spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoPerché due astronauti del Boeing sono bloccati nello spazio?

    Perché due astronauti del Boeing sono bloccati nello spazio?

    -

    Una serie di problemi con la nuova navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner ha ritardato il loro ritorno dalla Stazione Spaziale Internazionale.

    Gli astronauti della NASA Suni Williams e Butch Wilmore, l’equipaggio della navicella spaziale CST-100 Starliner della Boeing, arrivano al Kennedy Space Center prima di un precedente lancio pianificato per la Stazione Spaziale Internazionale, il 25 aprile 2024 a Cape Canaveral, Florida [Paul Hennessy/Anadolu via Getty Images]

    Due astronauti addestrati dalla NASA, impegnati a testare la nuova navicella spaziale CST-100 Starliner della Boeing, sono stati costretti a rimanere a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), in orbita attorno alla Terra a circa 400 km (250 miglia), dopo aver riscontrato difficoltà tecniche con la loro navicella.

    Gli astronauti Suni Williams e Butch Wilmore avrebbero dovuto originariamente tornare sulla Terra il 13 giugno, dopo che la loro capsula Boeing Starliner aveva lanciato il suo primo volo con equipaggio dalla Cape Canaveral Space Force Station in Florida il 5 giugno. Ma la Starliner è stata afflitta da problemi, anche prima del lancio del 5 giugno. Un precedente tentativo di lancio è stato annullato il 1° giugno, pochi istanti prima del lancio, a causa di un problema di prestazioni del computer di controllo a terra.

    Durante il volo di 25 ore verso la Stazione Spaziale Internazionale, la navicella ha subito diverse perdite di elio e un propulsore malfunzionante. Poi, quando la Starliner è arrivata il 6 giugno e ha tentato di attraccare alla ISS, altri quattro dei 28 propulsori hanno avuto un malfunzionamento, causando un ritardo nell’arrivo della nave.

    Secondo un portavoce della Boeing, quattro dei cinque propulsori che in precedenza funzionavano male ora funzionano normalmente. “Ciò significa che solo un propulsore su 27 è attualmente offline. Ciò non rappresenta un problema per la missione di ritorno”, ha aggiunto il portavoce.

    Lancio dello Starliner
    Dopo una serie di ritardi, un razzo Atlas V della United Launch Alliance che trasporta la navicella spaziale CST-100 Starliner della Boeing viene lanciato dalla stazione spaziale di Cape Canaveral il 5 giugno 2024, a Cape Canaveral, in Florida [Paul Hennessy/Anadolu via Getty Images]

    Chi sono i due astronauti bloccati nello spazio?

    Sunita “Suni” Williams è un’astronauta americana e ufficiale della Marina degli Stati Uniti che si è unita alla NASA nel 1998. Williams ha effettuato il suo primo volo spaziale verso la ISS per riparare i pannelli solari che generano elettricità sullo Space Shuttle Discovery (STS-116) nel dicembre 2006, quando era ingegnere di volo. La sua seconda missione nel maggio 2012 come ingegnere di volo è stata sulla Spedizione 32 verso la ISS per testare un nuovo sistema di distribuzione di microsatelliti. Dopo aver completato altre missioni, Williams è stata una delle prime astronaute selezionate per l’addestramento per il Commercial Crew Program della NASA nel 2015.

    Williams ha trascorso un totale di 322 giorni nello spazio finora ed è nota soprattutto per le sue missioni a bordo della ISS, dove ha stabilito il record per il volo spaziale più lungo di una donna (195 giorni) ed è l’ex detentrice del record di sette passeggiate spaziali, quando gli astronauti escono da un veicolo spaziale nello spazio, da parte di un’astronauta donna. Questo record è stato battuto solo da Peggy Whitson nel 2017. Whitson ha ora completato 10 passeggiate spaziali.

    Williams ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui la Legion of Merit, la Navy Commendation Medal, la Navy and Marine Corps Achievement Medal e l’Humanitarian Service Medal.

    Barry “Butch” Wilmore ha volato sullo Space Shuttle Atlantis per consegnare componenti alla ISS nel novembre 2009 e ha ricoperto il ruolo di comandante della ISS da novembre 2014 a marzo 2015.

    Il primo volo spaziale di Wilmore è stato a bordo dello Space Shuttle Atlantis (STS-129) nel novembre 2009 come parte di una missione per consegnare pezzi di ricambio alla ISS. Ha prestato servizio come ingegnere di volo per la Expedition 41 nel maggio 2014 per studiare gli effetti sul corpo e la crescita delle piante in assenza di gravità. È stato anche comandante della Expedition 42 per studiare come lo spazio influisce sulle cellule immunitarie e per osservare l’inquinamento nell’atmosfera terrestre nel 2014.

    Wilmore ha anche ricevuto numerosi premi, tra cui la Medaglia per il Servizio Superiore della Difesa, la Legione al Merito e la Medaglia per il Volo Spaziale della NASA.

    ISS
    Un’immagine satellitare Maxar del 2024 mostra la navicella spaziale Boeing Starliner attraccata alla porta anteriore della Stazione Spaziale Internazionale [Maxar Technologies]

    Cosa sta facendo la Boeing per gli astronauti bloccati?

    La NASA e la Boeing stanno sfruttando il tempo extra trascorso dagli astronauti a bordo della ISS per valutare ulteriormente i problemi ai propulsori che hanno impedito l’attracco iniziale della Starliner alla ISS il 6 giugno.

    Steven Hirshorn, ingegnere aeronautico capo della NASA, è intervenuto sulla sua pagina LinkedIn per chiarire alcuni dei problemi dello Starliner. “I problemi segnalati sullo Starliner, ovvero il propulsore di controllo della reazione e le perdite di elio nel sistema di propulsione, sono tutti localizzati sul modulo di servizio della navicella spaziale”, ha spiegato. “Quando l’equipaggio lascia la ISS e deorbita, il modulo di servizio viene scartato e brucia nell’atmosfera al rientro. Pertanto, i sistemi di elio e i propulsori non torneranno sulla Terra per l’analisi dei guasti. Sono spariti. Pertanto, l’unico modo per avere un’idea di cosa potrebbe succedere lì è nello spazio”.

    Quando torneranno sulla Terra gli astronauti bloccati?

    Secondo la NASA, lo Starliner può rimanere attraccato alla ISS per un massimo di 45 giorni, o un massimo di 72 giorni se si utilizza un sistema di backup.

    La scorsa settimana, la NASA ha dichiarato che punta a un ritorno a inizio luglio. La NASA ha dichiarato che era necessario altro tempo per i team della missione sulla ISS per indagare a fondo sui problemi con il sistema di propulsione.

    “Stiamo prendendo il nostro tempo e seguendo il nostro processo standard di gestione della missione”, ha affermato Steve Stich, responsabile del Commercial Crew Program della NASA, in una dichiarazione all’inizio di questa settimana. “Stiamo lasciando che i dati guidino il nostro processo decisionale in merito alla gestione delle piccole perdite del sistema di elio e delle prestazioni del propulsore che abbiamo osservato durante il rendezvous e l’attracco”.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts