L’obiettivo strategico dell’Ucraina nel 2024 è far sentire la guerra della Russia a Mosca

0
35

L’Ucraina sta raddoppiando gli sforzi nella guerra a distanza per distruggere la base di potere di Putin e la sua capacità di combattere.

L’Ucraina sembra avere poche risorse con cui organizzare un’altra controffensiva.

L’Unione Europea sta aumentando i suoi aiuti militari da 28 miliardi di euro (30 miliardi di dollari) negli ultimi due anni a 21 miliardi di euro (23 miliardi di dollari) solo quest’anno, ma ciò non è ancora sufficiente per sostituire gli aiuti militari degli Stati Uniti, in fase di stallo al Congresso.

Il Financial Times ha riferito il mese scorso che alcuni funzionari statunitensi avevano esortato l’Ucraina a giocare in difesa nel 2024 e a conservare le forze per una controffensiva l’anno prossimo.

“Le operazioni difensive non offrono necessariamente all’Ucraina maggiori opportunità di immagazzinare materiale ed espandere le riserve”, ha scritto l’Institute for the Study of War, un think tank con sede a Washington, in una critica feroce di quel consiglio.

Domenica, parlando con i giornalisti, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha lasciato intendere che avrebbe accontentato i conservatori con un vertice in Svizzera questa primavera per elaborare una proposta di pace.

Ma ha anche detto: “Crediamo che sia giusto diventare più forti sul campo di battaglia… Non vogliamo che alcun formato negoziale o formula di pace ci venga imposto da paesi che non sono qui oggi, non in guerra”.

Se l’Ucraina vuole lottare per una migliore posizione contrattuale, molti esperti ritengono che l’offesa sia la sua unica scelta.

“Siamo diretti verso una guerra di logoramento, che fa il gioco della Russia”, ha detto ad Al Jazeera la stratega geopolitica residente a Vienna Velina Tchakarova.

“L’Ucraina lancerà un’offensiva militare – è chiaro”, ha detto Tchakarova, che ha anche previsto l’invasione della Russia nel 2022.

L’Ucraina lo ha lasciato intendere.

“Stiamo facendo tutto il possibile e l’impossibile per fare un passo avanti”, ha detto la scorsa settimana Rustem Umerov, ministro della Difesa.

“Il Piano 2024 esiste già. Non ne parliamo pubblicamente. È potente, è forte, non solo dà speranza ma darà anche risultati nel 2024”, ha affermato.

L’Ucraina punta ancora a ripristinare i confini riconosciuti dalla Russia nel 1991, il che significa spingere le forze russe fuori da quattro regioni parzialmente occupate – Luhansk, Donetsk, Zaporizhia e Kherson – e anche riconquistare la Crimea.

Un sondaggio condotto per la Conferenza sulla sicurezza di Monaco ha mostrato che almeno tre quarti degli ucraini sostengono ancora tutti questi obiettivi.

Ma come sarà fatto?

Cambiare tattica, strategia costante

La strategia controffensiva dell’anno scorso era quella di catturare Melitopol e raggiungere il Mar d’Azov.

Da lì, le forze ucraine potrebbero isolare la Russia dalla Crimea sparando sul ponte di Kerch. Se avesse avuto successo, la strategia avrebbe liberato la Crimea, Kherson e gran parte di Zaporizhia, e avrebbe gravato sul presidente russo Vladimir Putin un’enorme pressione politica per porre fine alla guerra.

Tchakarova ha affermato che la controffensiva del 2023 è fallita perché dipendeva dalle consegne di armi da parte degli alleati.

Il Kiel Institute for the World Economy, un think tank, ha misurato che gli impegni in armi nel periodo agosto-ottobre dello scorso anno erano inferiori dell’87% rispetto allo stesso periodo del 2022, il primo anno di guerra.

“Questo è stato il fattore decisivo che non ha portato a progressi significativi in ​​prima linea”, ha detto Tchakarova.

Quest’anno l’Ucraina prevede di produrre quante più armi possibile.

“Ci aspettiamo molto di più [help from allies] se crediamo agli annunci – F-16, droni e munizioni”, ha detto Tchakarova. “Ma non mi aspetto alcun sostegno serio”, sottolineando la saggezza del nuovo approccio dell’Ucraina.

Anche le tattiche dell’Ucraina si stanno evolvendo.

La controffensiva dello scorso giugno si basava su manovre e manodopera meccanizzate, ma il suo dispendio in armi e vite umane si è rivelato insostenibile oltre settembre.

Più o meno nello stesso periodo, però, l’Ucraina ha lanciato una serie di attacchi a distanza che si sono rivelati più sostenibili e, per certi versi, più devastanti per la Russia.

A maggio ha colpito il Cremlino con i droni e ha fatto seguito altri attacchi nel cuore di Mosca.

Ciò “ha prodotto un incredibile senso di preoccupazione”, ha detto ad Al Jazeera Jade McGlynn, un’esperta di Russia presso il dipartimento di studi di guerra del King’s College di Londra.

“Stavano prendendo di mira l’intera area del Ministero della Difesa o l’area in cui vivono le élite del Cremlino, quindi era un segnale per chiunque in quella cerchia che ‘anche tu non sei al sicuro’.”

Da allora, i droni di superficie di produzione ucraina e i missili Storm Shadow forniti da Gran Bretagna e Francia hanno colpito ripetutamente nelle acque intorno alla Crimea, affondando o rendendo inutilizzabile metà della flotta russa del Mar Nero. Droni e missili aerei hanno distrutto le difese aeree della Crimea, gli aerei e il quartier generale della flotta del Mar Nero a Sebastopoli.

Più recentemente, i droni hanno preso di mira le infrastrutture petrolifere e del gas nella stessa Russia, vitali per le sue entrate derivanti dalle esportazioni. Il quotidiano russo Kommersant ha affermato che le raffinerie hanno dovuto ridurre la loro produzione del 4% a gennaio rispetto a gennaio 2023, a causa dei danni causati dai droni ucraini.

Le persone tengono uno striscione mentre manifestano nel secondo anniversario dell'invasione russa dell'Ucraina, a Londra, Gran Bretagna, il 24 febbraio
Le persone tengono uno striscione mentre manifestano a Londra nel secondo anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina [Belinda Jiao/Reuters]

Zelenskyj ha affermato questo mese che “il nostro compito quest’anno non è solo rafforzare il nostro scudo celeste e le capacità a lungo raggio dell’Ucraina nella misura massima possibile, ma anche infliggere il massimo delle perdite sistemiche alla Russia”.

Questa è stata una costante nella strategia dell’Ucraina.

Nel settembre 2022, l’allora comandante in capo Valery Zaluzhny affermò che la capacità della Russia di colpire impunemente l’Ucraina era “il vero centro di gravità del nemico” e cercò armi a lungo raggio per ricambiare il dolore.

“È importante che gli ucraini continuino”, ha detto McGlynn. “Salvo che [Russians] proveranno anche solo un millesimo di quello che prova l’Ucraina, non sentiranno alcuna responsabilità di agire contro di essa”.

L’Ucraina sta ora migliorando questa strategia.

Ha detto che costruirà 20.000 droni con una portata di centinaia di chilometri, suggerendo un tasso di utilizzo devastante previsto di 55 al giorno, e 1.000 droni con una portata di oltre 1.000 km (621 miglia) per colpire in profondità all’interno della Russia.

Zelenskyj domenica ha riassunto gli obiettivi strategici di quest’anno.

“Dobbiamo dimostrare che possiamo privare la Russia della sua supremazia aerea, del suo finanziamento all’aggressione e del suo potere politico. Questo è un compito per l’anno”, ha detto Zelenskyj agli alleati riuniti a Parigi.

Manodopera e preoccupazioni tattiche

L’enfasi dell’Ucraina sulla guerra a distanza sembra andare di pari passo con un uso più conservatore della manodopera nel 2024.

Quando quest’anno il comandante delle forze di terra Oleksandr Syrskyii ha sostituito Valery Zaluzhny come comandante in capo, si temeva un ritorno a tattiche più costose.

“Appartiene a questa vecchia scuola di pensiero sovietica, che è fortemente guidata dall’artiglieria e più incline a dedicare massa al fronte, il che genera molta preoccupazione in Ucraina”, ha detto ad Al Jazeera Rory Finnin dell’Università di Cambridge, uno storico ucraino. .

INTERACTIVE-CHI CONTROLLA COSA IN UCRAINA-1709044724
(Al Jazeera)

Eppure Syrskyii ha smentito questa ipotesi il 17 febbraio, quando ha ritirato le sue truppe dalla città orientale quasi circondata di Avdiivka. Fu un’inversione della sua tattica a Bakhmut, dove aveva ordinato di combattere una retroguardia per ogni centimetro di territorio.

“I social media hanno mostrato che la Russia è stata colta di sorpresa dal fatto che le forze ucraine si sono ritirate”, ha detto il colonnello in pensione Seth Krummrich, ora vicepresidente di Global Guardian, una società di consulenza sulla sicurezza.

Come parte del suo sforzo per conservare la manodopera, l’Ucraina prevede di costruire quest’anno un milione di droni a corto raggio, che possono lanciare piccole bombe con grande precisione vicino alle linee del fronte, un obiettivo che gli esperti hanno detto ad Al Jazeera essere fattibile.

Un tale ritmo di produzione raggiungerebbe una media di circa 20.000 bombe al giorno e probabilmente travolgerebbe i volumi russi. Il 12 febbraio, l’Ucraina ha riferito di aver abbattuto 1.157 droni russi a corto raggio in una settimana.

I droni a corto raggio potrebbero anche essere la chiave per equalizzare la potenza dell’artiglieria, un passo che Zelenskyj ritiene necessario prima di qualsiasi nuova controffensiva.

“Dobbiamo arrivare a quei momenti in cui abbiamo avuto operazioni adeguate, azioni controffensive, quando siamo andati [to a ratio of] 1 a 1,5-3. Allora saremo in grado di respingere i russi”, ha detto domenica nella conferenza stampa.

Le galline di Putin

Quale sarebbe l’effetto sulla Russia se l’Ucraina riuscisse nella sua strategia di guerra a distanza?

Finora la Russia è riuscita a evitare molte previsioni disastrose.

Nonostante l’ammutinamento della compagnia militare Wagner lo scorso anno e le numerose proteste contro la guerra, Putin non è stato rovesciato. Il rublo non è crollato. La Russia ha eluso le sanzioni per vendere petrolio e acquistare armi.

Tuttavia, alcuni esperti ritengono che gli effetti si stiano accumulando.

“Penso che quest’anno rappresenterà il culmine della capacità di Putin di influenzare chiaramente ciò che sta accadendo in Ucraina”, ha detto il mese scorso lo storico britannico Mark Galeotti al podcast Futucast, prevedendo che “verso la fine di quest’anno… ne vedremo alcune molto , grossi nodi che tornano al pettine”.

Tali problemi includono l’aumento del debito delle famiglie, la riduzione dei servizi pubblici e la disillusione nei confronti di Putin, secondo Galeotti: “Il sistema è sempre più vulnerabile all’inaspettato, e l’inaspettato potrebbe arrivare domani o tra cinque anni”.

Concentrarsi sulla Crimea?

Lunedì Zelenskyj ha suggerito che quest’anno potrebbe concentrarsi direttamente sulla Crimea.

“Dobbiamo lottare per il pieno ripristino del diritto internazionale in relazione alla Crimea”, ha affermato in una dichiarazione in occasione del decimo anniversario dell’annessione della penisola da parte della Russia.

Il capo dell’intelligence militare ucraina Kyrylo Budanov ha dichiarato il mese scorso che gli attacchi alla Crimea si intensificheranno e questo mese ha previsto che “la penisola verrà riconquistata”.

Anche questo è un obiettivo strategico dal 2022, perché la Russia mantiene cinque aeroporti sulla penisola da cui ha attaccato l’Ucraina e li usa per sostenere le truppe a Zaporizhia e Kherson.

Anche se non dovesse riconquistare la penisola di Crimea quest’anno, l’Ucraina potrebbe renderla inutilizzabile come base operativa russa utilizzando droni e missili.

Il momento dell’Europa

Con gli aiuti statunitensi in stallo, l’Europa ha l’opportunità di svolgere un ruolo geopolitico più importante, ha detto ad Al Jazeera Suzanne Raine, diplomatica britannica di carriera e docente presso il Centro di Geopolitica dell’Università di Cambridge.

“Da molti anni ormai, l’America è stata la prima a darci la fiducia necessaria per fare qualcosa, e francamente è una posizione ridicola in cui trovarci tutti”, ha detto Raine.

“Se l’UE vuole potersi prendere sul serio su qualsiasi cosa, deve essere in grado di galvanizzare conversazioni che portino a decisioni e azioni”.

L’UE ha approvato 12 pacchetti di sanzioni e ha invitato l’Ucraina a diventare membro con tempi record, ma si trattava di risultati a portata di mano, ha affermato Raine.

“Le sanzioni sono facili e in realtà non funzionano. I colloqui di adesione sono facili finché non si consente loro di aderire”, ha affermato.

La Gran Bretagna è stata finora l’unico paese europeo a superare gli Stati Uniti in nuove categorie di armi, offrendo all’Ucraina carri armati nel gennaio 2023 seguiti da missili Storm Shadow a medio raggio a maggio.

La Germania ha un missile Taurus equivalente che rifiuta di inviare all’Ucraina finché gli Stati Uniti non approveranno l’ATACMS.

Raine ha detto che sta aspettando che il continente si svegli.

“Se non ora quando?” lei disse.