Netanyahu rifiuta l’accordo di Hamas per porre fine alla guerra e liberare i prigionieri

0
19

Il leader israeliano afferma che i soldati saranno “caduti invano” se accetterà le condizioni del gruppo palestinese di porre fine alla guerra.

un uomo in giacca e cravatta parla davanti a una bandiera israeliana
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che Israele non sarebbe al sicuro se accettasse le condizioni di Hamas per porre fine alla guerra [Ronen Zvulun/pool via AFP]

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha respinto la proposta di Hamas di porre fine alla guerra e rilasciare i prigionieri in cambio del ritiro delle forze israeliane, del rilascio dei prigionieri e dell’accettazione del governo di Gaza da parte del gruppo armato.

Netanyahu, che è sotto crescente pressione interna per riportare a casa i prigionieri, ha detto che accettare le condizioni di Hamas significherebbe lasciare il gruppo armato “intatto” e che i soldati israeliani sono “caduti invano”.

“Respingo apertamente i termini di resa dei mostri di Hamas”, ha detto domenica Netanyahu.

“Se accettiamo questo, non saremo in grado di garantire la sicurezza dei nostri cittadini. Non potremo riportare a casa gli sfollati in sicurezza e il prossimo 7 ottobre sarà solo questione di tempo”, ha aggiunto il leader israeliano.

Netanyahu in precedenza ha ribadito la sua opposizione ad uno Stato palestinese indipendente, insistendo che non scenderà a compromessi sul “pieno controllo di sicurezza israeliano sull’intera area nella parte occidentale della Giordania”.

Netanyahu è sotto pressione su più fronti: le famiglie dei prigionieri chiedono un accordo per garantire il ritorno dei loro cari, i membri della sua coalizione di governo di estrema destra spingono per un’escalation della guerra e le crescenti differenze offuscano i rapporti con l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Domenica sera, il Forum sugli ostaggi e le famiglie scomparse ha iniziato una protesta davanti alla casa privata del leader israeliano a Gerusalemme, impegnandosi a non andarsene finché non avrà accettato un accordo sul rilascio dei prigionieri.

“Se il primo ministro decidesse di sacrificare gli ostaggi, dovrebbe mostrare leadership e condividere onestamente la sua posizione con l’opinione pubblica israeliana”, ha affermato il gruppo in una nota.

Hamdah Salhut di Al Jazeera, in un reportage da Gerusalemme Est occupata, ha affermato che i manifestanti sentono di non essere visti o ascoltati dal loro governo.

“Si sentono trascurati e dimenticati”, ha detto Salhut. “Avete dissenso anche all’interno del gabinetto di guerra – con un membro che dice che forse una sconfitta totale di Hamas non è un obiettivo realistico a cui puntare il governo e che dovrebbero essere indette anche elezioni, in modo che il pubblico possa mostrare il proprio valore. fiducia nel governo”.

Hamas ha liberato più di 100 prigionieri in cambio del rilascio di 240 prigionieri palestinesi come parte di una breve tregua mediata a fine novembre da Egitto, Qatar e Stati Uniti.

Secondo funzionari israeliani, Hamas tiene ancora prigioniere 136 persone.

Almeno 25.105 palestinesi sono stati uccisi a Gaza da quando Israele ha dichiarato la sua intenzione di eliminare Hamas in risposta agli attacchi del gruppo del 7 ottobre.

Domenica Hamas ha pubblicato un rapporto che descrive l’attacco al sud di Israele come “un passo necessario e una risposta normale”, pur ammettendo “colpe” nella sua esecuzione.