Non è d'ispirazione quando gli utenti su sedia a rotelle si alzano

0
56

Un video di uno sposo di nome Hugo che si alza dalla sedia a rotelle con l'aiuto di suo padre e suo fratello in modo che possa ballare con sua moglie Cynthia al loro matrimonio recentemente è diventato virale.

Questo succede ogni tanto – qualcuno che usa una sedia a rotelle si alza in piedi per un'occasione come una laurea o un discorso, spesso con l'aiuto dei suoi amici e familiari, e la copertura diventerà virale. Didascalie e titoli sostengono che è stimolante e commovente.

Ma questa danza non è stimolante e non è nemmeno la storia completa.

Ciò che la maggior parte delle persone che legge la storia virale non ha visto è che il ballo completo è stato parzialmente coreografato per Hugo per ballare sulla sua sedia a rotelle.

Troppo spesso, la copertura mediatica delle persone disabili ci tratta come ispirazione porno, un termine coniato dall'attivista per la disabilità in ritardo Stella Young nel 2014.

Il porno d'ispirazione è quando le persone con disabilità sono rappresentate come fonte di ispirazione completamente o parzialmente a causa della loro disabilità

Quando i media parlano di video di utenti su sedia a rotelle che si alzano e camminano, spesso fanno affidamento sull'emozione come motivo principale per coprire la storia. Se la persona nel video non fosse una persona su sedia a rotelle, ciò che gli viene mostrato di fare – un primo ballo al matrimonio o l'accettazione di un diploma – non sarebbe degno di nota.

Quando i media e gli utenti dei social media non disabilitati condividono queste storie, stanno perpetuando l'idea che vivere come una persona disabile sia fonte d'ispirazione e che non siamo degni di essere visti come esseri umani complessi al di là delle nostre disabilità.

Il porno d'ispirazione è frustrante perché è riduttivo e non celebra le persone disabili per i nostri successi

Non sono un utente su sedia a rotelle, ma mi è stato detto che sono fonte d'ispirazione per il semplice diploma di scuola superiore o per il lavoro a tempo pieno con disabilità.

Quando i media e gli utenti dei social media condividono l'ispirazione porno, in genere lo fanno anche senza contesto. Molte di queste mancano di una prospettiva in prima persona rispetto alla persona nel video o nella storia.

I disabili sono esclusi dalle nostre stesse narrazioni, anche nelle storie che abbiamo effettivamente vissuto

Gli spettatori non sentono come la persona disabile che è diventata coreografa virale abbia coreografato quella danza o quanto lavoro ci sia voluto per guadagnare la laurea. Vedono le persone disabili solo come oggetti di ispirazione anziché persone a pieno titolo con agenzia e le nostre storie da raccontare.

Questo tipo di copertura diffonde anche miti e disinformazione.

Molti utenti su sedia a rotelle possono camminare e stare in piedi. Descriverlo come un'impresa di ispirazione quando un utente su sedia a rotelle si alza, cammina o balla perpetua la falsa idea che gli utenti su sedia a rotelle non possono affatto muovere le gambe e che è sempre un compito estremamente difficile per un utente su sedia a rotelle uscire dalla propria sedia.

Queste idee sbagliate portano le persone ad accusare gli utenti su sedia a rotelle di falsificare la loro disabilità se allungano le gambe o si appoggiano per ottenere un oggetto su uno scaffale più alto

Ciò è pericoloso per molte persone con disabilità, sia coloro che usano regolarmente gli ausili per la mobilità sia quelli che non lo fanno e le cui disabilità potrebbero essere meno immediatamente visibili.

Le persone con disabilità sono state molestate in pubblico per aver ottenuto la loro sedia a rotelle dal bagagliaio delle loro auto e hanno detto che in realtà non hanno bisogno di parcheggiare in luoghi accessibili.

La prossima volta che vedi una storia o un video in circolazione che celebra una persona disabile o la sua storia come commovente, strappalacrime o di ispirazione, invece di condividerla immediatamente, guardala di nuovo.

Chiedilo a te stesso: Sta raccontando la storia completa di chi è questa persona? La loro voce fa parte del racconto o viene raccontata da una terza parte senza contesto? Vorrei dirmi che sono d'ispirazione solo per fare qualunque cosa stiano facendo qui?

Se la risposta è no, riconsidera e condividi qualcosa di scritto o creato da una persona disabile, e centra invece la sua voce.


Alaina Leary è redattrice, responsabile dei social media e scrittrice di Boston, nel Massachusetts. Attualmente è assistente alla redazione di Equally Wed Magazine e redattore di social media per il non profit We Need Diverse Books.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here