‘Più forti insieme’: rapporto militare in parata tra Myanmar e Russia

0
41

Sempre più isolati sulla scena mondiale, i legami sempre più stretti del Myanmar con la Russia saranno in mostra all’evento annuale della Giornata delle forze armate.

L’esercito del Myanmar continua a ricevere sostegno dai fornitori di armi in Russia mentre affronta l’isolamento internazionale a causa della sua sanguinosa repressione della popolazione civile e di coloro che si oppongono al suo governo [File: AP Photo]

L’esercito del Myanmar di solito celebra la Giornata delle forze armate con una grande parata nella capitale del paese mentre il comandante in capo, il generale senior Min Aung Hlaing, in piena regola, ispeziona le sue truppe da una quattro ruote motrici con tetto scoperto.

L’anno scorso, mentre i generali celebravano l’occasione con il solito sfarzo, le forze di sicurezza in tutto il paese hanno lanciato attacchi letali contro i manifestanti contrari al colpo di stato di febbraio, uccidendo circa 160 civili in un solo giorno.

Quest’anno, stanno affrontando le accuse delle Nazioni Unite e di altri di aver commesso atrocità che equivalgono a crimini contro l’umanità. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e il Canada hanno tutti annunciato nuove sanzioni sabato, contro i trafficanti di armi e l’aviazione.

Ma l’esercito non ha lasciato che il suo isolamento internazionale smorzasse l’umore.

Si sta preparando per la parata di domenica da diverse settimane e sembra che la Russia – un compagno emarginato dopo l’invasione dell’Ucraina di febbraio – sarà ancora una volta un ospite d’onore.

“[Russia and Myanmar] avere una relazione intima e molto importante. La Russia è stata un fornitore costante di armi e la giunta si è recata a Mosca per vedere le armi in prima persona e incontrare funzionari militari russi e trafficanti di armi”, ha affermato Tom Andrews, relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Myanmar.

Insieme al viceministro della Difesa russo Alexander Fomin, che ha partecipato alla parata nel 2021, diversi piloti russi sono pronti a fornire una dimostrazione dei nuovi jet da combattimento che i militari hanno recentemente acquistato, sottolineando il rapporto sempre più stretto del regime con Mosca, la sua principale fonte di armi .

In effetti, l’esercito del Myanmar è stato uno dei pochi che è venuto in difesa del Cremlino dopo l’invasione dell’Ucraina, descrivendo l’attacco come un'”azione appropriata” alla rete di notizie VOA Burmese.

In un rapporto al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a fine febbraio, Andrews ha identificato la Russia come uno dei tre stati – gli altri sono Cina e Serbia – ad aver fornito armi al Myanmar dopo il colpo di stato nonostante il loro uso contro i civili.

Un uomo è salito a capofitto su un'ambulanza a Yangon in seguito alla brutale repressione dei manifestanti da parte dei militari durante la Giornata delle forze armate nel 2021
Nella giornata delle forze armate del 2021, i militari hanno sparato ai manifestanti, uccidendo circa 160 persone [File: AP Photo]

Mentre le esportazioni di armi russe e cinesi non hanno mostrato segni di rallentamento, la Serbia, che ha consegnato razzi e munizioni poco dopo che i militari hanno preso il potere, da allora ha affermato che interromperà tutte le vendite future.

Anche Bielorussia, India, Pakistan, Ucraina, Corea del Sud e Israele sono state segnalate nel rapporto, avendo venduto attrezzature militari al Myanmar prima del colpo di stato.

Lo Stockholm International Peace Research Institute, che fornisce dati sul commercio internazionale di armi, mostra che le vendite di armi tra il Myanmar e questi paesi hanno raggiunto il picco intorno al 2018-2019, ma si sono ridotte poco prima che i generali prendessero il potere.

Anche altri paesi non hanno interrotto i legami, con il Giappone che continua a fornire formazione a ufficiali e cadetti, secondo Human Rights Watch.

‘Stretta collaborazione’

Tuttavia, mentre l’arsenale militare del Myanmar include armi ed equipaggiamenti di numerosi paesi, la Russia rimane il suo principale partner di difesa internazionale.

Justice for Myanmar (JFM), un gruppo di difesa dei diritti che indaga sugli investimenti militari nel Paese, domenica ha rivelato un elenco di 19 fornitori di armi russi che hanno fornito equipaggiamento ai militari, chiedendo che venissero sanzionati.

Sebbene le relazioni siano di lunga data, sono diventate particolarmente importanti per il regime dal colpo di stato quando i militari hanno rovesciato il governo eletto del Myanmar e hanno arrestato la leader civile Aung San Suu Kyi.

Da allora, i militari hanno represso il popolo del Myanmar in una serie di attacchi violenti, uccidendo almeno 1.707 persone al 25 marzo, secondo l’Associazione di assistenza ai prigionieri politici. Affronta anche gruppi di ribelli civili e una crescente resistenza nelle aree di confine dove combatte da decenni gruppi armati etnici.

In cima alla lista dei conglomerati statali della difesa della Russia c’è Rostec, una complessa rete di 15 holding e 70 entità, molte delle quali hanno fornito all’esercito del Myanmar attrezzature come parti per jet da combattimento, elicotteri da combattimento e terra-terra. missili aerei.

Una delle più grandi filiali di Rostec, Rosoboronexport, ha inviato numerose spedizioni di armi e attrezzature, inclusa l’artiglieria, ai militari sin dal colpo di stato e in precedenza ha propagandato l’importanza delle sue relazioni con il Myanmar.

Il capo di Rosoboronexport ha dichiarato nel luglio 2021 di godere di una “stretta cooperazione” con le forze armate del Myanmar e all’inizio di questo mese una delegazione militare si è recata in Russia per partecipare a una mostra di armi dove ha incontrato un alto dirigente di Rosoboronexport per discutere di “rafforzare la cooperazione”, secondo i media statali del Myanmar.

Il CEO di Rostec Sergei Chemezov con gli occhiali a specchio in piedi di fronte a due soldati in uniforme militare
Rostec, sotto il CEO Sergei Chemezov, è un regolare fornitore di armi in Myanmar. Almeno tre funzionari sono attualmente nel paese, ha appreso Al Jazeera [File: Maxim Shemetov/Reuters]

Secondo quanto riferito, funzionari militari hanno anche incontrato rappresentanti russi all’interno del Myanmar.

Membri dell’Unione economica eurasiatica, che ha cinque stati membri tra cui Russia e Bielorussia, si sono incontrati con i militari nella capitale Naypyidaw la scorsa settimana per discutere di “promozione commerciale bilaterale e servizi di difesa”, secondo i media statali del Myanmar.

Almeno tre funzionari di Rostec, incluso un esperto capo di Rosoboronexport, si trovano attualmente in Myanmar, ha detto ad Al Jazeera una fonte a conoscenza della situazione che ha rifiutato di essere nominata. Rosoboronexport gestisce un ufficio in Myanmar.

“Rostec è la più importante compagnia russa per l’esercito birmano, fornendo una vasta gamma di armi e attrezzature, inclusi i caccia e gli elicotteri da combattimento su cui l’esercito birmano fa affidamento negli attacchi aerei indiscriminati in tutto il paese”, ha detto il portavoce del JFM Yadanar Maung Al Jazeera.

Insieme a Rosoboronexport, JSC Tactiles Missiles Corporation è anche uno dei principali fornitori di tecnologia dell’aviazione per l’esercito del Myanmar, spedisce sistemi di preparazione delle armi guidati da aerei direttamente all’ufficio del capo dell’aeronautica nel 2019. Un’altra società, JSC Concern VKO, nota anche come Almaz-Antey, ha anche fornito all’esercito del Myanmar parti per la manutenzione e la riparazione dei missili terra-aria.

L’ultima spedizione è stata ricevuta quasi tre settimane dopo il colpo di stato del 2021, secondo il rapporto del JFM.

Sospetto della Cina

Secondo David Mathieson, uno dei principali analisti indipendenti del Myanmar, l’interesse dell’esercito a rafforzare le sue relazioni con Mosca fa parte di uno sforzo per diversificare il suo elenco di partner della difesa e per prendere le distanze dalla Cina.

“[The military] riconosce di aver bisogno di un alleato che non sia la Cina. Fa parte di una visione di lunga data delle relazioni internazionali che i militari hanno, in cui non gli piace fare affidamento su un solo attore importante”, ha detto Mathieson ad Al Jazeera.

Mathieson osserva inoltre che il graduale allontanamento da Pechino potrebbe essere dovuto alla vendita di attrezzature cinesi “di qualità scadente” che, sebbene spesso più economiche delle armi russe, sono di qualità inferiore e hanno maggiori probabilità di richiedere riparazioni regolari.

Anche le relazioni di difesa con la Russia sono meno complesse che con la Cina.

il fumo si alza dagli edifici in fiamme nel villaggio di Waraisuplia nello stato di Kayah a seguito di un attacco militare a febbraio
L’esercito del Myanmar ha usato sempre più attacchi aerei contro i suoi oppositori nelle popolazioni civili con l’ONU che afferma che le sue azioni potrebbero equivalere a crimini contro l’umanità [Free Burma Rangers via AP Photo]

I due paesi non hanno un confine terrestre comune e i traffici di armi di Mosca sono quasi esclusivamente con i militari, a differenza della Cina che ha venduto armi anche ad altri gruppi all’interno del Myanmar, compresi quelli che attualmente stanno combattendo contro i militari.

La Russia offre anche alle forze armate del Myanmar sistemi di combattimento aereo più efficaci – con gli attacchi aerei una parte fondamentale della strategia dei generali contro i loro avversari – mentre le capacità della Cina sono più concentrate sulla terra e sul mare.

“La Russia è probabilmente il loro fornitore più vicino per il tipo di cose di cui hanno bisogno, che sono elicotteri da combattimento e piccoli aerei d’attacco”, ha affermato Mathieson.

Gli attacchi dei militari, in particolare gli attacchi aerei e l’uso di elicotteri da combattimento, hanno causato lo sfollamento di oltre 440.000 persone, ha affermato l’ONU a marzo.

‘Hanno bisogno l’uno dell’altro’

Gli analisti affermano che la forza e l’importanza delle relazioni della Russia con l’esercito del Myanmar significano che, anche se l’attenzione e le risorse di Mosca sono dirottate sui propri sforzi bellici in Ucraina, è probabile che il flusso di armi tra i due paesi rimanga forte.

“Se non altro, poiché la Russia continua a diventare più isolata, le sue relazioni con il Myanmar potrebbero diventare molto più solide man mano che altri partner si allontanano”, ha affermato Jon Grevatt, capo delle notizie Asia-Pacifico presso Janes, un’organizzazione di intelligence della difesa.

“Inoltre, a causa del COVID-19, ai paesi piace [Myanmar] sono in una posizione migliore per affrontare una restrizione o disturbi nella catena di approvvigionamento dalla Russia perché c’è un’enfasi sullo sviluppo della capacità locale di produrre pezzi di ricambio a livello locale e persino fornire manutenzione anche a livello locale”.

Il budget per la difesa del Myanmar è di circa 2,5 miliardi di dollari all’anno, di cui solo circa 500 milioni sono stanziati per gli appalti della difesa, una frazione del costo effettivo delle armi russe. Ad esempio, i caccia Sukhoi Su-30 utilizzati negli attacchi nel nord del Myanmar hanno un prezzo di listino stimato di 47 milioni di dollari ciascuno, quasi un decimo dell’intero budget, sebbene il prezzo effettivo vari in base all’anno e al modello.

youtube https://www.youtube.com/watch?v=IVrhmN2q7cs

Dato che i militari non possono permettersi di acquistare tutto il loro equipaggiamento militare dalla Russia in dollari, c’è un’alta probabilità che i suoi acquisti siano supportati dal trasferimento di materie prime, comprese pietre preziose e legname, secondo Grevatt. È un approccio che rende anche più facile per entrambe le parti eludere le sanzioni internazionali.

Le misure finora sembrano aver avuto scarsi effetti seri, secondo il rapporto delle Nazioni Unite di febbraio di Andrews, ma ciò non ha fermato le richieste di ulteriori embarghi sulle armi e sanzioni nei confronti di entrambi i paesi.

Tuttavia, secondo gli esperti, sarebbe improbabile che ostacoli il flusso di armi dalla Russia al Myanmar.

“[Russia or Myanmar] non si tirerà fuori. Questo è qualcosa che passerà tra alti e bassi. Hanno bisogno l’uno dell’altro e sanno di essere più forti insieme. Si aiutano a vicenda – [Myanmar] può ottenere attrezzature militari e la Russia può ottenere materie prime”, ha affermato Grevatt.

“Quando i tuoi amici stanno diminuendo lungo la strada, quelli che ti sono rimasti diventano automaticamente più importanti.”