Più libertà, ma risultati prevedibili: l'Uzbekistan vota per il nuovo parlamento

0
78

ALMATY – Tutti e cinque i partiti che corrono alle elezioni parlamentari in Uzbekistan domenica hanno appoggiato il presidente riformista Shavkat Mirziyoyev, il che significa che sebbene il voto sarà il più libero degli ultimi decenni, è probabile che produca un legislatore fedele a lui.

Un uomo lancia la sua scheda elettorale durante le elezioni parlamentari a Tashkent, in Uzbekistan, il 22 dicembre 2019. REUTERS / Mukhammadsharif Mamatkulov

Le elezioni sono le prime nella nazione di 33 milioni da quando Mirziyoyev ha preso il potere alla fine del 2016 in seguito alla morte del forte Islam Islam Karimov, che aveva gestito l'ex repubblica sovietica come stato di polizia per 27 anni.

I sondaggi si sono aperti domenica scorsa e la votazione si chiuderà alle 1500 GMT con risultati preliminari attesi nel corso della giornata.

Mirziyoyev, ex primo ministro, si è impegnato ad aprire la nazione ricca di risorse dopo decenni di quasi isolamento, liberalizzando sia il sistema economico che politico.

Il voto si svolge in un quadro giuridico modernizzato e segue una campagna che per la prima volta nella storia dell'Uzbekistan includeva dibattiti televisivi tra le parti in competizione.

Tuttavia, una missione di monitoraggio dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa ha dichiarato in un rapporto di questo mese che c'era ancora del lavoro da fare. Gli emendamenti giuridici riguardanti le raccomandazioni di lunga data dell'OSCE in merito alle libertà fondamentali di riunione, associazione ed espressione "sono stati pochi", ha affermato.

I cinque partiti in competizione sono i liberaldemocratici che hanno nominato Mirziyoyev alla presidenza nel 2016, il partito Milliy Tiklanish (National Revival), il Partito democratico popolare, il Partito socialdemocratico di Adolat (giustizia) e il Partito ecologico verde.

Tutti e cinque hanno espresso lo stesso sostegno enfatico per le riforme di Mirziyoyev come hanno fatto per l'approccio conservativo di Karimov, e nessuno è stato in disaccordo con le politiche del presidente durante i dibattiti. Anche il Partito ecologico, ad esempio, sostiene i piani per la costruzione di una centrale nucleare.

Nonostante la relativa mancanza di politiche coraggiose, si prevede che un aumento delle opzioni democratiche per gli elettori aiuterà i nuovi entranti come il Partito ecologico, che non aveva preso parte alle precedenti elezioni, ma che ha tenuto alcuni seggi non eletti in parlamento.

"Il Partito Ecologico è nuovo e ha determinati obiettivi chiari, mentre altre parti sono troppo" Evviva! "Con concetti vaghi, come ai vecchi tempi", ha detto Akrom Mirkhalikov, un ingegnere, in un seggio elettorale nella capitale, Tashkent.

Le apparizioni in diretta televisiva hanno esposto i leader del partito alle critiche pubbliche. Uno di loro è stato disprezzato dopo aver detto durante una discussione sui salari minimi che 2,5 milioni di somme ($ 263) al mese erano sufficienti per far vivere una famiglia di cinque persone, che gli spettatori consideravano un segno di non essere in contatto con la realtà.

Un altro leader del partito ha detto che le persone che cercano di ridurre i costi quando viaggiano per lavoro all'estero – cosa che milioni di uzbeki fanno – non hanno rispetto di sé. Quella frase è stata vista da molti come un riferimento insensibile a un incidente in cui sono morti 52 uzbeki quando il loro autobus ha preso fuoco in Kazakistan l'anno scorso.

Lola Abdurahmonova, un'insegnante in pensione di 65 anni, ha affermato che la scelta tra le parti è difficile, ma decide di votare per Adolat sulla base dei dibattiti.

"Mi sono piaciuti i problemi che hanno sollevato e quello che vogliono fare", ha detto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here