La vita imita l'arte mentre il gruppo russo attira capolavori di simulazione

0
120

MOSCA – Un gruppo di Facebook in lingua russa iniziato come un giocoso tentativo da parte di un gruppo di amici di superare il blocco del coronavirus ricreando capolavori d'arte utilizzando oggetti di uso quotidiano è diventato un successo globale inaspettato.

Il progetto – Izoizolyacia – è stato lanciato alla fine di marzo, poco dopo che il presidente Vladimir Putin ha ordinato alla Russia di adottare misure di blocco per cercare di fermare la diffusione del nuovo coronavirus.

Nel giro di un giorno aveva raccolto 2.500 membri. Ora ne ha oltre 600.000, con persone in tutto il mondo che inviano le loro versioni di capolavori famosi usando di tutto, dalle verdure ai vecchi vestiti.

"È figlio della situazione di quarantena di oggi, perché nulla di tutto ciò sarebbe accaduto senza di essa", ha affermato la co-fondatrice Katerina Brudnaya-Chelyadinova, che non ha mai pensato che l'idea sarebbe diventata così popolare.

"È un bel contenuto, è facile da produrre, è pieno di umorismo e aiuta a distrarti quando guardi quei lavori", ha detto.

Alcune delle creazioni del gruppo includono versioni di autoritratti di Henri Matisse e Vincent Van Gogh, "The Scream" di Edvard Munch realizzato con pantofole e vestiti e la tela "Black Square" di Kazimir Malevich composta da calze appese a un portasciugamani.

I co-fondatori del gruppo affermano che la moderazione è diventata un'occupazione a tempo pieno, mentre centinaia di nuove opere d'arte si riversano quotidianamente da tutto il mondo.

I partecipanti vestono se stessi e i loro familiari con costumi elaborati – o versano strati – per riprodurre ritratti del passato, nonché scene di arte moderna e film, a volte con una precisione sorprendente.

"Mio marito si è immerso nel ruolo di una principessa svedese così profondamente che non poteva lasciarlo alle spalle per un po '", ha detto Maria Kigel, un'altra fondatrice, che ha fotografato suo marito nelle vesti di Ulrika Eleonora, una regina del 18 ° secolo di Svezia, per il progetto.