Home Notizia Mondo Proteine ​​vegetali legate a un invecchiamento sano nelle donne, secondo uno studio

Proteine ​​vegetali legate a un invecchiamento sano nelle donne, secondo uno studio

0
32

Tofu e verdure cotti in padella
Un nuovo studio mostra che le donne che mangiano più proteine ​​vegetali hanno maggiori probabilità di invecchiare in modo sano e di ridurre il rischio di malattie croniche. Lumina/Stocksy
  • Un nuovo studio ha scoperto che le donne che includono abbastanza proteine, in particolare proteine ​​vegetali, nella loro dieta hanno maggiori probabilità di rimanere in salute anche quando invecchiano.
  • Invecchiare in modo sano non significa solo aggiungere anni alla durata della vita, ma vivere in modo sano senza patologie croniche.
  • Una dieta ricca di cibi integrali minimamente trasformati è raccomandata per mantenere la salute fisica e mentale durante l’età avanzata.

Si stima che circa il 15% della popolazione negli Stati Uniti abbia attualmente più di 65 anni, ma si prevede che tale percentuale aumenterà fino a quasi il 25% entro il 2060.

Nel 2018, circa 27% delle persone di età superiore ai 65 anni presentava molteplici patologie croniche e, entro il 2050, la ricerca suggerisce la maggior parte delle persone di età pari o superiore a 50 anni avrà una o più condizioni di salute croniche.

Il rischio di patologie croniche, come l’ipertensione, diabete mellitocancro, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)e la malattia coronarica, possono essere mitigati dieta e stile di vita i cambiamenti.

Un nuovo studio della Tufts University di Boston ha suggerito che includere più proteine, in particolare proteine ​​vegetali, in un modello alimentare durante la mezza età è collegato a un invecchiamento più sano nelle donne.

Lo studio, condotto da ricercatori del Jean Mayer USDA Human Nutrition Research Center on Aging (HNRCA), è stato pubblicato il 17 gennaio Il giornale americano di nutrizione clinica.

Kelsey Costa, nutrizionista dietista e consulente nutrizionale per la National Coalition on Healthcare, non coinvolta nello studio, ha commentato i risultati a Notizie mediche oggi:

“Esiste una forte connessione tra il consumo di proteine ​​durante la mezza età e la probabilità di invecchiare in modo sano. La ricerca indica che le proteine ​​vegetali sono le più efficaci nel promuovere un invecchiamento sano e nel mantenere uno stato di salute positivo”.

Valutare la dieta e il rischio di patologie croniche

I ricercatori hanno analizzato i dati auto-riferiti del Nurses’ Health Study con sede ad Harvard, che ha seguito 48.000 professioniste sanitarie dal 1984 al 2016.

Per valutare l’assunzione alimentare, hanno esaminato migliaia di sondaggi che i partecipanti hanno completato ogni 4 anni tra il 1984 e il 2016. I partecipanti dovevano registrare la frequenza con cui mangiavano determinati alimenti, da cui i ricercatori hanno calcolato l’assunzione di proteine ​​moltiplicando la frequenza con cui ciascun alimento veniva consumato per il suo contenuto proteico.

Hanno quindi utilizzato il database della composizione alimentare dell’Università di Harvard per calcolare le proteine ​​totali consumate.

I partecipanti hanno compilato un questionario sulla salute nel 2014 e alla fine dello studio nel 2016. Nel 2016 hanno anche compilato un questionario sulla loro salute mentale. Nel 2016 hanno anche compilato questionari sulla loro salute mentale e sul livello di funzionalità fisica.

  • cancro (ad eccezione del cancro della pelle non melanoma)
  • diabete di tipo 2
  • infarto miocardico
  • intervento chirurgico di bypass aortocoronarico o angioplastica coronarica transluminale percutanea
  • insufficienza cardiaca congestizia
  • colpo
  • insufficienza renale
  • broncopneumopatia cronica ostruttiva
  • morbo di Parkinson
  • sclerosi multipla
  • sclerosi laterale amiotrofica

Hanno confrontato la dieta di coloro che non presentavano alcuna malattia cronica con la dieta di coloro che presentavano almeno una delle malattie elencate.

Proteine ​​vegetali legate ad un invecchiamento più sano

Anche se il consumo di proteine ​​in qualsiasi forma nella mezza età era associato a un invecchiamento più sano, le proteine ​​vegetali sembravano avere un effetto benefico maggiore, come ha spiegato Andres Ardisson Korat, scienziato dell’HNRCA e autore principale dello studio. MNT.

“Coloro che consumavano maggiori quantità di proteine ​​animali tendevano ad avere malattie più croniche e non riuscivano a ottenere il miglioramento della funzione fisica che normalmente associamo al consumo di proteine”, ha detto Korat.

Nel 1984, le proteine ​​di origine vegetale furono definite come proteine ​​provenienti da:

  • pane
  • verdure
  • frutta
  • Pizza
  • cereale
  • prodotti da forno
  • purè di patate
  • noccioline
  • fagioli
  • burro di arachidi
  • pasta

I ricercatori hanno scoperto che le donne che assumevano più proteine ​​da questi alimenti avevano il 46% di probabilità in più di rimanere in buona salute anche in età avanzata.

Al contrario, coloro che ottenevano la maggior parte delle loro proteine ​​da fonti animali – carne, latte, pesce e altri frutti di mare e formaggio – avevano il 6% in meno di probabilità di rimanere in salute una volta invecchiati.

Costa ha suggerito come le proteine ​​potrebbero influenzare la salute con l’avanzare dell’età.

“L’impatto dell’assunzione di proteine ​​sull’invecchiamento sano è influenzato da vari fattori complessi e interconnessi che dobbiamo ancora comprendere appieno”, ha affermato.

“Come suggerito dagli autori dello studio, le prove preliminari indicano che le proteine ​​alimentari e l’attività fisica stimolano l’attivazione del bersaglio dei mammiferi complesso della rapamicina 1 (mTORC1) percorso di segnalazione, che sembra diminuire con l’età, aumentando la sintesi proteica muscolare e migliorando la funzione fisica negli anziani”, ha osservato Costa.

Gli alimenti vegetali forniscono proteine ​​e altri nutrienti

Gli autori suggeriscono che i benefici osservati in coloro che assumevano più proteine ​​vegetali nella loro dieta potrebbero essere, in parte, dovuti ad altri componenti alimentari delle piante, come le fibre alimentari, micronutrienti (vitamine e minerali) e polifenoli — antiossidanti ampiamente ritenuti benefici per la salute umana.

“Questo [healthy aging effect] non sorprende poiché questi componenti sono stati collegati a una serie di benefici per la salute, tra cui la riduzione dell’infiammazione e dello stress ossidativo, il miglioramento della salute cardiovascolare e della sensibilità all’insulina e la promozione della diversità del microbioma intestinale, tutti fattori che contribuiscono a un invecchiamento sano”, ha affermato Costa.

Una dieta ricca di alimenti di origine vegetale è stata associata a tassi più bassi di malattie croniche, come il diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e alcuni tumori. Sebbene le proteine ​​siano un nutriente essenziale per il mantenimento della salute e la prevenzione del declino legato all’età, le prove suggeriscono che una dieta variata, ricca di fonti proteiche di origine vegetale, in particolare, è la più vantaggiosa per promuovere un invecchiamento sano”.

— Kelsey Costa, nutrizionista dietista registrato

Quali alimenti di origine vegetale sono migliori per la salute?

Gli autori sottolineano che lo studio presentava dei limiti: la coorte era prevalentemente bianca e femminile, quindi i risultati potrebbero non essere applicabili ad altre popolazioni. Inoltre, tutti i dati sono stati presi da questionari auto-somministrati, con un certo ritardo, quindi potrebbero esserci delle distorsioni nei dati.

Riconoscono inoltre che “non si possono sottovalutare i contributi di altri componenti di quegli alimenti che hanno contribuito all’assunzione di proteine ​​vegetali”.

Tuttavia, si trattava di un gruppo numeroso e i partecipanti sono stati osservati per un lungo periodo di tempo.

Costa ha avvertito che tutti possono trarre beneficio dall’aumento del consumo di alimenti vegetali.

“Per un invecchiamento sano, prendi in considerazione l’adozione di un regime alimentare prevalentemente a base vegetale, come il Dieta mediterranea verde o qualsiasi altra dieta equilibrata e incentrata sui vegetali. Ridurre al minimo l’assunzione di alimenti di origine animale, enfatizzando al contempo il consumo di alimenti sani e di origine vegetale”.

Tuttavia”, ha avvertito, “non fare affidamento su prodotti alimentari ultra-processati a base vegetale che contengono una minima quantità di alimenti integrali e sono ricchi di sodio, oli raffinati e zuccheri aggiunti”.

“Opta invece per versioni prevalentemente a bassa lavorazione di cereali integrali, legumi, frutta, verdura, noci e semi e includi alcuni alimenti salutari trasformati come il tofu, le lenticchie precotte o la pasta di ceci”, ha consigliato.

“Includi bacche ricche di sostanze nutritive e verdure a foglia scura nei tuoi pasti quotidiani, insieme a cibi ricchi di omega-3 come semi di lino e noci. Questi alimenti sono associati a una riduzione dell’infiammazione e a un miglioramento della funzione cognitiva, aspetti importanti di un invecchiamento sano”.