L’India blocca i conti dell’organizzazione benefica di Madre Teresa in mezzo agli attacchi di odio

0
119

La mossa per congelare i conti bancari delle Missionarie della Carità arriva dopo che gruppi indù di destra hanno interrotto le celebrazioni natalizie.

Le suore cattoliche dell’ordine delle Missionarie della Carità si riuniscono sotto un’immagine di Madre Teresa durante il decimo anniversario della sua morte a Calcutta, in India [File: Jayanta Shaw/Reuters]

Il governo indiano ha congelato i conti bancari delle Missionarie della Carità (MoC) di Madre Teresa nel Bengala occidentale, afferma il leader politico dello stato, infliggendo un duro colpo a uno dei gruppi più importanti del paese che gestiscono rifugi per i poveri.

La mossa è arrivata lunedì dopo che diversi gruppi indù di destra hanno interrotto la messa di Natale in alcune parti dell’India durante il fine settimana, incluso nel collegio elettorale parlamentare di Modi nello stato più popoloso dell’Uttar Pradesh, dove le elezioni locali sono previste per l’inizio del prossimo anno.

I gruppi indù della linea dura affiliati al Bharatiya Janata Party (BJP) di Modi hanno ripetutamente accusato il MoC di condurre programmi di conversione religiosa con il pretesto di carità offrendo denaro, istruzione gratuita e riparo agli indù poveri e alle comunità tribali.

Il ministero dell’Interno ha dichiarato lunedì che la domanda delle Missionarie della Carità per il rinnovo di una licenza che consente di ottenere fondi dall’estero è stata respinta a Natale, secondo quanto riportato dall’Associated Press.

Il ministero ha affermato di aver riscontrato “input negativi” durante la valutazione della domanda di rinnovo dell’ente di beneficenza. Non ha elaborato.

“Sconvolto nel sentire che (a) Natale, il ministero dell’Unione ha CONGELATO TUTTI I CONTI BANCARI delle Missionarie della Carità di Madre Teresa in India!” Mamata Banerjee, primo ministro del Bengala occidentale, ha scritto in un tweet lunedì.

“I loro 22.000 pazienti e dipendenti sono rimasti senza cibo e medicine. Sebbene la legge sia fondamentale, gli sforzi umanitari non devono essere compromessi”, ha affermato Banerjee, leader dell’opposizione e critico vocale del governo Modi.

Il premio Nobel Madre Teresa, una suora cattolica romana morta nel 1997, ha fondato le Missionarie della Carità nel 1950.

Con sede nello stato orientale del Bengala occidentale, il MoC ha più di 3.000 suore in tutto il mondo che gestiscono ospizi, cucine comunitarie, scuole, lebbrosari e case per bambini abbandonati.

In una dichiarazione, l’ente di beneficenza ha affermato che il governo non ha congelato i suoi conti, ma ha aggiunto che la sua domanda di rinnovo del Foreign Contribution Regulation Act (FCRA) non è stata approvata.

“Pertanto … abbiamo chiesto ai nostri centri di non gestire nessuno dei conti (contributo estero) fino a quando la questione non sarà risolta”, ha affermato.

Il vicario generale Dominic Gomes dell’arcidiocesi di Calcutta ha affermato che il congelamento dei conti del Bengala occidentale è stato “un crudele regalo di Natale per i più poveri tra i poveri”.

Attacchi di odio nel weekend di Natale

Da quando Modi è salito al potere nel 2014, i gruppi indù di destra hanno consolidato la loro posizione in tutti gli stati e hanno lanciato attacchi di odio contro le minoranze religiose, affermando che la loro azione è prevenire le conversioni religiose.

All’inizio di questo mese, il MoC si è trovato sotto inchiesta nello stato natale di Modi del Gujarat a seguito di denunce secondo cui le ragazze nei suoi rifugi erano state costrette a leggere la Bibbia e recitare preghiere cristiane. L’ente benefico ha negato le accuse.

Cristiani e altri critici hanno affermato che la giustificazione della prevenzione delle conversioni è falsa e notano che i cristiani rappresentano solo il 2,3% dell’1,37 miliardi di persone dell’India, mentre gli indù sono la stragrande maggioranza, che rappresentano quasi l’80% dell’1,3 miliardi di persone del paese.

Pavni Mittal di Al Jazeera, riportando da Nuova Delhi, ha affermato che le celebrazioni natalizie sono state interrotte durante il fine settimana e la scorsa settimana, incluso il vandalismo di una statua a grandezza naturale di Gesù Cristo ad Ambala nell’Haryana, uno stato settentrionale governato dal nazionalista indù di Modi BJP.

“Lo scorso Natale, una statua di Gesù Cristo è stata vandalizzata nel nord dell’India e anche in altre parti del paese. Le chiese hanno riferito che la folla indù è entrata e ha interrotto i loro servizi”, ha detto mentre si occupava di una protesta contro gli attacchi religiosi nella capitale.

Mittal ha detto che sabato una folla ha bruciato un modello di Babbo Natale e scandito slogan contro le celebrazioni natalizie e le conversioni religiose. Secondo i media locali, l’incidente è avvenuto fuori da una chiesa a Varanasi, la circoscrizione parlamentare di Modi e una delle città più sante dell’induismo.

Anoop Shramik, un attivista sociale di Varanasi, ha detto all’agenzia di stampa Reuters di aver visto circa due dozzine di persone che bruciavano il Babbo Natale.

Sabato, le celebrazioni natalizie sono state interrotte anche a Silchar, nello stato nord-orientale dell’Assam, dopo che uomini, affermando di essere membri del Bajrang Dal – un gruppo di estrema destra con stretti legami con il BJP – si sono fatti strada in una chiesa, secondo il canale di notizie NDTV. .

Diversi stati indiani hanno approvato o stanno valutando leggi anti-conversione che mettono in discussione la libertà di credo e i relativi diritti che la costituzione indiana garantisce alle minoranze.

Elias Vaz, vicepresidente nazionale dell’All India Catholic Union, ha condannato gli ultimi incidenti.

“La forza dell’India è nella sua diversità e le persone che lo hanno fatto a Natale sono i veri antinazionali”, ha detto Vaz.

Appello per il genocidio musulmano

Il congelamento dei conti bancari del MoC e gli attacchi alle celebrazioni natalizie sono arrivati ​​solo pochi giorni dopo che un controverso evento si è tenuto nella città santa indù di Haridwar, nel nord dell’India, dove gli estremisti indù hanno chiesto uccisioni di massa di minoranze musulmane.

All’incontro ha partecipato almeno un membro del BJP di Modi.

“Anche se solo un centinaio di noi diventasse soldati e ne uccidessimo due milioni (musulmani), saremo vittoriosi… Se rimani con questo atteggiamento solo allora sarai in grado di proteggere il ‘sanatan dharma’ (una forma assoluta di induismo), ” ha detto uno dei relatori durante l’evento.

Un altro delegato, Prabodhanand Giri, capo di un gruppo indù di estrema destra che viene spesso fotografato con membri anziani del Bjp, ha chiesto una “pulizia” e che i presenti siano “pronti a morire o uccidere”.

Un altro ha detto di aver chiesto agli hotel del suo stato di non consentire le celebrazioni natalizie. La dichiarazione è stata accolta con applausi dal pubblico.

La polizia nello stato di Uttarakhand ha dichiarato di aver avviato un’indagine, ma a 10 giorni dall’evento non sono stati effettuati arresti.

“Nel fine settimana, diversi avvocati hanno fatto appello alla Corte suprema indiana per intervenire e agire contro quello che considerano un attacco all’unità dell’India e alla vita di milioni di concittadini musulmani”, ha riferito Mittal di Al Jazeera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here