Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi La risposta di Tinder di questo sopravvissuto al cancro è diventata virale....

La risposta di Tinder di questo sopravvissuto al cancro è diventata virale. Ma c'è di più nella sua storia

0
60

“Sai una cosa, Jared? La risposta alla tua domanda è no. Non ho alcuna "t * ts". "

È risaputo che gli appuntamenti online possono far emergere comportamenti terribilmente scadenti: persone in relazioni che fingono di essere single, truffatori in cerca di denaro, il tuo fantasma fantasmagorico di varietà da giardino.

A luglio, la sopravvissuta 26enne di cancro al seno Krista Dunzy ha incontrato mancanza di rispetto e misoginia da un potenziale "match" nelle sue prime parole.

Un tizio di nome Jared decise che la sua linea di partenza per Dunzy sarebbe stata: "Hai grandi cose?"

Dunzy, che ha avuto una doppia mastectomia come parte del suo trattamento per il cancro l'anno scorso, ha deciso di non lasciarla andare senza mettere Jared dritto e tentando di creare un momento insegnabile.

"Sai una cosa, Jared?" Rispose lei. "La risposta alla tua domanda è no. Non ho affatto "tette". Ha rivelato la sua storia di cancro e ha spiegato i suoi trattamenti: 16 cicli di chemioterapia e un ciclo di radioterapia di un mese, oltre all'intervento chirurgico.

attraverso @KristaDunzy su Twitter.

"In questo momento ho degli espansori tissutali nel mio petto", ha detto, riguardo alla sua ricostruzione postmastectomia in corso, "che verranno scambiati con impianti lungo la strada. Hai idea di come sia stato per me leggere quel messaggio? "

"Per favore, pensa alle cose prima di dirle", lo esortò. "Spero che se hai una figlia, non riceverà mai messaggi come questi."

Sfortunatamente, Jared ha deciso di ignorare le lezioni offerte e invece di raddoppiare.

Ha definito Dunzy "un idiota" e "pazzo", sostenendo di non aver letto il suo messaggio, consigliandole di "smettere di comportarsi come una femminista" e aggiungendo "Faccio le mie regole" – qualcosa che, d'altra parte, chiaramente non voleva che Dunzy rivendicasse il suo diritto di fare.

A questo punto, Dunzy ne aveva avuto abbastanza. Cattura lo scambio di un post pubblico su Facebook, incoraggiando gli altri a condividerlo e creando l'hashtag #dontdatejared.

Il suo post è diventato virale ed è stato condiviso oltre 2.000 volte.

"Alcune persone mi hanno detto:" È Tinder. Che cosa ti aspettavi? '", Ricorda Dunzy. “La risposta è, mi aspetto una decenza comune. Non dovresti chiederlo a nessuno. Dovremmo tutti trattare le persone meglio di così. "

Aggiunge che se Jared avesse offerto il suo "saluto" iniziale ma poi si fosse ritirato dopo la sua risposta, anche lei avrebbe lasciato riposare la questione.

"Onestamente, non è stata nemmeno la sua linea di apertura a farmi desiderare di farlo", afferma. “Sono state le sue risposte a ciò che gli ho detto. Avrebbe potuto lasciar perdere tutto dopo che avessi risposto, ma si è rifiutato di farlo. "

Rincontrando Dunzy per discutere del suo tempo sotto i riflettori virali, abbiamo scoperto una giovane donna saggia oltre i suoi anni, con la profondità che questo "episodio di Jared" poteva solo accennare.

Dunzy è nativo americano – un membro della nazione Muscogee Creek, in Oklahoma. Lavora presso la sede della Tribe a Okmulgee, in Oklahoma, come receptionist nel suo programma di prevenzione della violenza familiare. Il programma assiste sia i nativi che i non nativi in ​​situazioni di violenza domestica, abusi su minori e aggressioni sessuali.

"Io stesso ho subito violenza domestica e violenza sessuale", afferma Dunzy, "quindi lavorare qui è tanto più importante per me. Attraverso il mio lavoro, ho imparato che l'84,3% delle donne native vive violenze contro di loro durante la loro vita. . . questa è una situazione che dobbiamo assolutamente cambiare ”.

Sebbene sia risultata negativa per le mutazioni genetiche note che aumentano il rischio di cancro al seno, Dunzy ha una storia familiare della malattia. Sua madre è stata sottoposta a trattamento per il cancro al seno diversi anni fa e un cugino è morto a causa della malattia.

"È deceduta un anno e un giorno prima che mi venisse diagnosticata", afferma Dunzy.

La diagnosi di sua madre ha spinto Dunzy a fare cambiamenti critici nella sua vita. Aveva vissuto con un partner per un anno e mezzo quando sua madre aveva ricevuto la notizia, ma la relazione era stata violenta.

"Mia madre è stata diagnosticata e nel giro di una settimana o due mi ero trasferita", ricorda Dunzy. “Mi sono reso conto che dovevo a mia madre. Avevo bisogno di difendermi, come mi aveva insegnato. "

Data la sua storia familiare, i medici di Dunzy le consigliarono di fare regolari esami del seno. Uno di questi ha portato alla scoperta del cancro nel seno destro.

"Una notte ero a letto e sentivo che dovevo farlo, dovevo controllare", dice. "E ho trovato il nodulo."

All'epoca aveva solo 25 anni e, comprensibilmente, non pensò immediatamente di avere un cancro.

"Ho aspettato settimane per fare qualcosa al riguardo", afferma. “Stavo razionalizzando, sapendo che potrebbero essere altre cose. Ma poi l'ho detto a mia madre, e lei mi ha detto chiaramente – praticamente mi ha ordinato – di non aspettare di farlo controllare. "

Una volta che Dunzy ha messo le ruote in moto, le cose si sono mosse rapidamente: sono trascorsi solo 5 giorni tra il suo appuntamento con il suo medico di famiglia in merito al nodulo e la sua diagnosi di cancro al seno, a marzo 2018.

Dopodiché, però, Dunzy e i suoi dottori cercarono i dettagli diagnostici un po 'di tempo di attesa.

"La parte peggiore non era conoscere la mia patologia e il mio palcoscenico", ricorda. "Ho aspettato una settimana prima di sentirlo."

Dopo ulteriori scansioni e test, i medici le hanno detto che il cancro era in fase 2 e positivo per i recettori degli estrogeni ("alimentato" dagli estrogeni, che avrebbe influenzato le raccomandazioni terapeutiche che Dunzy avrebbe ricevuto).

Dopo aver iniziato la chemioterapia, Dunzy ha scoperto che i suoi pensieri viaggiavano spesso verso la sua amata cugina, la cui vita era stata interrotta dal cancro al seno.

"Mi sono sentito molto legato a lei, più vicino a lei", ricorda. “Ho pensato a quello che aveva passato. Fu in un certo senso un momento molto profondo e spirituale. Le cose superficiali sono scomparse. Mi sono visto al minimo indispensabile, con così tanto spogliato – niente capelli, niente ciglia o sopracciglia.

"E poi sono stato in grado di dire a me stesso:" Alzati dritto – sei ancora tu dentro "."

Come spesso accade in una crisi di salute, alcune delle amicizie di Dunzy sono state rafforzate di fronte alla sua prova, mentre altre sono andate via.

"Il cancro mi ha portato molta auto-riflessione", dice, "e la prospettiva è acquisita dall'esperienza. Alcune persone erano fantastiche ad ogni passo. Altri non sono stati davvero in grado di affrontarlo. "

Indipendentemente dal modo in cui qualcun altro ha risposto, la relazione di Dunzy con se stessa è stata notevolmente rafforzata dalla sua esperienza. "Mi conosco meglio di quanto alcune persone possano conoscere se stessi a qualsiasi età", afferma.

Per quanto riguarda il futuro, gli obiettivi di Dunzy sono per se stessa e la sua comunità.

Ha preso una pausa nella sua istruzione formale dopo il liceo, ma vorrebbe continuare con essa. "Voglio tornare a scuola e continuare a lavorare per la mia tribù", dice. “Voglio aiutare altre donne. Voglio usare la mia conoscenza ed empatia per aiutare gli altri. "

Anche per quanto riguarda gli appuntamenti, sta guardando avanti, ma non potrà mai più scendere a compromessi per una relazione.

E per Dunzy, ciò significa non solo resistere ai "Jareds" del mondo, ma provenire da un luogo di auto-amore, indipendentemente da come gli altri la ricevono.

"Il mio obiettivo è quello di essere inapologeticamente me", dice. "In fondo, sarei felice di sposare qualcuno che è il mio migliore amico e avere una famiglia. Ma prima voglio capire di più. "

Quando i traumi che ha sperimentato minacciano di oscurare il suo presente e il suo futuro, Dunzy cerca di affrontarli frontalmente.

"Sono timido riguardo agli appuntamenti, a causa delle esperienze del mio passato", afferma. "Ma trovo anche gioia e bellezza in tutto, in parte a causa di tutte le mie esperienze."

E dopo tutto quello che ha sopportato, la sua resilienza traspare.

"Ho rispetto per me stesso", aggiunge, "anche (quando) qualcun altro non lo fa".


Pamela Rafalow Grossman vive e scrive a Brooklyn, New York. Il suo lavoro è stato pubblicato su “Village Voice”, Salon.com, la rivista “Ms.”, Time.com, Self.com e altri punti vendita. È sopravvissuta per 11 anni al carcinoma mammario ed è attiva in organizzazioni di difesa dei pazienti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here