Recensione del libro – The Unofficial Guide to Washington, D.C.

0
61


Sono stato a Washington D.C. molte volte dalla mia prima visita nel 1977. Di recente sono stato lì solo quest'estate. Abbiamo fatto episodi a Washington D.C. su Amateur Traveller e mi sento come se fosse una città che conosco. Quindi ammetterò di essere rimasto un po 'sorpreso di quanto ho imparato sulla città prima ancora di ottenere due pagine 15 di The Unofficial Guide to Washington, D.C.

Potresti aver notato che la maggior parte delle recensioni di libri che facciamo sul sito dei viaggiatori amatoriali sono scritte da altre persone. Di solito mi occupo delle recensioni dei libri perché ho poco tempo. Ma questo era un libro che volevo rivedere personalmente perché ho sempre amato la serie di guide non ufficiali. Sono stato presentato per la prima volta alla serie con la guida non ufficiale a Disneyland che, come ho già detto in precedenza, ho scoperto di essere una meravigliosa guida strategica per esplorare il parco.

Ero curioso di sapere come la serie di guide avrebbe avuto a che fare con una destinazione popolare come Washington D.C. ora che hanno ampliato la serie per occuparsi di destinazioni non Disney.

L'autore, Eve Zibart, ha attirato la mia attenzione dalla prima pagina della prefazione:

Non è mai stato dato molto rispetto, o almeno non fino a poco tempo fa. Charles Dickens la definì "la Città delle Intenzioni Magnifiche", piena di "ampi viali che non iniziano nel nulla e non conducono da nessuna parte". Pierre L’Infant, che progettò la città, morì senza un soldo e senza cuore; la sua visione era considerata troppo grandiosa e fu più volte modificata. Nel 1809, il ministro britannico Francis Jackson lo definì "scarsamente e scarsamente coltivato". Washington Irving lo definì una "città deserta del deserto". Anche John F. Kennedy la descrisse notoriamente come una "città dal fascino settentrionale e dall'efficienza meridionale", sebbene il i massicci programmi di abbellimento lanciati da Lady Bird Johnson a metà degli anni '60 e proseguiti dal – National Park Service hanno fatto molto per cambiarlo.

La mia esposizione originale a Washington D.C. non era migliore di quelle citate da Zibart. Ho visto la città per la prima volta il 7 ° giorno di un allarme di ristagno aereo in una giornata estiva molto afosa. Ma, come l'autore, il mio apprezzamento per la città è cresciuto nel tempo. A pagina 14 ero pronto a scrivere al mio membro del Congresso per ottenere alcuni dei biglietti per gli addetti ai lavori disponibili attraverso tutti i membri del congresso e a pagina 15 mi rendevo conto di quanti quartieri del D.C. non avevo ancora visto. Puoi interrogarmi sugli Smithsonian, sugli Archivi Nazionali e su alcuni edifici governativi come gli edifici della Capitale o della Corte Suprema, ma non ho mai camminato per le strade di Georgetown e nemmeno di Foggy Bottom.

Ho apprezzato il suggerimento di ottenere una camera d'albergo vicino a una stazione della metropolitana, ma ammetterò che la sezione sulle camere d'albergo probabilmente non è qualcosa che userò. Tendo a utilizzare le risorse online per questo, mentre mia moglie ha sempre apprezzato quella sezione di una guida. Allo stesso modo, tendo a cercare le risorse online per le recensioni dei ristoranti ma trovo sezioni come "Entrare e muoversi" e "Happy Hours (The Sightseeing Kind)" per essere alcune delle parti più utili del libro. Sapere che dovresti colpire presto il trafficato Museo dell'Aria e dello Spazio, ma che il Museo Internazionale delle Spie rimane aperto fino a tardi è il tipo di informazioni pratiche interne che cerco nelle Guide non ufficiali.

Mi ritrovo a prendere appunti per il mio prossimo viaggio. Non sapevo:

  • Il National Park Service offre tour di chiatte di un'ora attraverso il vicino canale C&O
  • Il Rock Creek Park è più del doppio delle dimensioni del Central Park di New York
  • Il narratore e storico Anthony Channel di History Channel offre tour a piedi della città
  • La National Security Agency gestisce un museo su codici, cifre e spie

Se sei una persona molto visiva, potresti voler integrare la Guida non ufficiale di Washington D.C. con una delle guide più piene di immagini perché questo libro parla di prosa. Ha mappe utili e alcuni grafici ma l'unica immagine è sulla copertina. Ma se vuoi una guida interna al Distretto di Columbia, dai un'occhiata a The Unofficial Guide to Washington, D.C.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here