La Cina denuncia il discorso della festa nazionale del presidente di Taiwan Tsai

0
13

Le critiche di Pechino arrivano dopo che il presidente di Taiwan ha affermato che il territorio dell’isola non si piegherà alle pressioni cinesi.

Il presidente cinese Xi Jinping ha affermato che la “riunificazione” tra Cina e Taiwan deve essere realizzata [Photo by Lintao Zhang/Getty Images]

La Cina ha denunciato il discorso della festa nazionale di Taiwan, durante il quale il presidente Tsai Ing-wen ha affermato che il suo governo non si piegherà alle pressioni di Pechino e continuerà a rafforzare le difese dell’isola per proteggere il suo stile di vita democratico.

L’ufficio cinese per gli affari di Taiwan ha dichiarato domenica che il discorso di Tsai ha incitato al confronto e ha distorto i fatti, aggiungendo che la ricerca dell’indipendenza di Taiwan chiude la porta al dialogo. Pechino considera Taiwan una provincia separatista.

Le forti parole di Tsai di domenica sono arrivate il giorno dopo che il presidente cinese Xi Jinping ha promesso ancora una volta di realizzare una “riunione pacifica” con il territorio autogovernato.

“Nessuno dovrebbe sottovalutare la forte determinazione, volontà e capacità del popolo cinese di salvaguardare la sovranità nazionale e l’integrità territoriale”, aveva affermato Xi.

Parlando all’inizio di domenica, Tsai ha affermato che Taiwan continuerà a rafforzare le sue difese per garantire che nessuno possa costringere l’isola ad accettare il percorso tracciato dalla Cina, che non offre né libertà né democrazia, e ha ripetuto un invito a colloqui con Pechino.

Crescente pressione militare

Taiwan è stata sottoposta a crescenti pressioni militari e politiche per accettare il dominio di Pechino, comprese le ripetute incursioni dell’aviazione cinese nella zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan.

Parlando nel centro di Taipei alle celebrazioni della festa nazionale dell’isola, che includevano una rara dimostrazione delle capacità di difesa di Taiwan, Tsai ha affermato che il suo governo non “agirà avventatamente” ma “non ci dovrebbero assolutamente essere illusioni che il popolo taiwanese si piegherà alle pressioni”.

Il discorso è stato seguito dalla sfilata di una serie di armi, tra cui lanciamissili e veicoli corazzati, mentre aerei da combattimento ed elicotteri si sono alzati in volo.

Lo spettacolo di potenza aerea è stato seguito da un gruppo di carri armati CM32 e camion che trasportano sistemi missilistici.

Conosciuta formalmente come Repubblica di Cina (ROC), Taiwan è un’isola governata democraticamente che si trova a circa 161 km (100 miglia) al largo della costa della Cina continentale.

La Cina rivendica Taiwan come parte del suo territorio nazionale, sebbene l’isola sia stata autogovernata da quando si è separata dalla terraferma governata dai comunisti nel 1949 dopo una lunga guerra civile.

La presidente Tsai, 65 anni, è considerata da Pechino una separatista per il suo rifiuto di riconoscere che Taiwan fa parte di “una Cina”.

Rob McBride di Al Jazeera, riportando da Hong Kong, ha descritto il discorso di Tsai come “ribelle” e ha affermato che riflette “l’opinione prevalente a Taiwan al momento, dove la maggior parte delle persone è ugualmente resistente all’aumento della pressione dalla Cina continentale”.

“La riunificazione con Taiwan è stata l’obiettivo dei presidenti cinesi sin dalla formazione della Repubblica popolare cinese e Xi è determinato a raggiungere questo obiettivo sotto la sua guida”, ha affermato McBride.

Pechino si è impegnata a portare l’isola sotto il suo controllo con la forza militare, se necessario.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here