La Corte suprema della Guinea-Bissau chiede chiarimenti sul risultato del voto presidenziale

0
82

FOTO FILE: Umaro Cissoko Embalo chatta con sostenitori e membri della sua squadra della campagna presidenziale dopo i risultati del primo turno delle elezioni, tenutosi il 24 novembre, nella hall di un hotel a Bissau, Guinea-Bissau, il 27 novembre 2019. REUTERS / Christophe Van Der Perre

BISSAU – Il risultato delle elezioni presidenziali della Guinea-Bissau è stato messo in dubbio venerdì dopo che la Corte Suprema ha chiesto un chiarimento delle ore di conteggio dopo che la commissione elettorale ha pubblicato i risultati finali.

L'ex primo ministro ed ex generale dell'esercito Umaro Cissoko Embalo è stato salutato come il vincitore del voto di deflusso del mese scorso. Ma Domingos Simoes Pereira, candidato al secondo posto e al potere, ha contestato i risultati dicendo che l'elezione è stata segnata da una frode.

In una sentenza sostenuta da cinque giudici su otto, la Corte Suprema ha invitato la commissione elettorale nazionale a chiarire le procedure di tabulazione utilizzate per il voto "per garantire la libertà e l'equità dell'esercizio della volontà elettorale".

La commissione non ha risposto immediatamente alla decisione del tribunale. Venerdì scorso ha pubblicato i risultati finali, confermando la vittoria di Embalo con il 54% dei voti espressi contro il 46% di Pereira.

L'incertezza sull'esito delle elezioni estenderebbe le turbolenze politiche protratte nel paese dell'Africa occidentale incline al colpo di stato di 1,6 milioni di persone che hanno ostacolato lo sviluppo economico e reso stanchi gli elettori della classe dominante.

Un rappresentante del partito MADEM-15 di Embalo ha respinto la sentenza del tribunale affermando che la pubblicazione dei risultati finali ha reso irreversibile la sua vittoria.