In Tanzania, la vittoria del Premio Nobel a Gurnah suscita gioia e dibattito

0
16

Molti tanzaniani riconoscono il riconoscimento del lavoro di Abdulrazak Gurnah, ma altri si chiedono se possono rivendicare l’autore come proprio.

L’autore di Zanzibar Abdulrazak Gurnah posa per una chiamata fotografica prima di partecipare a una conferenza stampa, dopo aver ricevuto il Premio Nobel per la letteratura, a Londra l’8 ottobre 2021 [Tolga Akmen / AFP]

Dar es Salaam, Tanzania – L’assegnazione del Premio Nobel per la letteratura allo scrittore di Zanzibar Abdulrazak Gurnah ha suscitato celebrazioni e acceso un vivace dibattito sull’identità in Tanzania.

Molti nel paese riconoscono il riconoscimento del lavoro di Gurnah tra i pochi romanzieri africani che hanno vinto il prestigioso premio, ma altri si chiedono se i tanzaniani possano davvero rivendicare lo scrittore con sede in Inghilterra come proprio.

Gurnah, il cui corpus di opere comprende 10 romanzi, lasciò l’arcipelago di Zanzibar in Tanzania come rifugiato per il Regno Unito alla fine del 1967, tre anni dopo una rivoluzione che cercò di porre fine al dominio politico della minoranza araba sulla maggioranza africana. I mesi e gli anni successivi furono dominati da profonde divisioni, tensioni e vendette.

Raccontando la sua storia, Gurnah ha detto di essere riuscito a ottenere solo un visto turistico di un mese che gli ha permesso di recarsi in Gran Bretagna dove si è iscritto per studi di livello A in un college tecnico a Canterbury, nel sud-est dell’Inghilterra.

Nel suo annuncio di giovedì, l’Accademia svedese ha affermato che il 73enne è stato onorato “per la sua intransigente e compassionevole penetrazione degli effetti del colonialismo e del destino del rifugiato nel golfo tra culture e continenti”.

Sia i presidenti della Tanzania che la semi-autonoma Zanzibar sono stati rapidi nel salutare il successo di Gurnah.

“Il premio è un onore per te, la nostra nazione tanzaniana e l’Africa in generale”, ha twittato il presidente della Tanzania Samia Suluhu Hassan. Da parte sua, il leader di Zanzibar Hussein Ali Mwinyi ha affermato: “Riconosciamo con affetto i tuoi scritti incentrati su discorsi relativi al colonialismo. Tali punti di riferimento portano onore non solo a noi ma a tutta l’umanità”.

Nel frattempo Gurnah, in un’intervista all’agenzia di stampa AFP, ha sottolineato i suoi stretti legami con la Tanzania.

“Sì, la mia famiglia è ancora viva, la mia famiglia vive ancora lì”, ha detto il professore in pensione dell’Università del Kent. “Ci vado quando posso. Sono ancora connesso lì… Vengo da lì. Nella mia mente io vivo lì”.

Tornato in patria, il premio Gurnah ha scatenato lunghe e appassionate discussioni online su appartenenza e identità, suscitando – piuttosto inaspettatamente – dibattiti politicamente carichi sull’unione tra Zanzibar e la terraferma, il cui rapporto non è sempre stato roseo – anche se Zanzibar è semi-autonoma, con suo presidente e parlamento, continuano ad esserci aspirazioni per una maggiore indipendenza dal governo sindacale.

“Il dibattito sull’identità “tanzana” di Abdulrazak Gurnah dovrebbe essere un richiamo al risveglio e uno stimolo per il nostro governo a pensare a quanto segue: (i) Giustizia; (ii) doppia cittadinanza; (iii) questioni sindacali; (iv) un’istruzione e un insegnamento di qualità: come lavoriamo nella scrittura e nella letteratura?” ha twittato lo scienziato sociale Aikande Kwayu.

La doppia cittadinanza è stata una questione dibattuta a lungo, con sempre più tanzaniani, specialmente quelli della diaspora, che ne sostengono l’attuazione. I governi successivi si sono tenuti alla larga, citando spesso restrizioni costituzionali.

“Uno dei motivi per cui la Tanzania non può consentire la doppia cittadinanza è il timore che Abdulrazak Gurnah ei suoi nonni, fuggiti da Zanzibar per sfuggire alla persecuzione degli arabi durante la Rivoluzione di Zanzibar, tornassero e reclamassero i loro beni rubati. E stiamo celebrando spudoratamente la sua vittoria?” Erick Kabendera, un giornalista, ha scritto.

Ma altri credono che il suo lungo tempo trascorso all’estero non debba privarlo delle sue radici.

“Gurnah si identifica come tanzaniano di origine zanzibariana. Vivere in diaspora, essere stato esiliato o addirittura sentirsi dislocato dal suo paese non toglie la sua eredità e identità. Questo fa parte di quello che è”, ha detto Ida Hadjivayanis, docente di studi swahili presso la School of Oriental and African Studies di Londra.

“Ci sono così tante persone che vivono in diaspora con bambini di nazionalità straniera ma che si identificano come tanzaniani – e quindi quella è la patria”.

Gurnah ha forgiato una carriera di 35 anni acclamata dalla critica radicata nel colonialismo e nell’immigrazione dopo essere arrivata in Gran Bretagna come rifugiata. Il premio Nobel è nato nell’isola di Zanzibar nell’Oceano Indiano nel 1948 e ha iniziato a scrivere dopo essersi trasferito in Inghilterra come rifugiato, dove ora risiede [Tolga Akmen/AFP]

Lei stessa nativa di Zanzibar, Hadjivayanis si è detta elettrizzata oltre ogni parola per la vittoria di Gurnah.

“Gurnah è un autore che dice la verità”, ha detto, descrivendo il suo lavoro come onesto. “Le loro esperienze (personaggi nei libri) sono familiari, il loro legame con casa (Tanzania e soprattutto Zanzibar) spesso tocca un accordo.”

Hadjivayanis ha letto per la prima volta l’opera di Gurnah nel 2003 e attualmente sta traducendo il suo romanzo del 1994 Paradise in Swahili. Sottolineando che molti in Tanzania devono ancora leggere i libri di questo scrittore, ha invitato il governo a includere le sue opere nel curriculum scolastico.

Mkuki Bgoya, direttore di uno dei più grandi editori indipendenti della Tanzania, ha convenuto che Gurnah non è un nome familiare in Tanzania. Ha ricordato una situazione in passato in cui i suoi libri impiegavano molto tempo per essere venduti, qualcosa che si aspetta di cambiare rapidamente sulla scia della vittoria del premio Nobel.

Ha detto che la ragione potrebbe essere la lingua di scrittura usata nei libri, ma anche una cultura della lettura generalmente povera in Tanzania. Ma dopo il premio, Bgoya ha affermato di ritenere che non solo gli scrittori di fantasia locali sarebbero stati ispirati a creare di più, ma avrebbe anche suscitato un maggiore interesse nella lettura di romanzi tra i lettori locali.

“La nostra cultura della lettura è fortemente orientata verso i libri di saggistica. Molte persone leggono libri motivazionali”, ha detto Bgoya.

“L’industria del libro in Tanzania è dominata dai libri di testo e la maggior parte degli editori si concentra sui libri di testo. Questo lascia uno spazio molto piccolo per altri generi come la poesia, i romanzi e i racconti”, ha aggiunto.

“Ora, abbiamo prestato molta attenzione a questo premio e ne stiamo discutendo appassionatamente: il significato di questo lavoro è che convalida il lavoro di finzione, in particolare di temi ispirati alla Tanzania o alla Tanzania”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here