordi più specifici di un ambiente familiare e della tua tipica routine quotidiana.

Dovrei essere preoccupato?

Per quanto strano possano sembrare, i falsi risvegli generalmente non rappresentano alcun motivo di preoccupazione medica. Non ci sono prove che suggeriscano che si verifichino come sintomo di qualsiasi condizione di salute fisica o mentale.

Detto questo, vale la pena esaminare qualsiasi evento insolito che interrompa regolarmente il sonno. I falsi risvegli potrebbero verificarsi insieme ad altri sintomi che hanno una causa più grave.

Parla con il tuo medico o uno specialista del sonno se noti anche uno dei seguenti sintomi:

  • problemi ad addormentarsi o restare addormentati

  • stanchezza o esaurimento dopo diverse ore a letto

  • sonnolenza diurna
  • incubi frequenti

Migliorare il sonno che si ottiene ogni notte potrebbe aiutare a ridurre la frequenza dei falsi risvegli. Ecco alcuni suggerimenti generali per dormire meglio:

  • Spegni il telefono e altri dispositivi elettronici almeno 1 ora prima di andare a dormire.
  • Usa il nostro calcolatore del sonno per calcolare la quantità di sonno di cui hai bisogno.
  • Prenditi del tempo per rilassarti prima di andare a letto.

Anche problemi di salute mentale, come ansia e depressione, possono contribuire a disturbare i sogni e influenzare la qualità del sonno.

È una buona idea rivolgersi a un terapeuta per qualsiasi sintomo di salute mentale che non migliora dopo una settimana o due, soprattutto se si verificano cambiamenti di umore insieme a sintomi di salute fisica, come cambiamenti nelle abitudini del sonno.

La linea di fondo

I falsi risvegli possono essere molto inquietanti, soprattutto se accadono spesso. È già abbastanza difficile alzarsi dal letto una volta, tanto meno una seconda volta (o la terza o la quarta).

Come tutti i sogni, i falsi risvegli prima o poi finiranno. Se diventano un fastidio regolare o ti impediscono di dormire bene, parlare con uno specialista del sonno può essere una buona opzione.


Crystal Raypole ha precedentemente lavorato come scrittore ed editore per GoodTherapy. I suoi campi di interesse includono lingue e letterature asiatiche, traduzione giapponese, cucina, scienze naturali, positività sessuale e salute mentale. In particolare, si è impegnata ad aiutare a ridurre lo stigma sui problemi di salute mentale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here