Home Notizia Mondo Ridurre le calorie potrebbe aiutare a rallentare l’invecchiamento del cervello?

Ridurre le calorie potrebbe aiutare a rallentare l’invecchiamento del cervello?

0
23

forchetta e coltello appoggiati sul piatto vuoto sporco
I ricercatori stanno studiando se la restrizione calorica può aiutare a preservare la salute del cervello. Credito immagine: Richard Bailey/Getty Images.
  • Man mano che invecchiamo, il nostro cervello invecchia naturalmente e la capacità di svolgere determinati compiti come la memoria e l’apprendimento diminuisce.
  • Precedenti ricerche mostrano che vivere uno stile di vita sano che includa un’alimentazione corretta può aiutare a rallentare l’invecchiamento del cervello.
  • I ricercatori del Buck Institute for Research on Aging hanno scoperto che limitare la quantità di cibo che una persona mangia può anche aiutare a proteggere il cervello dall’invecchiamento.
  • La ricerca ha identificato un gene specifico che viene potenziato attraverso la restrizione calorica, favorendo i processi necessari per un sano invecchiamento cerebrale.

Quando invecchiamo, il nostro corpo, compreso il cervello, inizia naturalmente a invecchiare. Alcuni compiti che il cervello esegue, come ad esempio memoria e apprendimentoiniziano a diminuire.

Secondo il Istituto nazionale sull’invecchiamentoricerche precedenti mostrano che vivere uno stile di vita sano che include attività fisica, gestione dello stress, promozione delle connessioni sociali e alimentazione corretta può aiutare a rallentare l’invecchiamento cerebrale.

Ora i ricercatori del Buck Institute for Research on Aging di Novato, in California, hanno scoperto che limitare la quantità di cibo che una persona mangia può anche aiutare a proteggere il cervello dall’invecchiamento, attraverso modelli sia di moscerini della frutta che di cellule umane.

La ricerca – recentemente pubblicata sulla rivista Comunicazioni sulla natura — ha identificato un gene specifico che viene potenziato attraverso la restrizione calorica, favorendo i processi necessari per un sano invecchiamento cerebrale.

Come la restrizione calorica influisce sull’invecchiamento cerebrale

Secondo la dottoressa Lisa Ellerby, professoressa presso il Buck Institute for Research on Aging, professore aggiunto di gerontologia presso la USC Leonard Davis School of Gerontology e co-autrice senior di questo studio, il team ha deciso di studiare l’impatto della restrizione calorica sull’organismo invecchiamento cerebrale poiché la restrizione alimentare rappresenta un intervento significativo sul processo di invecchiamento e il cervello è un organo particolarmente vulnerabile durante l’invecchiamento.

“Pertanto, comprendere i fattori che sono modulati dalle restrizioni dietetiche e che sono protettivi nel cervello è una direzione di ricerca significativa nel campo”, ha detto il dottor Ellerby. Notizie mediche oggi. “Inoltre, molte persone stanno adottando varie forme di restrizione calorica, in particolare il digiuno intermittente. Questo è stato un passo iniziale nella comprensione di come questi sforzi potrebbero avere un impatto sull’invecchiamento cerebrale”.

Ad esempio, una revisione della ricerca pubblicata nel febbraio 2021 ha riferito che le restrizioni dietetiche possono aiutare a proteggere il cervello neuroinfiammazione e neurodegenerazione.

“Le malattie legate all’età rappresentano senza dubbio la più grande sfida biomedica del 21° secolo”, ha affermato il dottor Ellerby.

“L’età è il principale fattore di rischio per lo sviluppo di malattie del cervello. Rinviare o diminuire il tasso di invecchiamento potrebbe ritardare molteplici malattie legate all’età e quindi le malattie neurologiche. Per quanto riguarda l’Alzheimer e il morbo di Parkinson, non esistono trattamenti disponibili per curare effettivamente queste malattie, quindi è importante comprendere i modi per prevenire o rallentare la progressione delle malattie neurodegenerative”.

– Dottoressa Lisa Ellerby

Identificazione del gene affetto dalla restrizione calorica

Per questo studio, la dottoressa Ellerby e il suo team hanno utilizzato sia modelli di moscerini della frutta che cellule umane per esaminare come la restrizione calorica potrebbe influenzare l’invecchiamento del cervello.

Il team ha utilizzato un modello di mosca della frutta composto da 160 diversi ceppi di mosche con background genetici diversi. Le mosche venivano allevate con una dieta normale o con una dieta che rappresentava solo il 10% della loro normale alimentazione.

Da lì, i ricercatori hanno identificato cinque geni che presentavano varianti specifiche che avevano un impatto significativo sulla longevità in condizioni di restrizione alimentare.

Uno di questi è il gene “senape” nei moscerini della frutta che è correlato al gene “senape”. resistenza all’ossidazione 1 (OXR1) gene negli esseri umani e nei roditori.

Ricerche precedenti mostrano che a esaurimento Di OXR1 i prodotti genetici sono una caratteristica condivisa di condizioni neurodegenerative come il morbo di Parkinson e la retinopatia diabetica, mentre studi sui topi mostrano che la sovraespressione di OXR1 Forse protettivo contro la sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

Il ruolo del “riciclo” delle proteine ​​nell’invecchiamento

Inoltre, gli scienziati hanno scoperto che OXR1 il gene influenza il retromeroche seleziona le proteine ​​e decide quali possono essere riutilizzate dall’organismo e quali no.

“Il riciclaggio è importante nella nostra vita quotidiana”, ha spiegato il dottor Ellerby. “Una cellula fa un processo simile: deve riciclare i componenti danneggiati. Il retromero è un complesso cellulare noto per riciclare proteine ​​e lipidi”.

“È stato sorprendente [that] una proteina conosciuta come OXR1 [expressed by the OXR1 gene] è coinvolto nella funzione del retromero”, ha continuato. “Nelle ricerche precedenti, si pensava che questa proteina fosse coinvolta nella risposta lo stress ossidativo o disintossicazione.

La dottoressa Ellerby ha affermato che lei e i suoi colleghi ritengono che questi risultati possano essere utilizzati in futuro per aiutare a identificare potenziali bersagli terapeutici per rallentare potenzialmente l’invecchiamento e le malattie neurodegenerative legate all’età.

“Trovare fattori che rendano il cervello resiliente o prevengano il processo di invecchiamento sarà importante per rallentare l’invecchiamento”, ha continuato. “È possibile che semplici cambiamenti nella nostra dieta possano aumentare i livelli di OXR1 nel cervello e questo sarebbe protettivo”.

“Abbiamo potenziato OXR1 nelle mosche attraverso la manipolazione genetica”, ha aggiunto il dottor Ellerby. “Stiamo progettando di identificare piccole molecole che aumentino l’espressione di OXR1 progettare una terapia per il cervello che invecchia”.

Ulteriori studi dovrebbero valutare il legame tra dieta e invecchiamento cerebrale

MNT ha anche parlato di questo studio con il dottor Clifford Segil, un neurologo del Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, in California.

Dopo aver letto questa ricerca, il dottor Segil ha commentato che rimane difficile chiarire quali risultati possano tradursi nel fornire ai neurologi qualcosa da consigliare ai loro pazienti per promuovere un’alimentazione sana.

“È stato notato che la restrizione alimentare ha chiari meccanismi d’azione con un metabolismo potenziato e una combustione dei grassi con l’età, e la restrizione alimentare nel cervello è qualcosa che dovrebbe essere perseguito in organismi più complessi rispetto ai moscerini della frutta e ai lieviti, anche se la ricerca deve iniziare in questi semplici organismi. organismi”, ha spiegato.

“Credo che la restrizione dietetica e calorica meriti ulteriori studi per determinare se il nostro eccessivo apporto calorico culturale ci fornisce più danni che benefici. Una dieta sana diminuisce il [chances] di avere anche un ictus o una malattia cerebrovascolare”, ha aggiunto il dottor Segil.

Ha inoltre sottolineato che, con l’attuale tendenza di farmaci iniettabili utilizzati su base diffusa per la perdita di peso, un gran numero di persone saranno effettivamente sottoposte a restrizioni dietetiche.

“Questa coorte potrebbe essere un gruppo eccellente da utilizzare come dati nella ricerca futura per determinare cosa può fare la restrizione dietetica per aiutare a evitare malattie neurodegenerative come l’Alzheimer o il morbo di Parkinson”, ha aggiunto.

“Vorrei una panchina [of] Gli scienziati hanno potuto prendere i risultati di questo studio e usarli in organismi più complicati dei moscerini della frutta e dei lieviti. Mi piacerebbe vedere questo gruppo di scienziati collaborare con un altro gruppo di scienziati che potrebbe utilizzare pazienti umani che usano farmaci iniettabili per la perdita di peso – Agenti GLP-1 – per progettare uno studio con dati clinici umani”, ha affermato il dott. Segil.