Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Malattia di Crohn vs intolleranza al lattosio: come dire la differenza

Malattia di Crohn vs intolleranza al lattosio: come dire la differenza

0
8

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Cosa sono la malattia di Crohn e l’intolleranza al lattosio?

La malattia di Crohn è una malattia infiammatoria intestinale cronica (IBD) caratterizzata da infiammazione dell’intestino. Se non trattata, può causare gravi malattie o invalidità. I sintomi della malattia di Crohn vengono talvolta scambiati per quelli dell’intolleranza al lattosio, una condizione meno grave ma molto più comune.

L’intolleranza al lattosio è causata dall’incapacità di una persona di produrre una quantità sufficiente o parziale dell’enzima lattasi. Questo enzima si trova tipicamente nell’intestino tenue e digerisce il lattosio, uno zucchero presente nei latticini. L’intolleranza al lattosio, nota anche come carenza di lattasi, provoca disturbi digestivi nelle persone sensibili al lattosio. I sintomi includono diarrea, gonfiore e gas, alcuni degli stessi sintomi associati alla malattia di Crohn.

Poiché queste due condizioni condividono molti degli stessi sintomi, è possibile pensare di averne uno quando hai davvero l’altro. A complicare le cose è il fatto che le persone con malattia di Crohn hanno maggiori probabilità di avere intolleranza al lattosio rispetto alla popolazione generale.

Quali sono le principali differenze tra la malattia di Crohn e l’intolleranza al lattosio?

Crampi e diarrea persistente di solito accompagnano sia il morbo di Crohn che l’intolleranza al lattosio. Tuttavia, una persona con Crohn può anche trovare sangue o muco nelle feci.

Altri sintomi di Crohn che non si trovano tipicamente nelle persone con intolleranza al lattosio sono:

  • una perdita di appetito
  • perdita di peso involontaria
  • febbre
  • fatica
  • anemia

La malattia di Crohn può andare in remissione per settimane o mesi alla volta con pochi o nessun sintomo. Una persona con intolleranza al lattosio sperimenterà sintomi ogni volta che consuma latticini.

Chi è a rischio per la malattia di Crohn?

Esistono molteplici fattori di rischio per la malattia di Crohn. Loro includono:

  • fumare sigarette
  • storia familiare della malattia

  • mangiare una dieta ricca di grassi o una ricca di alimenti trasformati
  • vivere in un’area urbana
  • età
  • etnia

Età

La Mayo Clinic afferma che la malattia di Crohn ha maggiori probabilità di svilupparsi nelle persone di età inferiore ai 30 anni, sebbene possa manifestarsi a qualsiasi età.

Etnia

Il Crohn è più comune negli ebrei di discendenza dell’Europa orientale, o ashkenazita, che negli europei non ebrei. Nel complesso, i bianchi hanno maggiori probabilità di avere il Crohn rispetto ai neri. Tuttavia, secondo la Mayo Clinic, i tassi di malattia di Crohn sono in aumento tra i neri in Nord America e nel Regno Unito.

Chi è a rischio di intolleranza al lattosio?

L’intolleranza al lattosio si verifica in quasi tutte le persone di origine asiatica e nativa americana. È comune anche tra gli individui con origini ebraiche dell’India meridionale, africana e ashkenazita.

Inoltre, alcune persone iniziano a perdere una parte dei loro enzimi lattasi con l’avanzare dell’età. Questo li rende meno in grado di digerire gli alimenti contenenti lattosio.

Parecchistudi indicano anche che l’intolleranza al lattosio è più comune in quelli con malattia di Crohn che in quelli senza. Nonostante questi risultati, una diagnosi della malattia di Crohn non significa che svilupperai sicuramente intolleranza al lattosio.

È importante notare che l’intolleranza al lattosio non è un tipo di allergia alimentare e non è dannosa, anche per le persone con malattia di Crohn. Tuttavia, può aumentare il disagio di una persona.

La maggior parte delle persone con intolleranza al lattosio può digerire almeno un po ‘di lattosio, ma quanto dipende dalla quantità di lattasi nel loro corpo. Per alcuni, l’enzima lattasi può essere inducibile. Ciò significa che se una persona supera regolarmente la quantità di lattosio che può normalmente tollerare, il suo corpo può rispondere aumentando la quantità di lattasi che produce.

Quali sono i sintomi della malattia di Crohn?

La malattia di Crohn provoca infiammazione in varie aree del tratto digerente. I suoi sintomi possono variare da lievi a gravi. Al momento, non esiste una cura per questa condizione. Tuttavia, i suoi sintomi possono essere gestiti in genere in modo efficace.

I sintomi della malattia di Crohn possono includere:

  • dolore addominale e crampi
  • diarrea, che è spesso grave
  • feci sanguinolente
  • perdita di peso
  • diminuzione dell’appetito
  • malnutrizione
  • piaghe in bocca
  • fatica
  • dolore rettale, noto anche come tenesmo

Se il Crohn non viene trattato, possono verificarsi ulteriori sintomi. Questi includono:

  • infiammazione delle articolazioni
  • infiammazione degli occhi e della pelle
  • infiammazione nel fegato e nei dotti biliari
  • pubertà ritardata, o crescita, nei bambini

Quali sono i sintomi dell’intolleranza al lattosio?

Quando una persona senza intolleranza al lattosio mangia lattosio, l’enzima lattasi lo scompone in un paio di zuccheri più semplici. Entrambi questi zuccheri, glucosio e galattosio, vengono assorbiti rapidamente attraverso l’intestino tenue e vengono rilasciati nel flusso sanguigno.

Tuttavia, se qualcuno non ha abbastanza lattasi, l’intestino tenue può digerire solo una parte del lattosio. Mentre il lattosio non digerito viaggia attraverso l’intestino tenue e nel colon, attira l’acqua per osmosi. Questo eccesso di acqua è responsabile dei crampi e della diarrea a volte associati all’intolleranza al lattosio.

Altri sintomi della condizione includono:

  • gonfiore
  • nausea
  • dolore addominale
  • flatulenza eccessiva o gas

Questi sintomi si verificano durante il processo di fermentazione, che si verifica quando i batteri nel colon lavorano per abbattere il lattosio. Quando i batteri agiscono sul lattosio, si trasforma in un acido, che quindi produce gas.

Oltre agli altri sintomi, l’acido può anche causare bruciore anale.

Come viene diagnosticata la malattia di Crohn?

Non esiste un test specifico in grado di diagnosticare il Crohn. Il medico può eseguire una serie di test per escludere altre potenziali cause dei sintomi.

Diversi test vengono utilizzati per individuare la malattia e possono includere:

  • Analisi del sangue. Gli esami del sangue possono essere utilizzati per escludere infezioni o anemia sottostanti.
  • Analisi del sangue occulto nelle feci. Questo test viene utilizzato per verificare la presenza di sangue nascosto nelle feci.
  • Scansione TC. Una scansione TC consentirà al medico di visualizzare l’intestino tenue.
  • Risonanza magnetica. Una risonanza magnetica consentirà al medico di cercare fistole o aperture nell’intestino tenue.
  • Esofagogastroduodenoscopia. Questa procedura consente al medico di visualizzare il tubo del cibo, lo stomaco e l’intestino tenue con l’aiuto di una piccola telecamera. Può essere eseguito con o senza biopsia.
  • Colonscopia. È possibile eseguire una colonscopia per cercare cellule infiammatorie note come granulomi. Può verificarsi con o senza biopsia.
  • Enteroscopia con palloncino. Un’enteroscopia consente al medico di guardare in profondità nell’intestino tenue. Questo test viene spesso utilizzato per confermare una diagnosi.

Come viene diagnosticata l’intolleranza al lattosio?

Il modo più semplice per diagnosticare l’intolleranza al lattosio è evitare i latticini come latte, formaggio e gelato e vedere se i sintomi scompaiono. Se, dopo una settimana, consumi un bicchiere di latte e i crampi e la diarrea tornano, è molto probabile che tu sia intollerante al lattosio.

Un altro modo più obiettivo per testare l’intolleranza al lattosio è chiedere a un medico di ordinare un test del respiro al lattosio. Quando il lattosio viene metabolizzato nel colon rispetto all’intestino tenue come dovrebbe, i batteri rilasceranno idrogeno nel flusso sanguigno. Questo idrogeno può quindi essere misurato nel respiro. Le persone intolleranti al lattosio avranno maggiori quantità di idrogeno nel loro respiro.

Quali sono i trattamenti per la malattia di Crohn?

I trattamenti per la malattia di Crohn si concentrano sulla riduzione dell’infiammazione e sull’eliminazione delle complicazioni che potrebbero insorgere nel tempo. Anche se attualmente non esiste una cura per questa condizione, è possibile una remissione a lungo termine. L’efficacia dei trattamenti può variare da persona a persona. I trattamenti comprendono:

  • farmaci antinfiammatori
  • soppressori del sistema immunitario
  • antibiotici
  • anti-diarrea
  • una dieta speciale somministrata tramite un tubo di alimentazione, nota anche come terapia nutrizionale o nutrizione parenterale
  • chirurgia

I cambiamenti dello stile di vita possono anche influenzare positivamente sia la qualità della vita che l’efficacia dei trattamenti medici. La cosa più importante che puoi fare è smettere di fumare sigarette o usare qualsiasi altra forma di nicotina o tabacco. Anche identificare i fattori scatenanti del cibo, come latticini o fibre, aiuterà.

Le persone con malattia di Crohn possono anche manifestare più sintomi di intolleranza al lattosio quando consumano latticini ad alto contenuto di grassi rispetto a quelli a basso contenuto di grassi. Sperimentare mangiando diversi tipi di alimenti può aiutarti a identificare i tuoi trigger specifici.

Quali sono i trattamenti per l’intolleranza al lattosio?

Attualmente, ci sono solo due modi per trattare l’intolleranza al lattosio. Puoi evitare completamente i latticini oppure puoi consumare enzimi lattasi aggiuntivi sotto forma di integratori da banco (OTC) come Lactaid. Inoltre, le persone che rinunciano ai latticini potrebbero dover integrare la loro dieta con vitamina D e compresse di calcio. Puoi anche integrare la tua dieta con fonti non casearie sia di vitamina D che di calcio.

La maggior parte della vitamina D viene acquisita attraverso l’esposizione al sole. Gli alimenti che contengono naturalmente questo nutriente includono tuorli d’uovo e fegato. Molti altri alimenti sono inoltre arricchiti con vitamina D, compreso il latte e alcuni cereali per la colazione.

Le fonti di calcio non casearie includono:

  • semi, come il papavero e la chia

  • le sarde
  • mandorle
  • Lenticchie
  • fagioli
  • verdure scure a foglia verde, come spinaci e cavoli

Acquista per enzimi lattasi come Lactaid. Acquista anche per integratori di vitamina D e integratori di calcio.

Porta via

Poiché entrambi colpiscono il tratto digerente, la malattia di Crohn e l’intolleranza al lattosio condividono molti degli stessi sintomi. È importante individuare la tua condizione, perché la malattia di Crohn è grave e può diventare pericolosa se non trattata. Il tuo medico sarà in grado di aiutarti a determinare quale condizione sta causando i tuoi sintomi. Possono anche aiutarti a decidere il trattamento più appropriato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here