Kim della Corea del Nord tiene una riunione militare mentre la tensione sale sotto una scadenza incombente

0
58

(Questa storia del 21 dicembre è stata rettificata per correggere l'errore tipografico nel titolo)

Il leader nordcoreano Kim Jong Un parla durante il terzo incontro allargato della Settima Commissione militare centrale (CMC) del Partito dei lavoratori della Corea (WPK) in questa foto non datata pubblicata il 22 dicembre 2019 dalla Korea Central News Agency (KCNA) della Corea del Nord ). KCNA tramite REUTERS

SEOUL – Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha tenuto una riunione dei massimi funzionari militari per discutere di potenziare le capacità militari del Paese, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa statale domenica, nonostante l'accresciuto timore che il Nord possa tornare al confronto con Washington.

Kim ha presieduto una riunione allargata della Commissione militare centrale del Partito dei lavoratori al potere, ha detto l'agenzia di stampa KCNA, per discutere i passi "per rafforzare le forze armate complessive del paese … militarmente e politicamente".

"Sono stati discussi anche temi importanti per il decisivo miglioramento della difesa nazionale complessiva e questioni fondamentali per lo sviluppo sostenuto e accelerato della capacità militare di autodifesa", ha affermato KCNA.

Non ha fornito dettagli su quando si è svolta la riunione né su ciò che è stato deciso.

La commissione è il principale organo decisionale militare della Corea del Nord. Kim governa il paese come suo supremo comandante militare ed è il presidente della commissione.

La Corea del Nord ha fissato una scadenza di fine anno per gli Stati Uniti affinché cambino quella che si dice sia una politica di ostilità in una situazione di stallo negli sforzi per fare progressi nel loro impegno di porre fine al programma nucleare del Nord e stabilire una pace duratura.

Kim e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si sono incontrati tre volte da giugno 2018, ma non ci sono stati progressi sostanziali nel dialogo mentre il Nord ha richiesto che le schiaccianti sanzioni internazionali fossero revocate per prime.

Sabato, i media statali hanno affermato che gli Stati Uniti "pagheranno caro" per aver contestato la situazione dei diritti umani nel Nord e che le "parole maligne" di Washington non farebbero altro che aggravare le tensioni sulla penisola coreana.

La Corea del Nord ha inoltre ripetutamente chiesto agli Stati Uniti di abbandonare la sua "politica ostile" e ha messo in guardia sul suo "regalo di Natale", poiché la scadenza di fine anno fissata a Washington per cambiare la sua posizione incombe.

Alcuni esperti sostengono che lo stato solitario potrebbe prepararsi per un test intercontinentale di missili balistici che potrebbe rimetterlo su un percorso di confronto con gli Stati Uniti.

L'inviato americano per la Corea del Nord, Stephen Biegun, ha visitato la Corea del Sud e la Cina la scorsa settimana, lanciando un appello pubblico e diretto alla Corea del Nord per tornare al tavolo dei negoziati, ma non vi è stata alcuna risposta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here