Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi In Vivo vs. In Vitro: cosa significa tutto?

In Vivo vs. In Vitro: cosa significa tutto?

0
66

Potresti aver incontrato i termini "in vitro" e "in vivo" durante la lettura di studi scientifici. O forse hai familiarità con loro sentendo parlare di procedure come la fecondazione in vitro.

Ma cosa significano realmente questi termini? Continua a leggere mentre analizziamo le differenze tra questi termini, forniamo alcuni esempi di vita reale e discutiamo dei loro pro e contro.

definizioni

Di seguito, esploreremo alcune definizioni in modo più dettagliato e discuteremo del significato di ciascun termine in vari contesti.

In vivo

In vivo è il latino "all'interno dei vivi". Si riferisce al lavoro svolto in un intero organismo vivente.

In vitro

In vitro è latino per "dentro il bicchiere". Quando qualcosa viene eseguito in vitro, accade al di fuori di un organismo vivente.

Sul posto

In situ significa "al suo posto originale". Si trova da qualche parte tra in vivo e in vitro. Qualcosa che viene eseguito in situ significa che è osservato nel suo contesto naturale, ma al di fuori di un organismo vivente.

Esempi di vita reale

Ora che abbiamo definito questi termini, esploriamo alcuni esempi reali di essi.

studi

I metodi in vitro, in vivo o in situ sono utilizzati negli studi scientifici. In alcuni casi, i ricercatori possono utilizzare più metodi per testare le loro ipotesi.

In vitro

I metodi in vitro usati in un laboratorio possono spesso includere cose come lo studio di cellule batteriche, animali o umane in coltura. Sebbene ciò possa fornire un ambiente controllato per un esperimento, si verifica al di fuori di un organismo vivente e i risultati devono essere considerati attentamente.

In vivo

Quando uno studio viene eseguito in vivo, può includere cose come l'esecuzione di esperimenti in un modello animale o in una sperimentazione clinica nel caso di esseri umani. In questo caso, il lavoro si svolge all'interno di un organismo vivente.

Sul posto

I metodi in situ possono essere usati per osservare le cose nel loro contesto naturale, ma al di fuori di un organismo vivente. Un buon esempio di ciò è una tecnica chiamata ibridazione in situ (ISH).

L'ISH può essere usato per cercare un acido nucleico specifico (DNA o RNA) all'interno di qualcosa come un campione di tessuto. Sonde specializzate sono utilizzate per legarsi a una specifica sequenza di acido nucleico che il ricercatore sta cercando di trovare.

Queste sonde sono etichettate con cose come la radioattività o la fluorescenza. Ciò consente al ricercatore di vedere dove si trova l'acido nucleico all'interno del campione di tessuto.

ISH consente al ricercatore di osservare dove si trova un acido nucleico nel suo contesto naturale, ma al di fuori di un organismo vivente.

Fecondazione

Probabilmente hai sentito parlare della fecondazione in vitro (FIV). ma cosa significa quello esattamente?

La fecondazione in vitro è un tipo di trattamento per l'infertilità. Nella fecondazione in vitro, una o più uova vengono rimosse da un'ovaia. L'uovo viene quindi fecondato in laboratorio e reimpiantato nell'utero.

Poiché la fecondazione avviene in un ambiente di laboratorio e non all'interno del corpo (in vivo), la procedura viene definita fecondazione in vitro.

Sensibilità agli antibiotici

Gli antibiotici sono farmaci che lavorano per trattare le infezioni batteriche. Lo fanno interrompendo la capacità dei batteri di crescere o prosperare.

Esistono molti tipi o classi di antibiotici e alcuni batteri sono più sensibili ad alcune classi rispetto ad altri. Inoltre, i batteri possono evolversi per resistere agli antibiotici.

Sebbene si verifichino infezioni batteriche sul o nel nostro corpo, i test di sensibilità agli antibiotici si verificano spesso all'interno di un ambiente di laboratorio (in vitro).

Fattori da considerare

Ora che abbiamo esaminato le definizioni ed esplorato alcuni esempi, ti starai chiedendo se ci sono vantaggi o svantaggi nell'utilizzare l'uno rispetto all'altro.

Ci sono alcuni fattori da considerare quando si confronta il lavoro in vitro e in vivo. Questi possono includere:

Contesto

Come promemoria, qualcosa che è in vivo è nel contesto di un organismo vivente mentre qualcosa che è in vitro non lo è.

I nostri corpi e i sistemi che li compongono sono molto complessi. Per questo motivo, la ricerca condotta in vitro potrebbe non replicare accuratamente le condizioni che si verificano all'interno del corpo. Pertanto, i risultati devono essere interpretati attentamente.

Un esempio di questo è la fecondazione in vitro contro in vivo.

In vivo, pochissimi spermatozoi effettivamente fertilizzano l'uovo. In effetti, la selezione di specifiche popolazioni di spermatozoi è mediata nella tuba di Falloppio. Durante la fecondazione in vitro, la selezione dello sperma può essere imitata solo parzialmente.

Tuttavia, la dinamica di selezione all'interno della tuba di Falloppio e le qualità delle popolazioni di spermatozoi selezionate in vivo sono un'area di studio più approfondito. I ricercatori sperano che i risultati informino meglio la selezione dello sperma per la fecondazione in vitro.

Correlazione

In alcuni casi, qualcosa che si osserva in vitro potrebbe non essere correlato a ciò che realmente accade in vivo. Usiamo i test di sensibilità agli antibiotici come esempio.

Come discusso in precedenza, i test di sensibilità agli antibiotici possono essere eseguiti utilizzando diversi metodi in vitro. Ma come si correlano questi metodi con ciò che accade realmente in vivo?

Un documento affronta questa domanda. I ricercatori hanno riscontrato alcune incoerenze nei risultati dei test in vitro rispetto ai risultati clinici effettivi.

In effetti, il 64 percento delle persone infette da batteri dichiarate resistenti all'antibiotico cefotaxime ha ritenuto di aver risposto positivamente al trattamento con l'antibiotico.

I cambiamenti

In alcuni casi, un organismo può adattarsi a un ambiente in vitro. Questo a sua volta può influenzare risultati o osservazioni. Un esempio di ciò è il modo in cui il virus dell'influenza cambia in risposta ai substrati di crescita del laboratorio.

L'influenza, o l'influenza, è un'infezione respiratoria causata dal virus dell'influenza. Nei laboratori di ricerca, il virus viene spesso coltivato nelle uova di gallina.

È stato osservato che gli isolati clinici del virus possono formare particelle lunghe e filamentose in natura. La crescita continua nelle uova a volte può, ma non sempre, cambiare la forma del virus da filamentosa a sferica.

Ma la forma virale non è l'unica cosa che può essere influenzata dall'adattamento alle uova. Cambiamenti adattativi all'uovo che si verificano nei ceppi di vaccino può avere un impatto efficacia del vaccino.

La linea di fondo

In vitro e in vivo sono due termini che potresti incontrare occasionalmente, in particolare durante la lettura di studi scientifici.

In vivo si riferisce a quando la ricerca o il lavoro viene svolto con o all'interno di un intero organismo vivente. Esempi possono includere studi su modelli animali o studi clinici sull'uomo.

In vitro viene utilizzato per descrivere il lavoro svolto al di fuori di un organismo vivente. Ciò può includere lo studio di cellule in coltura o metodi per testare la sensibilità agli antibiotici dei batteri.

I due termini sono essenzialmente opposti l'uno rispetto all'altro. Ma ricordi quale è quale? Un modo per farlo è notare che in vivo suona come parole che si riferiscono alla vita, come vivo, vitale o vivace.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here