spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoRamaphosa del Sudafrica nomina il nuovo governo dopo la rottura della situazione...

    Ramaphosa del Sudafrica nomina il nuovo governo dopo la rottura della situazione di stallo

    -

    Dopo settimane di stallo, si forma un governo di unità nazionale.

    Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ascolta il giuramento dei membri del Parlamento prima del voto previsto dai legislatori per decidere se verrà rieletto leader del Paese a Città del Capo, Sudafrica, venerdì 14 giugno 2024. (AP Photo/Jerome Delay)
    Il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa ascolta il giuramento dei membri del parlamento, 14 giugno [Jerome Delay/AP]

    Il presidente del Sudafrica ha annunciato la formazione di un nuovo governo a più di un mese dalle elezioni che hanno privato il suo partito African National Congress (ANC) della maggioranza.

    Il presidente Cyril Ramaphosa ha nominato domenica sera 32 posizioni ministeriali del governo di unità nazionale, dopo settimane di stallo che hanno ritardato la formazione di una storica coalizione di governo.

    L’annuncio prevede che 20 dei 32 posti vadano all’ANC. Altri sei saranno occupati dal partito Democratic Alliance (DA), mentre i restanti saranno divisi tra una folla di partiti di coalizione più piccoli.

    Ramasopha è stato costretto ad accettare questo accordo di condivisione del potere senza precedenti con DA e altri dopo che il suo partito, una forza dominante nella politica sudafricana dalla fine dell’apartheid, ha perso la maggioranza parlamentare per la prima volta dal 1994 alle elezioni del 29 maggio.

    Abituato a comode vittorie di oltre il 60 percento, l’ANC ha ottenuto solo il 40 percento dei voti alle elezioni del 29 maggio, mentre i sudafricani si sono allontanati dal partito a causa della frustrazione per la povertà, i servizi scadenti e alcuni dei più alti tassi di disuguaglianza e disoccupazione al mondo. Il rivale DA ha ottenuto la seconda quota più grande con il 21 percento.

    Ramaphosa ha affermato domenica che tali questioni saranno prioritarie per il nuovo governo.

    “Abbiamo dimostrato che non esistono problemi troppo difficili o troppo intrattabili che non possano essere risolti attraverso il dialogo”, ha affermato Ramaphosa.

    “Grande scossone”

    Ci sono voluti più di un mese di complesse manovre politiche e di concessioni da parte dell’ANC per rimettere insieme il governo.

    In segno di riconoscenza alla DA, il suo leader John Steenhuisen è stato nominato ministro dell’agricoltura.

    Allo stesso tempo, Ramaphosa ha mantenuto la presa dell’ANC sul ministero del commercio e dell’industria, un portafoglio chiave che anche la DA stava cercando. Paul Mashatile dell’ANC continuerà anche come vicepresidente.

    Steenhuisen, in una dichiarazione successiva all’annuncio, ha affermato: “Non vediamo l’ora di far parte di una nuova era nel percorso democratico del Sudafrica e di apportare un cambiamento reale e tangibile ai milioni di cittadini che hanno votato a favore”.

    Il leader dell'Alleanza Democratica (DA), principale partito di opposizione sudafricano, John Steenhuisen (al centro) reagisce prima di esprimere il suo voto al seggio elettorale della Northwood School a Durban North, Durban, il 29 maggio 2024, durante le elezioni generali in Sudafrica. - I sudafricani voteranno il 29 maggio 2024 in quella che potrebbe essere l'elezione più importante degli ultimi decenni, poiché l'insoddisfazione nei confronti dell'ANC al potere minaccia di porre fine al suo predominio politico durato 30 anni. (Foto di GIANLUIGI GUERCIA / AFP)
    Il leader del principale partito di opposizione del Sudafrica, Alleanza Democratica (DA), John Steenhuisen (al centro) reagisce prima di esprimere il suo voto, a Durban North, Durban, il 29 maggio. [Gianluigi Guercia/AFP]

    Melanie Verwoerd, analista politica ed ex diplomatica sudafricana, ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters che la riforma contribuirà ad aprire la scena politica a nuovi leader e a incoraggiare il compromesso.

    “È un grande sconvolgimento, con pochissimi dei vecchi volti ancora lì, il che è una buona cosa”, ha detto Verwoerd. “Penso che in generale sia un passo molto positivo e naturalmente molto positivo che siano riusciti a farlo davvero”.

    Qual è il prossimo?

    Se l’attuale coalizione di ex nemici riuscirà a migliorare il rendimento dell’ANC potrebbe dipendere dalla misura in cui riusciranno a mettere da parte le loro differenze ideologiche.

    La DA vuole eliminare alcuni dei programmi di emancipazione dei neri dell’ANC, sostenendo che hanno in gran parte reso incredibilmente ricca un’élite imprenditoriale politicamente coinvolta, e vuole eliminare il salario minimo.

    Si oppone inoltre al desiderio dell’ANC di espropriare terre (la maggior parte delle quali si trovano in mani bianche, eredità della conquista da parte dei coloni e del successivo dominio radicato della minoranza bianca) senza indennizzo e di darle ai contadini neri.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts