Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Perché trovare un terapista nero ha fatto la differenza

Perché trovare un terapista nero ha fatto la differenza

0
53

Erano passati alcuni anni da quando avevo visto un terapista. E mentre ero seduto nel mio salotto, in procinto di incontrare il mio nuovo terapista (virtuale), sono stato sorpreso di scoprire che ero nervoso.

La paura si placò rapidamente, non appena il suo viso apparve sullo schermo: un viso che sembrava il mio.

Pelle castana, capelli naturali e un sorriso che mi ha rallegrato e rassicurato. Avere un terapista nero era qualcosa su cui avevo insistito questa volta, e dal momento in cui l'ho vista, ho capito che era una decisione di cui non mi sarei pentito.

Non sarebbe potuto venire in un momento migliore. Quando ho iniziato a vederla, ero così depresso e ansioso che raramente lasciavo la casa.

Vedi, di giorno, ero René di Black Girl, Lost Keys, un blog che cerca di educare e motivare le donne di colore con ADHD. Ma a porte chiuse, sono René, la donna che vive con una varietà di problemi di salute mentale – ansia e distimia tra loro – che sicuramente il divorzio, il cambio di carriera e il PTSD appena acquisito non stavano aiutando.

La consapevolezza della salute mentale è tutta la mia vita, professionale e personale. Come mai ero stato in una routine di 3 anni, non avendo visto un terapeuta nonostante fosse un sostenitore così vocale per questo?

All'inizio non avevo una risposta, ma quando ho iniziato a fare progressi incredibili con il mio nuovo terapista, mi è diventato molto più chiaro. Era l'ingrediente mancante, ora presente in questa nuova relazione: competenza culturale.

Allora perché è stato un pezzo così importante per il mio recente successo in terapia? Prima che l'equipaggio di All Therapists Matter venga a cercarmi, voglio condividere con te perché avere un terapista nero ha fatto la differenza.

1. La fiducia che abbiamo è essenziale

Piaccia o no, la comunità medica ha alcuni problemi evidenti con la razza. Molte persone di colore hanno difficoltà a fidarsi del sistema di assistenza per la salute mentale, poiché è stato sistematicamente pregiudicato con armi contro di noi.

I neri, ad esempio, hanno il doppio delle probabilità di essere ricoverati in ospedale per cure rispetto ai bianchi e sono spesso mal diagnosticati, portando a risultati pericolosi per loro e per i loro cari. Come nel caso delle donne di colore che muoiono di parto, molti di questi problemi derivano dal fatto che i clinici non ascoltano le persone di colore.

I loro pregiudizi li portano a trarre conclusioni che possono avere gravi conseguenze sulla nostra salute. Questa sfiducia porta a una popolazione vulnerabile che ha bisogno di questi servizi ma non si fida delle persone che forniscono i servizi.

Avere un fornitore, tuttavia, che comprende profondamente quelle paure ci consente di avere una base di fiducia che fa una differenza significativa.

2. Non mi viene fatto sentire come se stessi combattendo gli stereotipi

Una delle cose che impariamo come persone di colore è che ci sono pregiudizi accumulati contro di noi. Questo può lasciarci nel timore di perpetuare uno stereotipo, portando a giudizi razzisti su noi stessi.

Sono troppo depresso per pulire la mia casa? I miei sintomi mi hanno reso in qualche modo promiscuo? Mi manca una buona gestione finanziaria?

Ci viene insegnato a mostrarci come minoranze modello che non si adattano agli stereotipi "sporchi, pigri, promiscui, poveri" che sono presi di mira dalle minoranze. Ammettere quelle cose a un terapeuta bianco può sembrare come rafforzare i peggiori stereotipi sulla razza.

Eppure spesso, i sintomi della malattia mentale possono indurre le persone a inserirci anche in quelle categorie. È difficile aprirsi a qualcuno quando ritieni che possa giudicare l'intera razza in base a questa esperienza con te.

Ma sapendo che il mio terapeuta deve affrontare gli stessi giudizi, non mi sono lasciato chiedermi come mi imbatterò in sessione.

3. Ciò che è compreso non deve essere spiegato

Essere neri influenza ogni singola esperienza che ho su questa terra e lo farà fino al giorno della mia morte. Per trattarmi efficacemente, devi capire com'è la vita per una donna di colore.

Non ogni aspetto di quell'esperienza può essere articolato. È come provare a tradurre una lingua: alcune cose non possono essere espresse in parole che gli estranei possono capire. Con i precedenti terapisti, mi sono ritrovato spesso a dover essere una guida per il mio terapeuta nel mondo della femminilità nera.

Ad esempio, i legami della famiglia, in particolare i genitori, sono molto stretti nella mia cultura. Questo può diventare problematico quando stai tentando di stabilire dei limiti con i tuoi cari. Un precedente terapista non riusciva a capire perché non riuscivo a delineare i confini che stava suggerendo.

Ho scrupolosamente analizzato i motivi per cui questo era problematico, e ci sono voluti più di 45 minuti per farla capire. Questo richiede tempo prezioso lontano dalla mia sessione e crea una nuova conversazione che potrebbe significare che non torneremo mai più al mio problema.

Con la mia terapista nera, sono stato in grado di dire: "Sai com'è con le mamme nere", e lei ha solo annuito e abbiamo continuato la conversazione. Quando sei in grado di parlare del tuo problema invece di smettere di tradurre la tua cultura, ti consente di arrivare alla radice del problema una volta per tutte.

4. La libertà di essere me stesso

Quando sono nella stanza con il mio terapista, so di poter essere il mio io. Sono nero, sono una donna e ho diverse condizioni di salute mentale che faccio da giocoliere. Con il mio terapista, posso essere tutte queste cose contemporaneamente.

Una volta, durante una sessione, la mia vecchia terapista ha indicato che pensava che alcuni dei miei problemi derivassero dalla crescita in povertà. NON sono cresciuto in povertà. Ma poiché io sono nero, è andata avanti e ha fatto quell'ipotesi. Non mi sono mai più fidato di lei dopo quello.

Con un terapista nero, non devo nascondere o minimizzare alcuna parte della mia identità all'interno di quelle mura. Quando posso essere libero in quel modo, parte della guarigione arriva naturalmente a causa della sensazione di sicurezza nella mia pelle. Alcuni provengono dal non essere alterati per almeno un'ora a settimana.

Ora posso finalmente lasciarmi andare i capelli per quell'ora che trascorriamo insieme e ottenere gli strumenti di cui ho bisogno per attaccare la settimana a venire.

C'erano così tanti segni che mi trovavo nel posto giusto, ma penso che quello che mi è rimasto maggiormente colpito sia stato un giorno, quando ho fatto i complimenti alla mia terapista per la sua fascia. Ha sottolineato che era avvolto perché stava finendo di farsi intrecciare i capelli.

Potrebbe sembrare semplice, ma sembrava di stare con una sorella o un amico fidato. La familiarità era molto diversa da quella che di solito provavo con i terapisti.

Essere in grado di sedermi con una donna di colore ha rivoluzionato la mia salute mentale. Vorrei solo non aver atteso così tanto tempo per trovare un terapista che potesse vedere la vita dalla mia prospettiva.


René Brooks è stata una persona tipica che vive con l'ADHD per tutto il tempo che riesce a ricordare. Perde chiavi, libri, saggi, i suoi compiti e gli occhiali. Ha iniziato il suo blog, Black Girl, Lost Keys, per condividere le sue esperienze come qualcuno che vive con ADHD e depressione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here