Una donna che indossa le cuffie, un reggiseno sportivo e leggings corre su un tapis roulant
Essere più attivi fisicamente potrebbe aiutare a ridurre il rischio di sperimentare una serie di eventi cardiovascolari. Antonio_Diaz/Getty Images
  • La fibrillazione atriale (AFib) è un ritmo cardiaco anormale che può danneggiare la salute cardiovascolare.
  • I risultati dello studio presentato al Congresso ESC 2023 hanno rilevato che livelli più elevati di forma fisica erano associati a una diminuzione del rischio di fibrillazione atriale, ictus ed eventi avversi cardiovascolari maggiori (MACE).
  • Ulteriori ricerche potrebbero replicare questi risultati ed esaminare specifici parametri di forma fisica che potrebbero essere i più utili.

La salute del cuore è fondamentale per il benessere del corpo. Un’area di ricerca essenziale è determinare i fattori che mettono le persone a rischio di problemi cardiaci e quali fattori sono preventivi. La ricerca in questo settore è in corso.

Uno studio recente ha rilevato che i partecipanti con migliori prestazioni fisiche avevano un rischio inferiore di sviluppare un ritmo cardiaco anormale, o fibrillazione atriale, e un rischio inferiore di eventi cardiovascolari gravi.

I risultati sono stati presentati al Congresso 2023 della Società Europea di Cardiologia (ESC).

Una minore forma fisica aumenta il rischio di fibrillazione atriale

Lo studio era uno studio retrospettivo, monocentrico. I ricercatori hanno incluso adulti che non avevano alcuna precedente diagnosi di fibrillazione atriale. Tuttavia, tutti i partecipanti avevano ragioni cliniche per sottoporsi al test da sforzo su tapis roulant.

I ricercatori hanno analizzato i livelli di forma fisica dei partecipanti quantificando l’intensità con cui potevano esercitarsi durante un test sul tapis roulant, utilizzando una misura nota come equivalenti metabolici (MET). Un punteggio MET più alto indica generalmente un livello più elevato di forma fisica e migliori capacità di prestazione fisica.

I partecipanti che erano in grado di esercitarsi alla massima intensità e raggiungevano le misurazioni MET più elevate durante i test sul tapis roulant avevano un rischio inferiore dell’8% di sviluppare fibrillazione atriale, un rischio ridotto del 12% di ictus ischemico e un rischio ridotto del 14% di eventi cardiovascolari avversi maggiori. (MAZZA).

Allo studio hanno preso parte circa 15.450 partecipanti e i ricercatori li hanno seguiti per poco meno di undici anni e mezzo. Nel corso dello studio, i ricercatori hanno registrato 515 nuovi casi di fibrillazione atriale. Hanno tenuto conto di diverse variabili multiple nella loro analisi, tra cui età, ipertensione e se i partecipanti assumevano o meno determinati farmaci.

I ricercatori hanno scoperto che “migliori prestazioni fisiche erano associate ai migliori risultati in termini di salute del cuore”. Hanno concluso che “Una migliore prestazione fisica indica un minor rischio di [AFib] incidenza, minore incidenza di ictus ischemico e minor rischio di MACE”.

Il dottor Anil K. Gehi, della divisione di cardiologia della UNC School of Medicine, e il direttore del programma del servizio di elettrofisiologia cardiaca e del servizio di elettrofisiologia cardiaca della famiglia Sewell Family-McAllister, che non era coinvolto nello studio, hanno affermato che lo studio ha sottolineato l’importanza di attività fisica regolare.

“Questo studio si aggiunge a numerosi altri studi che dimostrano una relazione tra attività fisica, forma fisica e rischio di fibrillazione atriale. I pazienti sedentari e meno in forma fisicamente tendono ad avere un rischio maggiore di sviluppare fibrillazione atriale e di progredire della condizione”.
— Dottor Anil K. Gehi

“La ragione di ciò è complessa ma probabilmente correlata ai cambiamenti strutturali, ormonali e infiammatori che si verificano quando siamo inattivi. Questo è simile al modo in cui l’attività fisica può aiutare a proteggere da altri problemi cardiaci come l’ipertensione e le malattie coronariche”, ha detto Notizie mediche oggi.

L’impatto della fibrillazione atriale

Fibrillazione atriale è un tipo di ritmo cardiaco anormale. Si verifica quando le camere superiori del cuore battono in modo irregolare o rapido, il che può aumentare il rischio di coaguli di sangue e successivi ictus.

A​ numero di fattori può aumentare il rischio di avere fibrillazione atriale. Ad esempio, l’età avanzata e particolari fattori genetici possono aumentare il rischio. Scelte di stile di vita come bere alti livelli di alcol, fumare o sperimentare livelli elevati di stress possono anche aumentare le possibilità di sviluppare la fibrillazione atriale.

Il dottor Gehi gli ha spiegato MNT:

“La fibrillazione atriale è una condizione comune che può essere grave in alcune situazioni. I pazienti con fibrillazione atriale corrono un rischio maggiore di diversi esiti avversi tra cui: ictus, ospedalizzazione, insufficienza cardiaca, disfunzione cognitiva (demenza) e persino mortalità precoce.

“Inoltre, i pazienti con fibrillazione atriale spesso possono presentare sintomi piuttosto invalidanti durante gli episodi di fibrillazione atriale. Tuttavia, il tempestivo riconoscimento e trattamento della fibrillazione atriale e delle condizioni correlate possono aiutare a mitigare il rischio”, ha aggiunto.

Trattamento per la fibrillazione atriale può comportare la modifica di alcuni fattori di rischio e l’uso di farmaci o interventi chirurgici. I ricercatori del presente studio volevano capire in che modo la prestazione fisica e la forma fisica influivano sul rischio di fibrillazione atriale.

Limitazioni dello studio e ricerca continua

Lo studio presenta alcune limitazioni. Innanzitutto, non è possibile stabilire una relazione causale tra l’esercizio fisico e uno qualsiasi dei risultati sulla salute studiati. Sembra inoltre che la ricerca sia stata raccolta da un centro, il che potrebbe indicare la necessità di ulteriori ricerche in quest’area.

Il dottor Keith C. Ferdinand, Gerald S. Berenson Endowed Chair in Cardiologia Preventiva e Professore di Medicina presso il Dipartimento di Medicina John W. Deming presso la Tulane University School of Medicine, che non è stato coinvolto nello studio, ha dichiarato:

“Essendo uno studio retrospettivo monocentrico, questo rappresenta un limite rispetto all’approccio prospettico multicentrico, che ridurrebbe al minimo i bias. Poiché i soggetti avevano qualche sospetto di un problema CV di fondo, il test da sforzo su tapis roulant è stato notato come eseguito per ragioni cliniche. Ciò suggerisce che altri fattori, al di fuori della semplice attività e della forma fisica, potrebbero essere considerazioni importanti”.

“Sebbene una prestazione fisica più elevata fosse collegata a una prestazione inferiore [AFib] e una minore incidenza di ictus ischemico e MACE, ci sono alcuni potenziali fattori di confondimento in quanto caratteristiche demografiche di base che meritano ulteriori studi”, ha aggiunto il dottor Ferdinand.

Nonostante queste limitazioni, i risultati dello studio sembrano sottolineare l’importanza dell’attività fisica nel ridurre il rischio di problemi cardiaci.

“Questo studio, insieme a studi precedenti, evidenzia l’importanza della forma fisica per i nostri pazienti che hanno o che sono a rischio di sviluppare malattie cardiovascolari come la fibrillazione atriale. Dobbiamo imparare come aiutare al meglio i pazienti a comprendere l’importanza dell’esercizio fisico e a incorporarlo nella loro vita quotidiana. Sono poi necessari studi interventistici per dimostrare il modo migliore per raggiungere questo obiettivo”.
— Dottor Anil K. Gehi