spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoLe esplosioni scuotono la Crimea annessa alla Russia mentre le sirene risuonano...

    Le esplosioni scuotono la Crimea annessa alla Russia mentre le sirene risuonano in tutta l’Ucraina

    -

    Gli attacchi dei droni arrivano mentre il capo nucleare delle Nazioni Unite avverte anche di una “situazione pericolosa” intorno alla centrale elettrica di Zaporizhzhia e il capo di Wagner fa appello per i soccorsi a Bakhmut.

    Membri del servizio ucraino della 10a brigata d'assalto di montagna
    Membri del servizio ucraino della 10a brigata d’assalto di montagna “Edelweiss” sparano con un obice D-30 contro le truppe russe in una posizione in prima linea, durante l’attacco della Russia all’Ucraina, vicino alla città di Soledar, regione di Donetsk, Ucraina, 6 maggio 2023 [REUTERS/Sofiia Gatilova]

    Molteplici esplosioni hanno scosso la Crimea annessa alla Russia con un funzionario filo-Mosca che ha accusato Kiev di aver lanciato più di 10 attacchi di droni, mentre le sirene dei raid aerei hanno anche suonato per diverse ore durante la notte in gran parte dell’Ucraina.

    I presunti attacchi di droni di domenica sono avvenuti quando il capo nucleare delle Nazioni Unite ha avvertito di condizioni “pericolose” intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia controllata dalla Russia, e il capo della forza paramilitare Wagner ha invitato Mosca a lasciare che i combattenti ceceni soccorrano le sue forze al fronte- città linea di Bakhmut in Ucraina orientale.

    Funzionari e media hanno affermato che i sistemi di difesa aerea russi hanno respinto gli attacchi dei droni ucraini e che almeno tre dei veicoli senza equipaggio sono stati abbattuti sopra la città portuale di Sebastopoli in Crimea.

    “Niente oggetti [in Sevastopol] sono stati danneggiati”, ha detto Mikhail Razvozhayev, il governatore di Sebastopoli insediato a Mosca, sull’app di messaggistica Telegram.

    Non ci sono stati dettagli immediati di eventuali danni causati dagli attacchi in altre parti della penisola di Crimea, che la Russia ha annesso all’Ucraina nel 2014.

    Baza, un canale Telegram con collegamenti alle forze dell’ordine russe, ha riferito domenica scorsa che non ci sono state vittime in quella che ha definito una serie di attacchi alla Crimea.

    Al Jazeera non è stata in grado di verificare in modo indipendente i rapporti.

    Non ci sono stati commenti immediati da Kiev.

    Nel frattempo in Ucraina, gli allarmi antiaerei sono durati diverse ore durante la notte fino all’inizio di domenica su circa due terzi del paese, con funzionari che hanno affermato che i sistemi di difesa aerea hanno abbattuto un certo numero di droni, incluso uno sopra lo spazio aereo di Kiev.

    “Durante l’ultimo allarme aereo, un UAV da ricognizione nemico [unmanned aerial vehicle] è stato rilevato nello spazio aereo di Kiev”, ha dichiarato l’amministrazione militare di Kiev sull’app di messaggistica Telegram.

    “Il drone è stato distrutto… Preliminarmente, non ci sono state vittime o distruzioni”.

    Gli allarmi si sono estesi dalla capitale Kyiv e dalle regioni a ovest di essa fino a tutte le regioni a est ea sud fino alla regione di Kherson.

    Funzionari locali in diverse regioni ucraine hanno riferito che i sistemi di difesa aerea sono stati schierati durante la notte, ma domenica non ci sono state informazioni immediate su potenziali vittime o danni.

    ‘Situazione pericolosa’ vicino a Zaporizhzhia

    Gli sviluppi sono arrivati ​​mentre l’Ucraina si prepara a lanciare una controffensiva per riconquistare il territorio a est che la Russia ha annesso illegalmente dopo l’invasione nel febbraio dello scorso anno.

    I raid contro obiettivi controllati dai russi si sono intensificati nelle ultime due settimane, soprattutto in Crimea, mentre Mosca – citando l’intensificarsi dei bombardamenti ucraini – ha ordinato l’evacuazione temporanea di famiglie con bambini e anziani dalla città occupata di Enerhodar, vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. stazione.

    Le forze russe controllano circa l’80% della regione di Zaporizhia.

    Le evacuazioni hanno spinto Rafael Grossi, capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), a chiedere misure per garantire il funzionamento sicuro dell’impianto.

    “La situazione generale nell’area vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia sta diventando sempre più imprevedibile e potenzialmente pericolosa”, ha detto Grossi in una dichiarazione sul sito web dell’AIEA. “Sono estremamente preoccupato per i reali rischi per la sicurezza e la sicurezza nucleare che l’impianto deve affrontare”.

    Mentre il personale della centrale nucleare rimane sul posto, gli esperti dell’AIEA hanno “ricevuto informazioni che l’annunciata evacuazione dei residenti dalla città di Enerhodar – dove vive la maggior parte del personale della centrale – è iniziata e stanno monitorando attentamente la situazione per qualsiasi potenziale impatto sulla sicurezza nucleare ”, ha aggiunto Grossi.

    Appello Wagner

    Nel frattempo, nella città ucraina orientale di Bakhmut, Yevgeny Prigozhin, il capo del gruppo Wagner, ha chiesto a Mosca di lasciargli cedere la sua posizione alle forze del leader ceceno Ramzan Kadyrov.

    “Vi chiedo di emettere un ordine di combattimento entro le 00:00 del 10 maggio relativo al trasferimento delle posizioni delle unità paramilitari Wagner a Bakhmut e nella sua periferia, alle unità del battaglione Akhmat”, ha detto Prigozhin in una lettera al ministro della Difesa Sergej Shoigu.

    Il battaglione Akhmat si riferisce alle unità combattenti sotto il comando dell’uomo forte Kadyrov, che ha governato la Cecenia, repubblica russa a maggioranza musulmana, nell’ultimo decennio e mezzo.

    I combattenti di Wagner hanno guidato la battaglia per Bakhmut, guidando il massacrante assalto russo alla città durato mesi e quasi catturandola in quella che è stata la battaglia più lunga e sanguinosa della campagna russa in Ucraina.

    Ma le relazioni tra Prigozhin e l’esercito russo, che sono state a lungo tese, questa settimana hanno raggiunto un punto di ebollizione.

    Venerdì, in una serie di video aspri, Prigozhin ha incolpato Shoigu e il capo di stato maggiore Valery Gerasimov per “decine di migliaia” di combattenti russi uccisi e feriti in Ucraina.

    Prigozhin ha detto che i suoi combattenti sarebbero stati costretti a ritirarsi a causa della mancanza di munizioni, incolpando il ministero della Difesa.

    Kadyrov ha detto venerdì su Telegram che le sue forze erano “pronte a muoversi” verso Bakhmut. “I soldati sono in allerta, stiamo solo aspettando ordini”, ha detto.

    L’esercito ucraino ha nel frattempo respinto le affermazioni di Prigozhin di un ritiro, affermando che i combattenti mercenari di Wagner stavano rafforzando le posizioni a Bakhmut con la probabile intenzione di tentare di impadronirsi della città distrutta prima che la Russia segni la vittoria dell’Unione Sovietica nella seconda guerra mondiale il 9 maggio.

    “Ora li stiamo vedendo tirare [fighters] dall’intera linea offensiva dove si trovavano i combattenti Wagner, stanno tirando [them] alla direzione di Bakhmut”, ha detto alla televisione ucraina il viceministro della difesa ucraino Hanna Maliar.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts