Nessuno Sri Lanka, ricco o povero, risparmiato dall’aggravarsi della crisi economica

0
18

I risparmi svaniscono, le aziende rischiano la chiusura e i poveri lottano per mangiare mentre il valore della rupia dello Sri Lanka crolla.

Un uomo si riposa mentre aspetta in fila per acquistare diesel vicino a una stazione di servizio a Colombo, nello Sri Lanka [Dinuka Liyanawatte/Reuters]

Colombo, Sri Lanka – Gli srilankesi, ricchi e poveri allo stesso modo, sono stufi.

Colpite da una crisi economica sempre più profonda, le persone negli insediamenti informali della capitale, Colombo, affermano di mangiare la metà di quello a cui erano abituati poiché i prezzi dei generi alimentari sono raddoppiati in meno di un anno. Nei quartieri della classe media, nel frattempo, i proprietari di bar, panetterie e saloni hanno dovuto licenziare il personale e rischiano di chiudere del tutto il negozio, con interruzioni di corrente prolungate e guadagni ridotti che tengono lontani i clienti.

“L’intero paese è distrutto”, ha detto una donna nel distretto di Nugegoda a Colombo. “Anche i cani randagi vivono meglio di noi”.

“Tutto è costoso”, ha detto un altro. “Non possiamo gestire”.

Spinto da una crisi valutaria, lo Sri Lanka, una nazione insulare di 22 milioni di persone, è alle prese con la peggiore recessione economica degli ultimi decenni.

La stretta valutaria ha impedito al governo del presidente Gotabaya Rajapaksa di pagare le importazioni di carburante e altri beni essenziali. Ciò ha comportato carenze di carburante che hanno causato interruzioni dell’elettricità continua fino a 13 ore e interrotto il trasporto via terra in alcune parti del paese.

Le code per diesel, gas da cucina e cherosene sono una vista comune, con le persone che riferiscono di dover aspettare in fila per giorni e giorni per ottenere le loro razioni. La polizia dice che almeno due persone sono morte durante l’attesa nel caldo torrido.

Anche i prezzi dei medicinali sono saliti alle stelle, mentre il valore della rupia dello Sri Lanka è crollato del 30% rispetto al dollaro statunitense quest’anno, rendendola la valuta con le peggiori performance al mondo.

Il governo di Rajapaksa si è rivolto al Fondo monetario internazionale per un salvataggio e sta anche cercando assistenza finanziaria dall’India, che ha fornito una linea di credito di 500 milioni di dollari per le importazioni di carburante a febbraio e ha approvato una seconda linea di credito da 1 miliardo di dollari per aiutare ad alleviare la carenza di beni essenziali a marzo .

I cittadini dello Sri Lanka protestano chiedendo le dimissioni del presidente Gotabaya Rajapaksa, a Colombo, Sri Lanka, martedì 5 aprile 2022.
I cittadini dello Sri Lanka protestano chiedendo le dimissioni del presidente Gotabaya Rajapaksa, a Colombo, Sri Lanka, martedì 5 aprile 2022 [Eranga Jayawardena/ AP]

Ma ciò ha fatto ben poco per porre fine alla crisi e le proteste per le dimissioni del presidente sono scoppiate in tutto il paese dall’inizio di marzo, due anni dopo che la pandemia di COVID-19 ha decimato uno dei settori economici chiave dello Sri Lanka: il turismo. I manifestanti al canto “Vai a casa, Gota”, un riferimento al soprannome del presidente, sono scesi nelle strade di città e paesi in diversi momenti della giornata.

A Colombo, una città che ha subito bombardamenti, rivolte, coprifuoco e razionamenti, soprattutto durante i 26 anni di guerra civile dello Sri Lanka contro i separatisti tamil, terminata nel 2009, molti residenti hanno affermato che questi sono stati i tempi più difficili che potessero ricordare.

A Nugegoda, lungo una fila di case basse arroccate ai bordi di un binario ferroviario, i residenti hanno detto che stavano a malapena sbarcando il lunario. Chandra Madhumage, che ha lottato per trovare lavoro come domestica dall’inizio della pandemia, temeva di poter presto rimanere senza soldi per pagare i farmaci per il diabete e il colesterolo alto.

“Questo è un disastro”, ha detto la madre di tre figli. “Come possiamo sopravvivere?”

Dall’altra parte della strada rispetto alla casa di Madhumage, DW Nimal, che stava ripulendo le erbacce sul ciglio della strada con le mani, ha detto che anche lui aveva difficoltà a gestire i suoi magri guadagni. La maggior parte del suo stipendio mensile di 30.000 rupie dello Sri Lanka ($ 100) è andato al cibo.

“Sono stufo di questa vita”, ha detto.

Lungo la strada, Gayan Kanchana, un autista di tuk-tuk di 42 anni, ha detto: “Questa è la più difficile che sia mai stata”.

Il padre di due figli ha detto che riceveva sempre meno chiamate di assunzione, poiché il costo del passaggio è aumentato a causa del raddoppio del prezzo della benzina. La sua famiglia non può più permettersi carne, pane, latte in polvere o uova.

“Mangiavamo pollo due o tre volte a settimana”, ha detto. “Ora, è solo pesce essiccato e riso.”

I dati della banca centrale dello Sri Lanka mostrano che l’inflazione nel paese è aumentata del 18,7% a marzo, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. I prezzi del cibo sono aumentati del 30,2%, con cipolle, dhal e riso che costano il doppio rispetto a prima. Il prezzo dei pomodori è triplicato, mentre quello della curcuma, che viene importata, è quadruplicato.

PREZZI INTERATTIVI_SRI_LANKA_ALIMENTARI1

I venditori di un mercato ortofrutticolo a Narahenpita, nel sud-est di Colombo, hanno affermato di avere scorte sufficienti ma che le persone non avevano più i soldi per acquistare i loro beni. In una bancarella ben fornita di carote, fagioli, cipollotti e peperoncini, PKP Sampath ha detto che “nessuno viene più a comprare cibo”.

Indicando un cliente con in mano un sacchetto di plastica pieno solo per metà, Sampath ha detto: “Viene qui da 13 anni e comprava diversi sacchetti pieni di verdure. Ora, ha dovuto tagliare”.

Il venditore ha affermato che “le persone compravano ciò che volevano” in passato, ma ora “acquistano solo ciò di cui hanno bisogno per sopravvivere”.

Nella bancarella di frutta adiacente, Shriyani Jayasuriya, che stava facendo scorta di anguria, ha detto che potrebbe dover chiudere la sua attività alimentare a causa dell’alto costo dei prodotti. La proprietaria di Kindred Foods ha detto che in passato riceveva almeno 50 clienti al giorno, ma ora erano solo 10 o 12.

“Questi sono tempi terribili”, ha detto. “Non possiamo vivere in Sri Lanka”.

Molti imprenditori hanno affermato che la crisi ha colpito più duramente la classe media.

Shiranshi Jayalath, proprietaria di un salone a Ethulkotte, ha affermato che potrebbe anche dover chiudere il negozio a causa di interruzioni di corrente che durano almeno quattro ore durante il giorno. Parlando da una protesta fuori dal parlamento, la 43enne ha detto di aver già dovuto licenziare tre dei suoi lavoratori.

“La stessa classe media sta scomparendo”, ha detto. “Questo governo deve andarsene”.

Anche il settore delle costruzioni è stato colpito duramente.

“I prezzi del cemento e dell’acciaio armato sono triplicati e i prestiti bancari che le persone hanno contratto per la costruzione di case non sono più sufficienti”, ha affermato Dilina Hettiarachchi, ingegnere strutturale di 37 anni. “Non hanno speranza di completare le loro case”.

Tuttavia, ha affermato, i progetti più grandi stavano continuando, poiché gli attori più forti del settore avevano scorte di materiale e riserve di valuta estera per acquistare ciò di cui avevano bisogno. Ma anche loro non stavano assumendo nuovi progetti, ha detto, dimostrando quanto sia diffuso l’impatto della crisi.

Un residente ha affermato che i benestanti in Sri Lanka sono stati generalmente isolati dalle molteplici crisi che hanno sconvolto il paese. Ma ora stanno guardando la situazione svolgersi con un “nuovo orrore” mentre il valore dei loro risparmi diminuisce di giorno in giorno.

A marzo, molti si sono affrettati a sbarazzarsi delle loro rupie acquistando oro, solo per far salire i prezzi dell’oro a un livello record alla fine di quel mese.

TASSO DI SCAMBIO INTERACTIVE_SRILANKA_ECONOMY

Con l’aggravarsi della crisi, chiunque possa lasciare lo Sri Lanka ha intenzione di farlo.

Antoinette Prabalini Benjamin George, un avvocato di 30 anni, è uno di loro. Ma il calo del valore della valuta ha complicato i suoi piani.

George ha chiesto un prestito bancario di 2,2 milioni di rupie dello Sri Lanka per andare a studiare all’estero due mesi fa. A quel tempo, 200 rupie potevano comprare un dollaro USA. Ma all’inizio di marzo, il valore ancorato della rupia è sceso a 230 rupie per dollaro e nella prima settimana di aprile si è attestato a 300 rupie per dollaro.

George ha detto che il prestito che aveva richiesto non era più sufficiente e non era nemmeno chiaro se una banca dello Sri Lanka le avrebbe emesso la valuta estera di cui aveva bisogno per pagare le tasse universitarie.

Un funzionario della Commercial Bank ha detto ad Al Jazeera che la banca non sta emettendo valuta straniera ai nuovi studenti che cercano di lasciare il paese, mentre coloro che erano già all’estero devono affrontare “ritardi eccessivi” nell’ottenere l’approvazione dei pagamenti.

Ma George ha detto che è determinata ad andarsene.

“Penso che il valore della rupia diminuirà solo”, ha detto.

“Quando stavo facendo i miei progetti per la prima volta, il paese era già in pessime condizioni. E poi le cose sono solo peggiorate. Troverò un modo per andarmene”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here