Lo “scudo di silicio” di Taiwan: perché l’isola potrebbe non essere la prossima Ucraina

0
29

Il predominio dell’isola autogovernata nei semiconduttori è visto da alcuni analisti come un deterrente contro un’invasione di Pechino.

Il predominio di Taiwan nella produzione di semiconduttori è visto da alcuni analisti come un deterrente contro un’invasione di Pechino [File: Ann Wang/Reuters]

Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, la sicurezza di Taiwan è sulla bocca di politici e analisti di tutto il mondo, tra le previsioni che un giorno la Cina potrebbe seguire l’esempio di Mosca e tentare di conquistare la nazione insulare.

Sia Taiwan che l’Ucraina sono giovani democrazie, la cui identità nazionale e indipendenza politica affrontano la minaccia dell’aggressione da parte di una superpotenza vicina.

Taiwan, tuttavia, ha un’arma segreta poco discussa che l’Ucraina non aveva: un predominio nella produzione di semiconduttori che secondo alcuni analisti potrebbe rivelarsi cruciale per scoraggiare un’invasione da parte di Pechino.

Un’invasione di Taiwan potrebbe innescare ricadute economiche globali senza precedenti a causa della posizione dell’isola come probabilmente il singolo punto di fallimento più vulnerabile nella catena del valore della tecnologia.

Lo “scudo di silicio” di Taipei rende la posta in gioco particolarmente alta per la Cina. Mentre il presidente cinese Xi Jinping si è impegnato a rivendicare l’isola autogovernata con la forza, se necessario, Pechino fa molto affidamento sulla tecnologia taiwanese per alimentare le industrie chiave su cui punta per raddoppiare il proprio prodotto interno lordo (PIL) entro il 2035.

“La strategia di deterrenza integrata di Taiwan deve mantenere chiara questa scelta netta tra gli obiettivi nazionali di Pechino”, ha detto ad Al Jazeera Jared McKinney, uno studioso dell’Air University. “O conquistare Taiwan o mantenere la prosperità economica”.

“Una domanda ritardata è un’invasione negata”, ha detto McKinney.

Il presidente cinese Xi Jinping
Il presidente cinese Xi Jinping si è impegnato a riunificare Taiwan con la Cina continentale con la forza, se necessario [File: Andy Wong/AP Photo]

Taiwan rappresenta il 92% della produzione globale di nodi di processo a semiconduttore al di sotto dei 10 nanometri (1 nanometro è un miliardesimo di metro), diventando così il principale fornitore della stragrande maggioranza dei chip che alimentano le macchine più avanzate del mondo, dagli iPhone di Apple agli Aerei da combattimento F-35.

Secondo uno studio del Boston Consulting Group, un’interruzione di un anno alla sola fornitura di chip taiwanesi costerebbe alle aziende tecnologiche globali circa 600 miliardi di dollari. Nel caso in cui la sua base manifatturiera fosse distrutta in una guerra, la ricostruzione della capacità produttiva altrove richiederebbe almeno tre anni e 350 miliardi di dollari, secondo lo studio.

“La Cina è brava con algoritmi, software e soluzioni di mercato”, ha detto ad Al Jazeera Ray Yang, direttore della consulenza presso l’Istituto di ricerca sulla tecnologia industriale di Taiwan. “Ma il loro settore ha bisogno di molti chip per computer (HPC) ad alte prestazioni che non hanno”.

“Se un conflitto interrompesse la loro fornitura, rallenterebbe drasticamente le ambizioni di intelligenza artificiale e 6G della Cina”, ha affermato Yang. “Dovrebbero riordinare la loro intera strategia industriale”.

Tale dipendenza potrebbe essere ulteriormente sfruttata da Taipei per rafforzare la propria sicurezza nazionale, secondo alcuni analisti militari.

“Segnale di avvertimento che i politici cinesi non possono ignorare”

McKinney, che ha sottolineato che le sue opinioni non rappresentano necessariamente quelle dell’Air University o della US Air Force, ha affermato che lo “scudo di silicio” di Taiwan dovrebbe essere meno un “dispositivo di impegno” per la difesa americana che un deterrente contro l’aggressione cinese.

L’anno scorso McKinney e Peter Harris, professore associato di scienze politiche alla Colorado State University, hanno pubblicato un articolo su una “strategia del nido rotto” per scoraggiare la Cina. Hanno proposto che Taiwan potrebbe minacciare in modo credibile di distruggere l’infrastruttura del leader del settore TSMC all’inizio di un’invasione, il che negherebbe a Pechino l’accesso ai suoi chip e infliggerebbe gravi danni alla sua economia.

McKinney ha affermato che la deterrenza potrebbe essere ulteriormente rafforzata istituendo un regime multilaterale di sanzioni sui semiconduttori in base al quale Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone si uniranno a Taiwan per fermare le esportazioni di semiconduttori in Cina se fosse iniziata una guerra.

“Se la richiesta è di sanzionare l’intera economia cinese, potresti non ottenere abbastanza buy-in”, ha affermato, esprimendo dubbi sul fatto che i conglomerati con una profonda esposizione al mercato cinese si ritirerebbero.

“La portata relativamente modesta delle sanzioni sui semiconduttori le rende più credibili come deterrente, rendendolo un segnale di avvertimento che i politici cinesi non possono ignorare”.

Sebbene per ora la Cina rimanga dipendente dalla tecnologia taiwanese, sta lavorando duramente per ribaltare la situazione tra le accuse di bracconaggio di talenti e furto di proprietà intellettuale. Taiwan vieta alle società finanziate dalla Cina di investire in tecnologia di fascia alta e coloro che violano le leggi sullo “spionaggio economico” in arrivo potrebbero passare fino a 12 anni dietro le sbarre. Il mese scorso, Taiwan ha fatto irruzione in otto società tecnologiche cinesi e ha interrogato 60 esploratori cinesi che presumibilmente stavano cercando di derubare i migliori ingegneri di Taiwan.

“La più grande minaccia al continuo dominio tecnologico di Taiwan è il bracconaggio di talenti dalla Cina continentale”, ha detto ad Al Jazeera James Lee, un esperto di relazioni USA-Taiwan che assumerà un posto accademico presso l’Academia Sinica di Taiwan entro la fine dell’anno.

“Finora, esso [China] non ha avuto successo per i chip di fascia alta … ma è plausibile che a un certo punto possano avere successo e, data l’enorme quantità di risorse che Pechino ha a sua disposizione, Taiwan sarà costantemente sotto pressione”.

Ross Feingold, un avvocato con sede a Taipei, ha detto ad Al Jazeera che il furto di proprietà intellettuale è una preoccupazione particolare.

“A causa dei lunghi procedimenti giudiziari e delle lievi sanzioni, la legge non ispira abbastanza paura da dissuadere le persone dal rubare regolarmente segreti commerciali o informazioni privilegiate dalle aziende”, ha affermato Feingold.

Tuttavia, Yang non vede questo come una grande preoccupazione per aziende leader come TSMC.

“Sono molto intelligenti e dispongono di un sistema molto sofisticato per proteggere le loro informazioni più sensibili”, ha affermato.

Uno sguardo d'insieme alla Casa Bianca
Washington ha adottato per decenni una politica ufficiale di “ambiguità strategica” nei confronti della difesa di Taiwan [Al Drago/Reuters]

Il predominio tecnologico di Taiwan influisce anche sul calcolo del rischio di Washington. Gli Stati Uniti non hanno alcun trattato di difesa con Taiwan, mentre a Washington si sta accendendo il dibattito sull’opportunità di mantenere la loro politica di lunga data di “ambiguità strategica” o passare alla “chiarezza strategica”.

“Vedo la dipendenza tecnologica degli Stati Uniti da Taiwan come un efficace – e persino preferibile – sostituto di una politica di chiarezza strategica”, ha affermato Lee.

“Blocca gli Stati Uniti nella difesa di Taiwan per proteggere l’industria dei semiconduttori dell’isola, ma non significa che gli Stati Uniti trattino Taiwan come un alleato o supportino l’indipendenza di Taiwan”.

Tuttavia, con Washington che ha investito 52 miliardi di dollari nel reshoring della produzione di chip e l’eroe nostrano Intel che sta per diventare di nuovo il produttore di chip più avanzato del mondo, gli Stati Uniti potrebbero non dipendere tecnologicamente da Taiwan a lungo.

“Se gli Stati Uniti iniziassero a produrre i chip più avanzati del mondo, ciò renderebbe Taiwan meno importante per gli Stati Uniti e di conseguenza renderebbe gli Stati Uniti meno propensi a difendere Taiwan, ma questo è ancora uno scenario molto teorico”, ha affermato Lee.

“Intel potrebbe essere in grado di raggiungere questo livello di produttori d’élite se ci sono sostanziali investimenti pubblici e privati ​​negli Stati Uniti nel corso dei prossimi 10-20 anni, ma anche se ciò accade, non è probabile che sostituirà del tutto TSMC”.

‘Deglobalizzazione’

Anche se Intel recupera tecnologicamente, non vi è alcuna garanzia che gli operatori del settore non preferiranno ancora TSMC.

“Questo è ciò con cui Intel ha bisogno di affrontare”, ha detto Yang. “Da allora, TSMC gode della piena fiducia dei suoi partner internazionali [unlike Intel] non ha un proprio prodotto e non è in concorrenza con loro”.

“La produzione globale di semiconduttori si è concentrata sull’isola grazie a tre decenni di globalizzazione che hanno dato la priorità ai bassi costi e alle economie di scala. Ma ora la de-globalizzazione è in atto mentre i leader industriali e nazionali in tutto il mondo si svegliano alla realtà degli eventi del cigno nero”.

Adeguandosi alla nuova realtà della vulnerabilità della catena di approvvigionamento, le aziende leader stanno spostando la capacità di processo al di fuori di Taiwan. TSMC avvierà la costruzione di impianti di fabbricazione di semiconduttori in Arizona e Kumamoto in Giappone nel 2024. UMC di Taiwan, il terzo produttore di chip al mondo, aprirà uno stabilimento a Singapore lo stesso anno.

Yang ritiene che le aziende internazionali che in precedenza avevano salvato dall’offshoring della produzione cercheranno di compensare i costi del reshoring attraverso innovazioni tecniche che saranno ottenute con l’assistenza di Taiwan.

“Sempre più attori provenienti da tutta la catena di approvvigionamento vengono e si stabiliscono qui per avvicinarsi all’ecosistema di Taiwan, che si tratti di produttori olandesi di apparecchiature litografiche, fornitori di prodotti chimici giapponesi e altri”, ha affermato.

“Taiwan continuerà a guidare l’intero ecosistema perché i giocatori internazionali devono unirsi a noi per innovare la prossima generazione di chip”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here