La furia cresce dopo la morte nel quartiere musulmano indiano

0
69

MEERUT, India – Zaheer Ahmed era appena tornato a casa dal lavoro nell'India settentrionale venerdì scorso pomeriggio ed è uscito per fumare prima di pranzo.

FOTO FILE: Munshi Ahmed, padre di Zaheer Ahmed, morto durante gli scontri con la polizia a seguito delle proteste contro una nuova legge sulla cittadinanza, siede nella casa di Meerut, nello stato settentrionale dell'Uttar Pradesh, in India, il 24 dicembre 2019. REUTERS / Adnan Abidi

Pochi minuti dopo, era morto, colpito alla testa.

La sua morte, e l'uccisione di spari di altri quattro uomini musulmani lo stesso pomeriggio nel quartiere prevalentemente musulmano, lo hanno reso il più intenso scoppio di violenza in due settimane di proteste.

L'India è stata sconvolta dai più grandi disordini in almeno sette anni dopo che il governo nazionalista indù del Primo Ministro Narendra Modi ha introdotto una legge che molti considerano discriminatoria nei confronti dei musulmani, che costituiscono il 14 percento della popolazione.

Tutte le famiglie dei cinque morti affermano di essere state colpite e uccise dalla polizia mentre una protesta divampava contro la nuova legge. Reuters non ha potuto verificare autonomamente tali account e nessuna delle oltre 20 persone intervistate ha visto la polizia aprire il fuoco.

La polizia afferma di aver usato cariche di manganello e gas lacrimogeni e ha aperto il fuoco per controllare la folla, ma non ha ucciso nessuno.

La polizia aggiunge che gli uomini devono essere stati uccisi da violenti manifestanti armati i cui colpi sono andati fuori strada. È in corso un'indagine sulla violenza.

In seguito, la sfiducia e la rabbia tra la comunità musulmana nell'area in cui sono avvenute le morti e le forze di sicurezza si sono approfondite, mentre le proteste contro la legge entrano nella loro terza settimana.

Gli scontri del 20 dicembre sono scoppiati attorno alla Porta di Lisari dopo le preghiere musulmane di venerdì pomeriggio.

I residenti dicono che la polizia ha rotto diverse telecamere a circuito chiuso nell'area prima che iniziasse la violenza.

Reuters non è stato in grado di verificare in modo indipendente tali account, ma ha esaminato i filmati CCTV da due telecamere nei negozi della zona. In entrambi i casi, il filmato termina bruscamente dopo che un poliziotto che agita un manganello viene visto mentre cerca di colpire le telecamere.

Akhilesh Singh, sovrintendente della polizia della zona della città di Meerut, ha affermato che la polizia non ha distrutto nessuna telecamera e che tutte le vittime sono state coinvolte in quello che ha definito rivolta.

“Ovviamente devono essere nel mezzo della violenza. Ecco perché devono essere stati uccisi ", ha detto Singh a Reuters.

La polizia ha represso le manifestazioni che si sono diffuse in tutta l'India, ma lo stato dell'Uttar Pradesh, dove si trova Meerut, ha visto la violenza più grave. Almeno 19 dei 25 decessi hanno avuto luogo lì.

L'Uttar Pradesh, lo stato più popoloso dell'India con circa 200 milioni di persone, è governato da un sacerdote indù e ha una storia di mortali scontri tra indù e musulmani.

Il primo ministro Yogi Adityanath ha dichiarato in una dichiarazione televisiva la scorsa settimana che si sarebbe vendicato contro coloro che stavano dietro la violenza e li avrebbe fatti pagare per il danno pubblico.

COME ZAHEER È MORTO

La casa di Zaheer Ahmed si trova in un miscuglio di vicoli che compongono l'area affollata della Porta di Lisari. Il 45enne, che vendeva foraggio per il bestiame per vivere, quel giorno si era tinto i capelli per un matrimonio di famiglia, ha detto la nipote Shaheen di 22 anni.

Quando Zaheer tornò dal lavoro, disse a Shaheen che voleva fumare e uscì per andare in una piccola stalla nella corsia successiva che vendeva beedis, la piccola sigaretta indiana.

L'amico di Zaheer, Naseem Ahmed, era in piedi nella corsia attraverso la bancarella dei beedi in quel momento, ha detto Naseem. Descrisse di aver visto Zaheer comprare il beedi e sedersi su una sporgenza accanto al negozio.

Intorno a quel tempo, c'era caos sulla strada principale oltre le corsie, hanno detto Shaheen e molti altri residenti. Dissero di poter sentire il suono della gente urlare e di vedere le nuvole di gas lacrimogeni. Molti uomini corsero nelle corsie, alcuni seguiti dalla polizia.

"Improvvisamente ho visto Zaheer cadere", ha detto Naseem, aggiungendo che aveva visto alcuni poliziotti correre nella corsia poco prima. “Pensavo che fosse incosciente. È successo tutto in pochi minuti. "

Attraverso le nuvole di lacrimogeni, Shaheen ha detto di aver sentito qualcuno urlare che Zaheer era stato colpito.

I vicini hanno portato il suo corpo a casa.

"Non so chi sia stato coinvolto nella violenza, ma mio marito no", ha detto sua moglie Shahajahan. “Perché hanno ucciso il mio marito innocente? Come possono uccidere persone innocenti? "

Le famiglie degli altri quattro uomini che morirono quel giorno dissero che gli uomini erano o in cerca di lavoro o di preghiere quando furono colpiti da spari. Nessuno di loro ha ricevuto segnalazioni post mortem.

Secondo le loro famiglie, Mohammed Mohsin stava acquistando foraggio per il bestiame. Asif, un meccanico di pneumatici, era uscito per riparare le gomme a casa di qualcuno. Un altro uomo chiamato Asif, un autista di risciò, stava tornando a casa dopo le preghiere. Aleem Ansari era andato al ristorante dove lavorava facendo il rotis, il pane indiano.

Molte persone nell'area impoverita usano un solo nome.

"FORZA LETALE"

Migliaia di persone sono scese in piazza in tutta l'India per chiedere al governo di revocare la legge sulla modifica della cittadinanza emanata dal parlamento l'11 dicembre.

Dà alle minoranze che sono emigrate da tre paesi vicini un percorso verso la cittadinanza, ad eccezione dei musulmani. I critici affermano che si tratta di un attacco alle basi secolari dell'India.

“È stato ucciso a colpi d'arma da fuoco dalla polizia. Gli hanno sparato alla testa e l'hanno ucciso ", ha detto la madre di Ansari Saira. "Lo giuro se trovo quel poliziotto non lo risparmierò."

Reuters ha esaminato una copia di un caso clinico sulla violenza quel giorno che la polizia ha registrato presso la stazione di polizia di Porta Lisari.

Il rapporto del 20 dicembre include una dichiarazione di un ufficiale di polizia secondo cui una folla di circa 1.000 manifestanti armati di bastoni caricati lungo la strada principale verso le 14:30.

La polizia ha chiesto loro di disperdersi, dicendo che il grande raduno non era permesso, secondo il rapporto della polizia. L'ufficiale che lo ha presentato, Ajay Kumar Sharma, non ha risposto immediatamente alle richieste di commento.

"Improvvisamente c'è stato il caos quando la folla ha iniziato a lanciarci pietre contro e sparandoci", dice il rapporto. In risposta, la polizia ha usato manganelli e sparato gas lacrimogeni e proiettili di gomma, dice la dichiarazione.

Singh, sovrintendente della polizia di Meerut, ha detto che la polizia e il personale paramilitare attorno alla Porta di Lisari quel giorno erano armati di fucili AK-47, pistole e bombe da peperoncino.

In un ospedale di Meerut, due poliziotti paramilitari in cura hanno riferito di essere rimasti feriti quando sono stati colpiti dai manifestanti venerdì scorso. Un medico ha dichiarato di essere stato curato per lesioni da proiettile alla gamba e all'avambraccio.

Alla domanda sui civili uccisi e uccisi, uno di loro, Vidya Dhar Shukla, si è seduto sul suo letto. "C'era così tanto caos, chissà dove sono morti i dannati?"

"Se avessi una pistola sparerei contro di loro quel giorno", ha detto. "L'India non dovrebbe ospitare simili serpenti".

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here