Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Le amicizie abusive sono reali. Ecco come riconoscere che sei in uno

Le amicizie abusive sono reali. Ecco come riconoscere che sei in uno

0
192

Ti meriti di sentirti al sicuro con i tuoi amici.

Ogni volta che le persone parlano di relazioni offensive nei media o con i loro amici, il più delle volte fanno riferimento a relazioni romantiche o relazioni familiari.

In passato ho sperimentato entrambi i tipi di abuso, questa volta è stato diverso.

E se posso essere sincero, all'inizio era qualcosa per cui non ero completamente preparato: era nelle mani di uno dei miei migliori amici.

Ricordo la prima volta che ci siamo incontrati, proprio come era ieri. Ci siamo scambiati Tweet arguti su Twitter, e hanno espresso di essere un fan del mio lavoro di scrittura.

Era il 2011, e a Toronto, i Meetup di Twitter (o come venivano comunemente chiamati "tweet-up" online) erano grandi, quindi non ci ho pensato molto. Ero assolutamente giù per fare una nuova amica, quindi un giorno abbiamo deciso di incontrarci per un caffè.

Quando ci siamo incontrati, è stato quasi come andare al primo appuntamento. Se non ha funzionato, nessun danno, nessun fallo. Ma abbiamo subito cliccato e siamo diventati grossi come i ladri – bevendo bottiglie di vino nel parco, preparando i pasti l'uno per l'altro e partecipando ai concerti insieme.

Diventammo rapidamente migliori amici e anche ovunque andassi lo facevano.

All'inizio, la nostra relazione è stata piuttosto grande. Avevo trovato una persona con cui mi sentivo a mio agio e che aveva contribuito in modo significativo a tutte le parti della mia vita.

Ma una volta che abbiamo iniziato a condividere parti più vulnerabili di noi stessi, le cose sono cambiate.

Ho iniziato a notare quanto spesso fossero avvolti in un ciclo drammatico con le persone della nostra comunità condivisa. All'inizio l'ho scrollato di dosso. Ma mi è sembrato che il dramma ci seguisse ovunque andassimo, e mentre cercavo di essere lì per loro e di sostenerli, ha iniziato a mettere a dura prova la mia salute mentale.

Un pomeriggio mentre ci dirigevamo verso uno Starbucks locale, iniziarono a ridicolizzare un amico intimo comune, cercando di convincermi che erano "il peggio". Ma quando ho premuto per i dettagli, hanno notato che erano solo "fastidiosi "E un" difficile ".

Sconcertato, ho spiegato loro che non mi sentivo così – e quasi offeso, hanno semplicemente alzato gli occhi su di me.

Sembrava che la mia lealtà fosse stata messa alla prova e che avessi fallito.

La dott.ssa Stephanie Sarkis, psicoterapeuta ed esperta di salute mentale, ha condiviso in un'intervista con la raffineria 29 che i "Gaslighters sono pettegolezzi terribili".

Mentre la nostra relazione iniziava a progredire, presto iniziai a rendermene conto che era vero.

Ogni mese, il nostro gruppo di amici si riuniva e si legava al cibo delizioso. Andavamo in ristoranti diversi o cucinavamo l'uno per l'altro. In questa notte in questione, un gruppo di 5 di noi si è diretto in un famoso ristorante cinese in città noto per i suoi gnocchi.

Mentre stavamo ridendo e condividendo piatti, questo amico ha iniziato a spiegare al gruppo – in modo esplicito i dettagli – le cose che avevo condiviso con loro sul mio ex-partner in confidenza.

Sebbene le persone avessero saputo che avevo frequentato questa persona, non conoscevano i dettagli della nostra relazione e non ero pronto a condividere. Di certo non mi aspettavo che sarebbero stati riversati nel resto del gruppo quel giorno.

Non ero solo imbarazzato, mi sentivo tradito.

Mi ha reso autocosciente e mi ha lasciato chiedersi: "Che cosa sta dicendo questa persona su di me quando non ci sono? Cosa sapevano di me gli altri? "

In seguito mi dissero che la ragione per cui avevano condiviso quella storia era perché il nostro comune amico gli stava parlando … ma non potevano aver chiesto prima il mio consenso?

All'inizio, continuavo a trovare delle scuse per loro. Mi sentivo ancora responsabile per loro.

Non sapevo che ciò che stava accadendo fosse gaslighting o abuso emotivo.

Secondo uno studio nel 2013, giovani e donne di età compresa tra 20 e 35 anni sono di solito le tipiche vittime di abusi emotivi. Ciò può includere qualsiasi cosa, dall'assalto verbale, al dominio, al controllo, all'isolamento, al ridicolo o all'uso della conoscenza intima per il degrado.

Il più delle volte, può succedere a coloro con cui intratteniamo relazioni intime.

Le statistiche hanno dimostrato che per l'8 percento delle persone che subiscono bullismo verbale o fisico, l'aggressore di solito si rivela un amico intimo.

A volte i segni sono chiari come il giorno e a volte potresti sentirti come se stessi inventando la situazione nella tua testa.

Dato che le tensioni tra amici a volte possono essere elevate, a volte possiamo ritenere che l'abuso non sia reale.

Il dottor Fran Walfish, psicoterapeuta di famiglia e delle relazioni a Beverly Hills, in California, condivide alcuni segni:

  • Il tuo amico ti mente. "Se li catturi ripetutamente mentendo a te, questo è un problema. Una relazione sana si basa sulla fiducia ", spiega Walfish.
  • Il tuo amico ti fantasma costantemente o non ti include. "Se li affronti, diventano difensivi o puntano il dito dicendo che è colpa tua. Chiediti, perché non ne sono all'altezza? "
  • Ti fanno pressione per grandi doni, come i soldi, e poi ti illudono di pensare che fosse un "regalo" per loro piuttosto che un prestito.
  • Il tuo amico ti dà il trattamento silenzioso o ti fa stare male criticandoti. Questo è il modo in cui l'utente abusa controlla la dinamica di potenza, spiega Walfish. "Non vuoi avere una relazione stretta in cui ti senti depresso o meno dell'altra persona."
  • Il tuo amico non rispetta i tuoi confini o il tuo tempo.

Anche se lasciare la situazione può sembrare senza speranza, ci sono vie d'uscita e diversi passi che si possono fare quando si tenta di lasciare un'amicizia abusiva.

Mentre la comunicazione aperta è di solito la migliore politica, il dott. Walfish ritiene che sia meglio non affrontare il maltrattatore e andarsene in silenzio.

"È come installarti. Probabilmente ti daranno la colpa, quindi è meglio (essere) gentile. Queste persone non gestiscono bene il rifiuto ", spiega.

Il dottor Gail Saltz, professore associato di psichiatria presso la scuola di medicina Weill-Cornell dell'ospedale presbiteriano di New York e uno psichiatra condivide con Healthline: “Potresti aver bisogno di terapia se questa relazione ha danneggiato i tuoi sentimenti di autostima e capisci perché è entrato in questa amicizia e l'ha tollerata in primo luogo al fine di evitare di tornarci o entrare in un'altra abusiva. "

Il dottor Saltz suggerisce anche di chiarire agli altri, compresi amici e familiari, che non starai più con l'altra persona.

"Racconta agli amici o alla famiglia che cosa sta succedendo e lascia che ti aiutino a rimanere separati", dice.

Pensa anche che sia saggio cambiare le password che questa persona potrebbe conoscere o i mezzi di accesso che hanno a casa o al lavoro.

Sebbene all'inizio possa sembrare difficile andarsene, e una volta che hai, come se stessi piangendo una perdita, il dottor Walfish crede che ti mancherà solo l'amico che pensavi di avere.

"Allora prenditi, apri gli occhi e inizia a scegliere un diverso tipo di persona di cui fidarti dei tuoi sentimenti", dice. "I tuoi sentimenti sono preziosi e devi essere molto discriminante su chi ti fidi."

Mi ci è voluto così tanto tempo per capire che quello che stavo vivendo era un abuso.

Le persone tossiche hanno un modo divertente di riscrivere la narrazione in modo che sembri sempre colpa tua.

Una volta ho capito che stava succedendo, mi è sembrato una fossa nello stomaco.

"Nelle amicizie abusive, spesso ci si sente a disagio", afferma la dottoressa Saltz, che nota porta a sensi di colpa, vergogna o ansia, soprattutto quando cercano di abbandonare la situazione.

La psicologa clinica e autrice Elizabeth Lombardo, PhD, in un'intervista a Women's Health, ha affermato che le persone spesso notano un aumento di "ansia, mal di testa o disturbi allo stomaco" quando cercano di lasciare le loro amicizie tossiche.

Questo è stato sicuramente vero per me.

Alla fine ho iniziato a vedere un terapeuta in modo da poter ottenere la forza e il coraggio di andare avanti.

Quando ho incontrato la mia terapista e le ho spiegato alcune delle mie azioni mentre cercavo di uscire da questa amicizia, che alcuni potrebbero vedere come inaccettabili e forse, manipolatori, mi ha spiegato che non era colpa mia.

Alla fine della giornata, non ho chiesto di essere maltrattato da questa persona – e per quanto possano provare a usarlo contro di me, era inaccettabile.

Ha continuato a spiegarmi che le mie azioni erano comprensibili reazioni all'innesco, anche se non sorprende che quelle reazioni sarebbero state usate contro di me quando la nostra amicizia sarebbe finita, trasformando gli altri nostri amici intimi contro di me.

Le amicizie abusive sono difficili da navigare, soprattutto quando non riesci a vedere i segnali di pericolo.

Ecco perché è così importante che ne parliamo apertamente.

Una rapida ricerca e vedrai persone che si rivolgono a siti come Reddit per porre domande come "Esiste un'amicizia abusiva?" O "Come superare un'amicizia emotivamente abusiva?"

Perché così com'è, c'è molto poco là fuori per aiutare le persone.

Sì, gli amici violenti sono una cosa. E sì, puoi guarire anche da loro.

Le amicizie abusive sono più di un semplice dramma: sono la vita reale e possono essere una forma insidiosa di trauma.

Meriti relazioni sane e soddisfacenti che non ti lascino spaventato, ansioso o violato. E lasciare un'amicizia abusiva, sebbene dolorosa, può essere potenziante a lungo termine – ed è vitale per la tua salute mentale ed emotiva.


Amanda (Ama) Scriver è una giornalista freelance nota per essere grassa, rumorosa e urlante su Internet. Le cose che le portano gioia sono rossetto audace, reality TV e patatine fritte. Le sue opere di scrittura sono apparse su Leafly, Buzzfeed, The Washington Post, FLARE, The Walrus e Allure. Vive a Toronto, in Canada. Puoi seguirla cinguettio o Instagram.