La Bolivia annuncia l'ingresso nel gruppo di Lima per risolvere la crisi venezuelana

0
59

FOTO FILE: il Ministro degli Esteri brasiliano Ernesto Araujo viene visto dopo un incontro del Gruppo Lima a Brasilia, Brasile, 8 novembre 2019. REUTERS / Adriano Machado / File Photo

La Paz – La Bolivia domenica ha annunciato il suo ingresso nel blocco regionale del Gruppo Lima, istituito per trovare una via d'uscita dalla crisi venezuelana.

Il ministero degli Esteri boliviano ha affermato in una dichiarazione che spera di "contribuire a una soluzione pacifica, democratica e costituzionale alla crisi in Venezuela, che deve essere guidata dal popolo venezuelano".

Il gruppo Lima è stato fondato nel 2017 da paesi tra cui Perù, Argentina, Brasile, Messico, Panama, Paraguay, Santa Lucia, Canada, Colombia, Honduras, Costa Rica e Guatemala, con il sostegno di Stati Uniti, Organizzazione degli Stati americani e l'Unione Europea.

Ha chiesto il rilascio di prigionieri politici, lo svolgimento di libere elezioni e l'ingresso di aiuti umanitari nel paese colpito.

L'ex presidente di sinistra della Bolivia, Evo Morales, aveva tenuto il suo paese fuori dal blocco. Morales è un alleato di lunga data del presidente socialista venezuelano Nicolas Maduro.

Morales si è dimesso dall'incarico ed è fuggito dalla Bolivia a novembre a causa delle pressioni delle forze armate del paese dopo che un audit internazionale ha rilevato irregolarità significative in un'elezione che gli aveva conferito un nuovo mandato.

È andato prima in Messico e poi in Argentina, dove il nuovo governo peronista di Alberto Fernandez ha indicato che gli darà asilo politico.

La Bolivia è attualmente governata da Jeanine Añez, ex senatrice e avversaria di Morales. Añez è intervenuto come presidente ad interim dopo le dimissioni di Morales.

Non vi è stato alcun commento immediato da parte di altri membri del Gruppo Lima o Morales.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here