La tregua a Gaza sembra destinata ad estendersi man mano che Israele riceverà una nuova lista di prigionieri

0
41

La tregua nella guerra tra Israele e Hamas sembrava estendersi al quinto giorno, mentre le due parti completavano il quarto rilascio di prigionieri da Gaza in cambio di palestinesi detenuti nelle carceri israeliane in base ad un accordo originale di tregua di quattro giorni, mentre i mediatori affermavano che il processo si sarebbe concluso. Continua.

Il Qatar, che insieme all’Egitto ha facilitato i colloqui indiretti tra Israele e Hamas, ha affermato che è stato raggiunto un accordo per estendere di due giorni la tregua originaria di quattro giorni che sarebbe scaduta lunedì.

“Abbiamo una proroga… altri due giorni”, ha detto ai giornalisti l’ambasciatore del Qatar alle Nazioni Unite Alya Ahmed Saif Al-Thani dopo una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite lunedì, affermando che entrambe le parti avrebbero rilasciato più persone.

“Questo è un passo molto positivo”, ha detto Al-Thani.

Mentre il governo israeliano doveva ancora confermare ufficialmente la proroga della tregua martedì mattina presto, la Radio dell’Esercito israeliano, citando l’ufficio del primo ministro, ha riferito che è stato ricevuto un nuovo elenco di prigionieri, che dovrebbero essere rilasciati più tardi nella giornata. .

Israele ha detto che estenderà il cessate il fuoco di un giorno per ogni 10 prigionieri aggiuntivi rilasciati da Hamas.

Il sito di notizie locali Axios ha riferito che l’ultimo elenco conteneva i nomi di 10 prigionieri israeliani. Non c’è stato alcun commento immediato dall’ufficio del primo ministro israeliano.

Lunedì Israele ha dichiarato che 11 israeliani sono stati rimpatriati nel paese dalla Striscia di Gaza, portando a 69 il numero totale di prigionieri israeliani e stranieri rilasciati da Hamas da venerdì in base alla tregua.

Il Servizio penitenziario israeliano ha affermato che 33 prigionieri palestinesi sono stati rilasciati lunedì anche dalla prigione israeliana di Ofer in Cisgiordania e da un centro di detenzione a Gerusalemme, portando a 150 il numero totale di palestinesi liberati da venerdì.

I prigionieri palestinesi liberati sono stati accolti da forti applausi mentre l’autobus della Croce Rossa su cui viaggiavano si faceva strada per le strade di Ramallah, nella Cisgiordania occupata.

L’accordo di tregua originale consentiva anche l’arrivo di più camion di aiuti a Gaza, dove la popolazione civile deve far fronte a carenza di cibo, carburante, acqua potabile e medicine.

Pur descrivendo la proroga della tregua come “uno scorcio di speranza e di umanità”, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che altri due giorni non sono sufficienti per soddisfare i bisogni di aiuti di Gaza.

Lunedì l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (UNOCHA) ha affermato in un rapporto che la pausa di quattro giorni nelle ostilità ha consentito ai gruppi umanitari, in particolare agli operatori della Mezzaluna Rossa, di fornire assistenza alle persone in disperato bisogno in tutta Gaza, dove 1,8 milioni di persone vivono in condizioni disperate. le persone sono sfollate interne.

I palestinesi camminano tra le macerie, mentre ispezionano le case distrutte dagli attacchi israeliani durante il conflitto, nel mezzo della tregua temporanea tra Hamas e Israele, nel campo profughi di Khan Younis, nella striscia di Gaza meridionale, il 27 novembre 2023. REUTERS/Mohammed Salem
Palestinesi camminano tra le macerie delle case distrutte dagli attacchi israeliani nel campo profughi di Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza, il 27 novembre 2023 [Mohammed Salem/Reuters]

Più di 14.800 persone sono state uccise a Gaza – tra cui circa 10.000 donne e bambini – da quando Israele ha lanciato i suoi attacchi contro l’enclave palestinese in seguito al raid di Hamas del 7 ottobre nel sud di Israele, che ha ucciso circa 1.200 persone.

L’intenso bombardamento israeliano della densamente popolata Striscia di Gaza ha inoltre provocato la distruzione di 46.000 case e il danneggiamento di oltre 234.000 – circa il 60% dell’intero patrimonio abitativo di Gaza, secondo quanto affermato nel rapporto delle Nazioni Unite.

Nonostante l’apparente estensione della tregua per altri due giorni, Israele resta impegnato a schiacciare militarmente Hamas e ha avvertito che la sua guerra contro Gaza riprenderà.

La ripresa probabilmente vedrà le forze israeliane espandere la loro offensiva aerea, terrestre e marittima dalla devastata zona settentrionale di Gaza al sud dell’enclave dove centinaia di migliaia di palestinesi sono fuggiti in cerca di rifugio.